sabato 10 gennaio 2009

Il pomeriggio della Città Bianca, CAGLIARI, si popola di bella gente, scesa in piazza Garibaldi in solidarietà del popolo Paestinese: uomini donne ma sopratutto bambini, che muoiono massacrati dalle bombe del "Popolo di Dio" (?).

Si apre il corteo di circa tremila persone, con lo striscione dell'Associazione di Amicizia Sardo Palestina, con la scritta emblematica: ISRAELE ASSASSINA BASTA STRAGI IN PALESTINA!.

Il corteo si avvia lentamente su verso via Garibaldi, molta gioventù, bandiere colorate, partecipazione di molti partiti extra parlamentari: Rifondazione, PCL, Sinistra Critica; Movimenti di gente senza partiti, movimenti Indipendentisti: SNI, IRS, A Manca p Indip, MLN Sa Defenza, e tutta la galassia di sensibilità presenti in Città.

Mentre il "Colonizzatore" Berlusconi dalla platea della Fiera si sbellicava a sostenere il suo fantoccio, Cappellacci una marionetta nelle sue mani, uomo che le spara grosse: "centomila posti di lavoro" e i vassalli Sardi presenti in platea applaudono illusi dal Signore della menzogna, e pendono come poveri beoti dalle labbra dei colonizzatori Italioti.
Anche il simbolo del Cappellacci, (brutto cappellaccio per la Sardegna) mette in evidenza la colonizzazione italiota, infatti al centro del target vi è il nome di Berlusconi e non la Sardegna!

In contemporanea, il corteo si è svolge con molta responsabilità sfilando per le via, urlando la rabbia e la frustrazione per l'ingiustizia che i Sion(naz)isti Israeliani perpetrano su un popolo (il palestinese) cacciato dalla propria terra appena dopo la seconda gerra mondiale, per far posto al popolo che ha patito l'olocausto, mentre oggi son coloro (gli Israeliani) che usando i metodi nazisti , hanno ridotto i Palestinesi dentro un lager a cielo aperto con l'innalzamento del muro della vergogna edicato in questi anni da Israele.

Alla fine della manifestazione si è svolto un comizio. Il responsabile della comunità Palestinese a Cagliari ha preso la parola per ringraziare i partecipanti alla manifestazione di solidarietà, ed illustrare la drammaticità della situazione a Gaza, dove mancano i servizi sanitari, le medicine, i beni di prima necessità....

Le file si sciolgono e l'attenzione si catalizza sugli oratori.

Videolina nei TG non dice una parola della manifestazione pro Gaza: VERGOGNA SERVI DEI PADRONI!
Sempre proni ai dictat Sionisti!

ISRAELE ASSASSINA BASTA STRAGI IN PALESTINA!

Palestina libera
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!