giovedì 22 ottobre 2009

Sergio Gabriele Cossu

Prendendo ad esempio la tragica esperienza di Chernobyl e riproponendola in un ipotetico scenario in cui tale disastro dovesse verificarsi nel suolo sardo affiora la prospettiva di un vero genocidio, cioè: pressoché la totale scomparsa della nazione sarda.
Infatti i 900 mila morti diretti e indiretti che vengono attribuiti al disastro di Chernobyl a tutt’oggi, significherebbero per la popolazione sarda la quasi scomparsa, giacché tale cifra corrisponde al 60 % dei residenti in Sardegna.
I 30 mila Km quadrati interessati allo sfollamento iniziale per evitare il fall out radiativo superano abbondantemente la superficie della Sardegna che corrisponde a circa 24.000 Km quadrati.
La stessa superficie che oggi è stata ripopolata degli ucraini e i biellorussi malgrado la presenza di radionuclidi nel suolo, nelle piante e negli animali, secondo i parametri di sicurezza occidentali non dovrebbe essere abitata per almeno 300 anni.
Se succedesse nella nostra isola, la Sardegna contaminata e priva dei suoi abitanti, verrà utilizzata per svolgere esercitazioni di guerre nucleari simulate, esperimenti scientifici ad alto rischio, ma soprattutto come deposito europeo per scorie pericolose di ogni sorta.
Naturalmente l’isola sarà ancora di proprietà dell’Italia e molti stati saranno ben contenti di pagare per ottenere tali servizi.
Il ricavato sarà sicuramente impiegato per pagare i costi ingenti derivanti dalle prestazioni mediche ai superstiti, nonché nella predisposizione di un piano di rientro, attuabile dai 100 ai 300 anni.
I nostri posteri potrebbero ritornare dopo 300 anni: ma chi saranno?
I Sardi superstiti, malati nel fisico e distrutti nell’anima saranno sradicati dai loro luoghi e privati dei loro affetti, costretti ad errare nel mondo in luoghi non sempre amichevoli. Perdendo i contatti con la madre patria perderanno la memoria e con essa la lingua e la cultura. Il genocidio verrà accelerato quando i superstiti del disastro nucleare non saranno più capaci di mantenere i contatti attraverso le generazioni che si susseguiranno.
Scomparirà una civiltà millenaria unica.
Coloro che alla scadenza si presenteranno ad occupare la nostra isola saranno degli individui che non avranno niente a che vedere con noi e con la nostra cultura. Magari saranno i pronipoti dei responsabili della scomparsa della nostra gente
In conclusione , vale la pena di rischiare tutto questo?
Sardi, diciamo di no già adesso all’eventualità di insediamenti nucleari nella nostra terra!




Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!