sabato 21 marzo 2009



GERUSALEMME (Reuters) - I rabbini dell'esercito israeliano hanno detto alle truppe incaricate dell'offensiva nella Striscia di Gaza nel mese di gennaio che stavano combattendo una "guerra religiosa" contro gli infedeli, stando ad un racconto di un comandante dell'esercito, pubblicato venerdì.

"Il loro messaggio è stato molto chiaro: noi siamo i giudei, noi siamo arrivati in questa terra per miracolo, Dio ci ha riportato qui e ora noi dobbiamo combattere per espellere gli infedeli che stanno interferendo con la nostra conquista di questa terra occupata", ha riportato il militare.

Queste rivelazioni si riferiscono ad un meeting, tenuto il 13 febbraio, dalle forze armate per condividere le proprie esperienze riguardanti Gaza. Alcuni veterani, diplomati all'accademia militare Israel Defence Force, hanno raccontato delle uccisioni di civili e delle loro impressioni circa l'atteggiamento carico di disprezzo per i palestinesi dei vertici delle forze armate israeliane.

In un pezzo ancor più lungo, pubblicato nell'edizione del venerdì "Week's End", il soldato Ram ha parlato delle operazioni relative al 22esimo giorno, parlando di "sensazioni simili a quelle di una missione religiosa".

Le operazioni sono cominciate con un sergente credente che "ha riunito l'intero plotone e ha guidato la preghiera per coloro che stavano per partire in missione".

"Anche quando eravamo in missione hanno spedito questi opuscoli pieni di salmi. Credo che nella casa dove alloggiavamo avremmo potuto riempire una stanza con tutti i salmi che avevamo ricevuto".

obiezione di coscienza di soldati israeliani rifiutano di essere richiamati a combattere

"TUTTI TERRORISTI"

Un comandante della brigata di cui faceva parte Ram, chiamato Aviv, ha raccontato le sue sensazioni circa gli ordini di rompere le porte dei palazzi con veicoli armati e di sparare a chiunque fosse presente negli edifici, stanza per stanza.

Alla fine l'ordine è stato corretto, includendo nell'operazione "dei megafoni" con i quali avvertire i cittadini che avevano cinque minuti per evacuare o sarebbero stati uccisi.

Avid ha riportato come "si sia verificato un episodio disdicevole" quando, durante un briefing con i suoi uomini, un soldato ha protestato contro il nuovo ordine, ribattendo: "Chiunque sia dentro gli edifici è un terrorista, è un fatto risaputo".

A quel punto i suoi compagni si sono uniti a lui: "Dobbiamo uccidere chiunuqe si trovi lì, tutti quelli che stanno a Gaza sono solo terroristi", e tutte le altre cose con le quali i media ci riempiono la testa, avrebbe detto Aviv.

Il Centro palestinese per i diritti umani ha stimati i morti palestinesi durante la guerra in 1.417, 926 civili, 236 soldati e 255 ufficiali di polizia. Ufficiali israeliani contestano queste stime. Tredici israeliani sono stati uccisi.

Ieri un gruppo di esperti israeliani, l'International Policy Institute for Counter-Terrorism, ha negato le stime secondo cui quasi 1.000 civili di Gaza sono stati uccisi.

Il ministro della Difesa israeliano Ehud Barak ha risposto alle rivelazioni dell'Idf ripetendo la descrizione che Israele fa delle sue forze armate, come le più morali del mondo.

Stando a quello che riporta un soldato di nome Moshe, le investigazioni circa il comportamento sul campo di battaglia non sono prese seriamente.

Moshe riferisce quelle che sono le reazioni dei soldati israeliani:

"Non è piacevole dirlo, ma a nessuno interessa. Non stiamo facendo nessuna investigazione. Questo è quello che succede durante i combattimenti".


:: Article nr. s9496 sent on 21-mar-2009 05:43 ECT
www.uruknet.info?p=s9496

Link: it.reuters.com/article/topNews/idITMIE52J0HX20090320

Soldati israeliani sparano a contadini palestinesi. 05-02-2009
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!