sabato 7 febbraio 2009

Louis Michel, EU Commissioner
for Humanitarian Aid
Iscritu dae: Michael Warschawski, Alternative Information Center (AIC)
Tradutzioni pro sa defenza dae: Antonella Pacilio

Vergogna su di voi vecchia Europa, di cui il commissario per gli Aiuti umanitari (sic), Louis Michel, ha chutzpa[1] a "ricordare, in questo momento, la stragrande responsabilità di Hamas" per le terribili condizioni in cui i residenti di Gaza stanno cercando di sopravvivere. E Michel ha il coraggio di aggiungere: "L'opinione pubblica è stufa di vedere che stiamo pagando più e più volte per le infrastrutture che saranno sistematicamente distrutte" Chi distrugge queste infrastrutture - Hamas?

Chi pensi di essere, Mister Michel, distribuendo buoni punti e monete ai bravi neri -scusate, buoni Arabi - e cattivi punti ai cattivi? Il popolo di Gaza ha qualcosa da dirLe, Signor Alto Commissario: Patrice Lumumba ha cacciato il colonialismo Belga dal Congo più di quaranta anni fa, e la Palestina non sarà la nuova colonia dell'Europa.

Invece di fornire assistenza umanitaria a Gaza, sollevando Israele dal suo dovere internazionale di farlo, l'Unione Europea dovrebbe immediatamente imporre un embargo su Israele, anzitutto sull'equipaggiamento militare. In secondo luogo, l'Unione Europea faccia pressione sullo Stato di Israele affinchè porti Ehud Barak a processo insieme agli altri criminali di guerra Israeliani, mettendo anche in chiaro che se non riuscirà a farlo, l'Europa dovrà avviare una procedura giudiziaria presso il Tribunale Speciale Internazionale, come ha fatto in precedenza con Slobodan Milošević.

In terzo luogo, l'UE dovrebbe tagliare le somme necessarie per la ricostruzione di Gaza e compensare i cittadini per la "sistematicamente distrutta", risarciti con parte degli enormi privilegi commerciali e finanziari che lo Stato di Israele riceve.

In questo modo, Signor Commissario, l'Europa non avrà "da pagare più e più volte".
Invece, l'UE sta migliorando i rapporti tra Israele e l'Europa, premiando i crimini di guerra di Israele e la distruzione dei progetti europei a Gaza, dopo aver sistematicamente (queste sono le sue parole, Louis Michel) fatto la stessa cosa in Cisgiordania meno di quattro anni fa. Per fortuna, né Lei né i funzionari di Bruxelles sono la vera Europa. Poche settimane fa, centinaia di migliaia di veri cittadini europei hanno marciato per le strade di Londra e Berlino, Roma e Parigi e Madrid, esprimendo non solo la loro rabbia nei confronti di Israele, ma anche verso la loro stessa Unione che ha tradito i valori sui quali la Nuova Europa doveva essere fondata, dopo i terribili giorni del fascismo e le colossali spese di guerra e militarismo.

L'Europa di Michel ha pienamente collaborato con il criminale embargo di Israele su Gaza, pertanto porta la piena responsabilità non solo per la crisi umanitaria, ma anche per le migliaia di vittime innocenti dell'aggressione militare Israeliana. Collaborando, i leaders europei stanno importando il conflitto nei loro stessi paesi, provocando gravi disordini e tensioni tra le comunità etniche e religiose che costituiscono la società europea. La palese ascesa di sentimenti ed azioni anti-ebraici è il diretto risultato di questa collusione con Israele e del criterio di due pesi e due misure dell'Europa, nel modo in cui tratta con gli ebrei e con i musulmani.
Quando l'Iraq ha invaso il Kuwait, l'Unione europea non ha esitato ad attaccare Baghdad, nonostante le centinaia di migliaia di morti civili che hanno fatto seguito, per bombe o per fame. Ma, mentre Israele distruggeva Gaza, Louis Michel accusava la leadership locale eletta per la sua propria sofferenza.

Louis Michel, tu sei parte del problema, e sei escluso dal giocare un ruolo costruttivo nella nostra zona. Louis Michel, vai a casa!

Iscritu dae: Michael Warschawski, Alternative Information Center (AIC)
Tradutzioni pro sa defenza dae: Antonella Pacilio

http://www.alternativenews.org/content/view/1565/236/
NOTE
[1] Chutzpah: parola derivante dallo yiddish, con il significato di "insolente, impertinente", originariamente usata dalla comunità ebraica; nella lingua inglese ha acquisito una vasta gamma di significati. Nonostante l'utilizzo iniziale abbia un'accezione negativa, la parola chutzpah possiede nella sua incarnazione in inglese altri risvolti: esprime ammirazione per l'essere audacemente
non conformista nel proprio campo, oltre ad una particolare presunzione ed arroganza nel mostrarsi tale. Uno degli esempi più semplici circolanti sullo chutzpah è il seguente: "Un ragazzo viene processato per l'omicidio dei propri genitori e si appella alla bontà umana del giudice perché ormai orfano".
Nota tratta da Wikipedia.org, l'enciclopedia libera
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!