mercoledì 15 luglio 2009

Discorso di Rafael De La Rubia all'inaugurazione del Parco di Studio e Riflessione di Toledo (Spagna) il 22/06/2009.

"Siamo in questo giorno festivo, di celebrazione e di ritrovo di amici in questo bel parco che oggi si inaugura. Tutto questo ci apre il futuro.

Per continuare in questa direzione, per continuare a costruire il futuro cui aspiriamo, stiamo mettendo insieme sforzi in tutto il pianeta in un'azione comune, in una Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza.

Per la prima volta una Marcia Mondiale. Questa sarà la prima azione mondializzata che sintonizzerà gente di più di cento paesi, e magari milioni di persone, sul tema della Pace e sulla metodologia della nonviolenza.

Ispirata agli ideali dell'umanesimo universalista, l'associazione "Mondo senza guerre" nasce per cercare di avvicinarci a quella nazione umana alla quale il movimento umanista aspira. Si comprende come eliminare le guerre sia la condizione di partenza verso la "nazione umana universale". E' nel cammino verso questo obiettivo che nasce questa Marcia Mondiale che oggi conta sull'appoggio di più di 2000 organizzazioni e di un milione di adesioni. Siamo certi che la MM comincia ad essere conosciuta ai più alti livelli internazionali. Pochi giorni fa in un incontro all'ONU, il presidente dell'Assemblea delle Nazioni Unite indicava la MM come "il nuovo paradigma internazionale del secolo XXI."

La Mm continua a crescere da quando è diventata pubblica un anno fa, perché è aperta alla partecipazione di tutti i settori sociali senza discriminazione alcuna. Non importa da dove vengano le adesioni, né la tessera di appartenenza. L'unico requisito è lavorare gomito a gomito nella confluenza di questi obiettivi comuni: lo smantellamento delle armi nucleari, "tolleranza zero con le armi di distruzione di massa"; riduzione dei preventivi per le armi; firma di trattati di non aggressione tra paesi; abbandono dei territori occupati; e rinuncia degli stati ad utilizzare la guerra come mezzo di risoluzione dei conflitti.

Queste sono le proposte generali sulle quali vogliamo "creare coscienza" con la MM.

Si farà una marcia, un percorso simbolico che attraverserà vari paesi. Ma la cosa importante non è questo percorso, la cosa importante sarà la quantità di attività che si attiveranno in simultanea in più di 300 città del mondo il 2ottobre quando comincerà la MM.

Andremo in luoghi di conflitto, luoghi dove sono avvenute tragedie, luoghi con confini chiusi, luoghi emarginati e dimenticati. cercheremo di fare in modo che quelle frontiere si aprano, che si riconcilino le ferite di quei conflitti, mentre cercheremo di aprire nuove forme di relazione, di scambio e cooperazione tra i paesi.

Ma, dato che stiamo in un centro di studio e di riflessione possiamo parlare anche di dare una dimensione interna a questa Mm. Non si tratta solo di una marcia "fuori". Possiamo fare la nostra marcia interna. Percorrere i nostri luoghi di conflitto, i nostri luoghi contraddittori, le nostre inimicizie, le nostre battaglie interne. Possiamo anche disattivare i nostri comportamenti violenti, e anche in questo lavoro staremo "facendo la Mm per la pace e la nonviolenza."

Amici, questo Parco di Studio e Riflessione è inserito in una terra millenaria. Qui sono passate molte civiltà. Ci sono state guerre, invasioni, conquiste e riconquiste, piene di storie strazianti, dove la pazzia è arrivata ad estremi fatali. L'ultimo episodio bellico, che ha preso la forma peggiore,quella di "guerra civile", fece affrontare tra loro membri dello stessi popolo, perfino della stessa famiglia.

Ma Toledo ebbe anche momenti di splendore in un'epoca nella quale l'Europa era sommersa nelle tenebre. Nel medioevo, quando Toledo si chiamava Tulaytulah, la "doppiamente tollerante". Lì le tre culture: arabo, cristiana e ebrea convivevano. Toledo diventò un centro di irradiazione di sapere. Qui arrivava gente da tutta l'Europa per cercare conoscenza. Questa marcia mondiale sorge da queste terre come un nuovo tentativo, un ulteriore apporto per uscire definitivamente dalla preistoria umana.

Stiamo a 104 giorni dall'inizio della prima marcia mondiale. Amici, la maggioranza di noi sono già protagonisti di questa marcia, ed invitiamo coloro che ancora non lo sono a partecipare, ad essere artefici della più grande avventura umana a favore della pace e la nonviolenza.

Amici, fra149 giorni ci rivedremo qui quando, in questo parco, passerà la Mm il 15 novembre. "

Rafael de la Rubia
Portavoce Internazionale di Mondo Senza Guerre
www.mondosenzaguerre.org
Portavoce Internazionale della Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza
www.marciamondiale.org
www.theworldmarch.org
Parco di Studio e Riflessione di Toledo (Spagna)
www.parquetoledo.org

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!