sabato 13 giugno 2009



SA DEFENZA SOTZIALI
solidarizza con il patriota sardo BRUNO BELLOMONTE E AMPI, perseguitato dallo stato coloniale Italiota per la sua militanza anticolonialista comunista ed indipendentista, SIAMO A LUI VICINO E RIVENDICHIAMO assieme A TUTTI I PATRIOTI
SARDI LA LOTTA PER LA LIBERAZIONE DELLA NOSTRA TERRA CHE DEVE ESSERE LIBERATA DALLE TRUPPE DI OCCUPAZIONE ITALIOTE E NATO.
A FORAS SOS COLUNIALISTAS ET SO SFRIUTTADORES DE SA NOHSTA TERRA!
LIBERTADI PRO BRUNO ET SA SARDINIA!



SNI castedhu:
Nell'operazione delle forze dell'ordine italiane, che oggi è riportata dai quotidiani, si rileva che tra gli altri è stato arrestato anche Bruno Bellomonte, militante di A Manca Pro s'Indipendentzia che come noi ricordiamo che aderisce a Unidade Indipendentista.
Le indagini in corso riguarderebero l'organizzazione di un attentato terroristico che si sarebbe dovuto provocare all'isola di La Maddalena nel periodo degli incontri del G8.
Al riguardo del G8 a Sa Maddalena, Sardigna Natzione ed altre realtà della politica e del mondo sociale sardo, aveva reso noto che avevano costituito il comitato "A FORAS SU G8" che aveva lo scopo di manifestare la contrarietà al presupposto per cui gli 8 potenti della terra dovessero pianificare per tutto il pianeta. L'attività che il comitato stava pianificando era una sorta di controvertice delle nazioni senza stato, perche la nostra intenzione era dare una chiave di lettura della protesta tutta nostra, sarda e di tutte le nazioni sottomesse. Altra cosa importante delle decisioni del comitato era che sulla base del fatto che il vertice del G8 si svolgeva in Sardegna (DUNQUE NON IN ITALIA) non era disponibile alla diluizione della protesta dando spazio ai "disobbedienti" o altri gruppi esterni che indirizzavano la loro protesta con le modalità e tematiche fino ad allora portate avanti in eventi del genere.
Adesso abbiamo saputo queste novità che riguardano Bruno Bellomonte. Che dire? A Manca ha ribadito che al suo interno non esistono livelli di attività diversa oltre quelli pubblicamente esternati, inoltre sono sicuri della correttezza del comportamento di Bellomonte (all'interno delle linee di A Manca).
A Manca per quanto abbiamo potuto apprendere su essa sia prima che dopo la "OPERAZIONE ARCADIA" ha sempre manifestato pubblicamente di voler lottare comunque all'interno delle linee della legalità ... e così dobbiamo riconoscere che ha anche agito.
Su Bellomonte (è una persona onesta e che sta portando avanti i suoi principi con convinzione, onestà e all'interno della legalitàe che lotta per la libertà del nostro paese.)

arriceus et pubricaus

All’attenzione degli organi d’informazione

In data mercoledì 10 giugno 2009 è stato arrestato a Roma il compagno Bruno Bellomonte, dirigente nazionale membro del Direttivu Politicu Natzionale dell’organizzazione a Manca pro s’Indipendentzia.
Dalle notizie frammentarie che abbiamo ricevuto il compagno Bruno Bellomonte è uno dei cinque arrestati per un’inchiesta dell’Antiterrorismo italiano che indaga presumibilmente su organizzazioni legate alle Brigate Rosse – Partito Comunista Combattente.
L’accusa a suo carico e a carico degli altri arrestati parrebbe essere quella di partecipazione a banda armata e associazione sovversiva, per quanto, ripetiamo, le informazioni in nostro possesso sono ancora molto vaghe e frammentarie.
A Manca pro s’Indipendentzia, organizzazione comunista indipendentista in lotta per l’indipendenza nazionale della patria sarda e per la liberazione del Popolu Traballadore Sardu, rivendica con forza l’appartenenza del compagno Bruno Bellomonte alla propria e solo alla propria struttura organizzativa ed al Movimentu de Liberazione Natzionale Sardu più in generale.

Il compagno si è sempre distinto nelle lotte anticolonialiste ed indipendentiste che l’organizzazione a Manca pro s’indipendentzia ha in questi anni portato avanti per la liberazione nazionale e sociale del nostro popolo; la sua eccellente condotta rivoluzionaria è sempre stata alla luce del sole e non ha mai avuto alcunché di clandestino né di armato.
Denunciamo ancora una volta energicamente i reiterati tentativi delle Forze d’Occupazione Italiane di intossicare l’opinione pubblica cercando di far passare la nostra organizzazione per una struttura composta da compagni dediti alla lotta armata!

Come già visto nel clamoroso flop repressivo del 2006 denominato Operazione Arcadia, niente è mai stato provato né dimostrato (nonostante l’ingiusta prigionia di nostri 10 militanti) dai perfidi veleni colonialisti che il potere italiano periodicamente riversa su un’organizzazione come la nostra, che di altro non vive se non di una stretta militanza al fianco del popolo sardo!
Chiamiamo tutte le forze coscienti della nostra nazione, tutti i lavoratori e gli anticolonialisti a stringersi in un abbraccio di solidarietà e protesta con la nostra organizzazione per dire NO alle continue operazioni terroristiche dell’occupante italiano verso le organizzazioni indipendentiste!

SOLIDARIETA’ AGLI ARRESTATI DEL 10 GIUGNO!
VIVA LA LOTTA PER L’INDIPENDENZA!
VIVA LA LOTTA PER IL SOCIALISMO!


A Manca pro s’Indipendentzia
Direttivu Politicu Natzionale
Nugoro, 10/06/09
www.manca-indipendentzia.org


AGLI ORGANI DI INFORMAZIONE
COMUNICATO STAMPA

CONTINUANO LE PROVOCAZIONI
VERSO GLI INDIPENDENTISTI SARDI



Tra i cinque arrestati dall’antiterrorismo italiano c’è anche il patriota sardo Bruno Bellomonte con la solita imputazione, rivelatasi spesso di comodo, di legami con forme di lotta armata.
SNI che conosce e stima Bruno Bellomonte, dirigente di AMPI ed esponente di UNIDADE INDIPENDENTISTA, sa che Bruno ha sempre svolto la sua militanza, come tutti noi, alla luce del sole e che non ha mai creduto nella lotta armata come metodo per risolvere questioni che devono avere una soluzione politica.

Ferma solidarietà dunque di SNI al patriota Bruno ed al movimento indipendentista comunista AMPI con il quale, insieme ad altri movimenti, SNI stava lavorando nel comitato A FORA SU G8 per organizzare un convegno delle nazioni senza stato e diverse altre iniziative culturali e politiche da realizzare in occasione del G8 a La Maddalena.

Bruno, che nel comitato A FORAS SU G8 è stato membro attivo, ha condiviso il documento base reso pubblico ed ha sempre manifestato l’assoluta contrarietà ad iniziative che dessero l’occasione di criminalizzare il movimento indipendentista.

Siamo certi che questa provocazione fallirà come ha fallito quella predente chiamata operazione ARCADIA, creerà dei disagi, specialmente alla famiglia di Bruno, ma non fermerà il suo impegno indipendentista ed anzi lo rafforzerà come rafforzerà la lotta indipendentista in generale e darà il via ad una serie di iniziative, pacifiche, per chiederne la liberazione.


Nugoro 11/06/09 BUSTIANU CUMPOSTU
Coordinadore Nazionale
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!