sabato 27 settembre 2008


Cossiga porta sfiga! Questo era uno degli slogan gridati nei cortei ai tempi del Cossiga ministro degli interni, correvano gli anni settanta, oggi a distanza di tempo si può rinnovare il vecchio adagio e applicarlo al figlio del vecchio Presidente; il sottosegretario alla Difesa del governo Italiano Giuseppe Cossiga.
La notizia recita: Cossiga: “A Teulada la Brigata Sassari” il Sottosegretario Italiano G. Cossiga figlio dell’ex Presidente Italiano Francesco, dimostra la sua fedeltà al padrone romano esponendo le “news” militari del suo Governo sui siti di occupazione militare dei nostri territori nazionali di Quirra Perdasdefogu, Teulada, e Santo Stefano.
Infatti il Sottosegretario dice:”Non è ancora il tempo della smobilitazione, ….ci sarà grande attenzione per i territori , le forze armate puntano a creare nuove occasioni di sviluppo”.
Non contento continua , “per questo Governo i rapporti della Difesa con la Sardegna sono nel segno della continuità……non si potrà diminuire la presenza militare nell’Isola….. almeno di questa e della prossima legislatura”. E spiega il riutilizzo di Teulada.
A domanda Cosa significa? R:“Che si creerà un corpo con bandiera, autorizzato anche a compiere missioni all’estero”…(ovviamente il bombardamento del territorio non finirà, ed aggiunge) “ci saranno duecento, trecento, uomini in più. … moltissime esercitazioni si effettuano ormai coi laser, l’impatto ambientale è notevolmente ridotto.” (sic) cosa succederà a Perdasdefogu (salto di Quirra) “la nuova pista definita”striscia multifunzione” consentirà il collaudo e lo sviluppo dei nuovi velivoli senza pilota Sky X e i Neuron, che fanno parte di un progetto ancor più complesso. Anche in questo caso il rapporto con la realtà locale verrà rafforzato”
Si deve sapere che i pastori e i contadini di Quirra quando vengono sgomberati dai pascoli o dai terreni coltivati per esercitazioni militari o sperimentazioni di nuove armi delle multinazionali vengono indennizzati con una retribuzione di 45 centesimi di € l’ora (sic) mentre allo stesso tempo il Governo Italiano percepisce per i terreni di salto di Quirra messi a disposizione delle multinazionali per le prove delle armi 50.000,00 € l’ora nella zona le popolazioni locali vi è un gran fermento per la ferma opposizione che si fa alle esercitazioni militari ed alle prove di nuove armi, ora anche all’aeroporto che servirà per le prove dei nuovi aerei senza pilota come ha detto il Sottosegretario Cossiga (con le nuove leggi varate dal governo, i tentativi di chi si oppone alla normalizzazione verranno spezzati con la giusta energia, Napoli insegna!)
Dell’aereo Sky X che deve essere trasferito a Quirra per le sperimentazioni
Il primo volo, condotto ad una quota di circa 2000 metri e della durata di circa 25 minuti, ha permesso di verificare una serie di parametri operativi e di testare la modalita' autopilota e il sistema di navigazione dell'aereo. L'attivita' sperimentale dello Sky-X in Italia continuera' nelle prossime settimane per il completamento di una prima campagna di voli finalizzata a portare avanti il programma di verifiche e gli sviluppi tecnologici dell'innovativo velivolo. Lo Sky-X, che ha effettuato il primo volo il 29 maggio del 2005, e' un velivolo senza pilota con motore a getto, concepito per sperimentare una vasta gamma di missioni civili e di sicurezza, in particolare compiti di osservazione, sorveglianza e ricognizione strategica del territorio.Ha una lunghezza di circa sette metri ed un'apertura alare di quasi sei metri. Puo' trasportare un carico utile tecnologico di circa 200 chilogrammi, con un peso massimo al decollo di 1.200 chilogrammi. L'aereo, equipaggiato con un motore Snecma Microturbo TRI60-268, ha una velocita' massima di 350 nodi, una velocita' di crociera di 260 nodi e potra' raggiungere 25.000 piedi di quota, manovrando ad alti fattori di carico (5 g). La configurazione esterna dello Sky-X presenta alcune caratteristiche tipiche dei velivoli a bassa osservabilita' radar. Grazie alla costruzione modulare, lo Sky-X ha un'intrinseca capacita' di sviluppo verso configurazioni sperimentali piu' evolute e con sistemi di bordo piu' avanzati. Sono inoltre allo studio una configurazione senza impennaggi di coda e un'altra dedicata alla sorveglianza del territorio, con elevata autonomia operativa.
Aereo o drone (?) che verrà usato in guerra contro il terrorismo nel terzo mondo , ma che potrebbe essere anche usato per reprimere manifestazioni di protesta anche dalle nostre parti, tanto per sperimentare il futuro ordine mondiale.
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!