sabato 3 gennaio 2009

imprentau dae: http://it.peacereporter.net/Männer und baskische Frauen verbinden Öffentlichkeit zum bewaffneten Kampf, 人およびバスクの女性は武装した苦闘に公衆に加わる, οι άνδρες και οι βασκικές γυναίκες προσχωρούν στο κοινό στην οπλισμένη προσπάθεια
Un annuncio pubblico per dichiarare il proprio ingresso in una organizzazione armata. È successo nei Paesi baschi. Quattro persone a volto scoperto hanno spiegato la decisione di un gruppo di dieci: dal momento che nel corso degli ultimi mesi sono state accusate e inseguite con l'accusa di far parte dell'organizzazione armata basca Eta, pur non essendone militanti, alla fine hanno deciso che vale la pena entrare nell'organizzazione, piuttosto che vivere da braccati e senza la possibilità di partecipare a una normale vita in casa propria e nella propria comunità. La notizia è stata diramata dai quotidiani baschi Gara e Berria. I dieci si presentano come militanti della sinistra indipendentista che in diverse maniere hanno preso parte alla lotta a favore di Euskal Herria. Affermano: "Abbiamo lavorato in diverse organizzazioni del movimento di liberazione nazionale basco fino a quando poliziotti armati fino ai denti sono venuti a torturarci, a incarcerarci e ci siamo visti obbligati a fuggire". "Di fronte all'impossibilità di continuare a lavorare nei nostri paesi, nelle nostre organizzazioni, noi qui firmanti non abbiamo nessuna intenzione di arrestare o di presentarci all'Audiencia Nacional. Se il nemico ci voleva neutralizzare, si è sbagliato di grosso". Per questo scrivono: "Non abbiamo altra opzione possibile . Ci rimane solo il far fronte alla ragione spagnola delle armi, come le armi a nostra volta in pugno e lo faremo con determinazione". Pare un paradosso, e sicuramente lo è. Ma il paradosso, leggendo le dichiarazioni degli aspiranti etarras pone più di un dubbio su dove si sia verificato il corto circuito. Se nella loro percezione della realtà, che li porta a un passo anacronistico, a quel 'impugneremo le armi' che non avevano mai preso in considerazione prima. Oppure se il vizio stia nella criminalizzazione che da anni la magistratura amica e governata dal governo spagnolo sta portando avanti con esplicite lesioni dei diritti personali e di associazione in nome della 'lotta al terrorismo'.
sighit>
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!