mercoledì 18 marzo 2009


Sa defenza sotziali ribadisce il NO forte duro e deciso al nucleare.

Invitiamo tutti i cittadini Sardi a prendere una decisa presa di posizione contro il progetto nucleare di questo stato padrone e colonizzatore con istinto assassino che come un rullo compressore schiaccia i diritti dei popoli alla loro autodeterminazione e le scelte politiche economiche sociali alternative.

Questo stato italiota che dimostra che l'unica ragione a cui son soggetti a piegarsi è quella del rapporto di forza, avremo NOI l'ardire di contarci su queste basi?
Proprio per questo motivo dobbiamo affrancarci gli uni con gli altri ed essere pronti e determinati a respingere un attacco che non avveniva ormai da molto tempo.
E' evidente che non bisogna assopirsi lasciando che questi soggetti prendano campo con queste idee aberranti, diceva il buon Gesù, poichè "il ladro arriva nell'ora meno attesa" manteniamoci desti ed organizzati a respingere con determinata consapevolezza l'intento di questo nuovo attacco contro la nostra natzione e il futuro dei figli dei nostri figli.

A foras sos colonialistas a foras sas bases militares et nuclearis!

Aderiamo al Coordinamento Antinucleare “salute-ambiente-energia” costruendo anche qui un comitato per affrontare decisamente la mobilitazione dei nuclearisti e modernisti antisociali dello stato italiano.


Il sistema capitalistico cerca di uscire indenne dal crack provocato dal suo modello di produzione e consumi, scaricandone i costi e i danni sui lavoratori e i ceti popolari,sulla salute e l’ambiente.
La crisi generalizzata già pesa sui meno abbienti in termine di disoccupazione e perdita di diritti, di precarizzazione e impoverimento dell’esistenza, mentre il governo continua a regalare soldi pubblici ai banchieri,padroni e speculatori che l’hanno prodotta.

Invece di cambiare sistema sostenendo l’energia solare e le rinnovabili, il riassetto idrogeologico,i beni comuni e le infrastrutture sociali,l’alimentazione biologica a filiera corta, si continuano a finanziare progetti e opere devastanti come la TAV,il Ponte sullo Stretto,i rigassificatori,gli inceneritori e la riproposizione del nucleare in nome di una falsa autonomia energetica, ovvero le lobbies che lucrano e vivono di appalti pubblici e sovvenzioni statali.
Seveso-Bhopal , Acna-Farmoplant , Marghera-Priolo , Garigliano-Cernobyl - i rifiuti tossici sotterrati in particolare nell’agro campano o scaricati in mare - con il loro carico di inquinamento irreversibile,di malattie mortali,di innumerevoli lutti, dovrebbero far riflettere sui disastri sanitari e ambientali già procurati.

Invece si continua peggio di prima, attraverso ulteriori strumenti coercitivi e autoritari, quali la militarizzazione dei siti e l’esautoramento dei poteri di intervento dei cittadini e degli enti locali :le scorie radioattive ammassate nella discarica di Pitelli, i depositi nucleari di Saluggia e Rotondella-Trisaia , sono li a testimoniarlo !

A 22 anni dal referendum vincente che mise al bando le centrali nucleari , il governo Berlusconi si prepara a reintrodurre l’atomo nel nostro paese. Lo fa con un protocollo siglato il 24 febbraio 2009 a Roma con il presidente Sarkosy e sottoscritto da Enel e Edf , ponendo le basi per la costruzione di 4 centrali di terza generazione, per la prevedibile entrata in produzione a partire dal 2020 !
NON C’E’ TEMPO DA PERDERE !

Nonostante il nucleare sia anacronistico,dispendioso,ultrainquinante e che dispone in se una visione di società gerarchica e aggressiva. Stante la crisi , la scelta nucleare è oltremodo fuorviante e deprime le risorse da destinare alle emergenze sociali , alle innovazioni, al risanamento ambientale.
Abbiamo a che fare con una lobby trasversale al centrodestra e centrosinistra. Con questi boss non ci sono ragioni , riconoscono solo i rapporti di forza !
E’ L’ORA DI TORNARE A LOTTARE CONTRO IL NUCLEARE E L’ENERGIA PADRONA.

Dopo le assemblee e gli incontri tenuti in più regioni , che già vedono la nascita di comitati territoriali con l’adesione di scienziati – tecnici – lavoratori del settore e la condivisione di molteplici vertenze/resistenze ambientali e sociali , si è dato vita ad un organismo semplice,aperto,agile, il Coordinamento Antinucleare “salute-ambiente-energia”, in grado di affrontare immediatamente la battaglia comunicativa e di contribuire con iniziative via via più incisive alla rinascita di un movimento antinucleare , capace di fronteggiare e vincere questa altra sfida dell’energia padrona .



Coordinamento Antinucleare “salute-ambiente-energia”
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!