sabato 31 luglio 2010

tradutzioni de Sayli Vaturu

http://www.guardian.co.uk/world/video/2010/jul/28/palestinian-territories-israel


Neve Gordon
http://www.guardian.co.uk/commentisfree/2010/jul/28/ethnic-cleansing-israeli-negev

La demolizione di un villaggio beduino da parte della polizia israeliana dimostra quanto lo Stato andrà a conseguire l'obiettivo di giudaizzare la regione del Negev

Un convoglio minaccioso dei bulldozer stava tornando a Be'er Sheva mentre guidavo verso l'al-Arakib, un villaggio beduino situato non più di 10 minuti dalla città. Una volta entrato nella strada sterrata che conduce al villaggio ho visto decine di furgoni di poliziotti pesantemente armati preparati a partire. La loro missione, a quanto pare, era stata già compiuta.

I segni di distruzione sono immediatamente evidenti. Ho notato le galline e le oche massacerate di pressi di una casa demolita, e poi ha visto un'altra casa e poi un altra, tutte le macerie.

Alcuni bambini stavano cercando di trovare un posto ombreggiato per nascondersi dal sole cocente del deserto, mentre alle loro spalle un flusso di fumo nero si alza dal fieno in fiamme. Le pecore, le capre e il bestiame erano in una posizione nascosta - forse perché la polizia li aveva confiscati.

Decine di uomini beduini erano in piedi su una collina gialla, condividendo le loro esperienze alle prime ore del mattino, mentre tutto intorno a loro gli alberi di ulivo erano sradicati e giacevano a terra. Un intero villaggio composto tra il 40 e 45 case sono state completamente rase al suolo in meno di tre ore.

All'improvviso ho avuto un déjà vu: una immagine di me stesso in piedi tra le macerie di un villaggio distrutto da qualche parte in una periferia della città libanese di Sidone. E 'accaduto oltre 25 anni fa, durante il mio servizio militare nei paracadutisti israeliani.

In Libano, i residenti erano tutti fuggiti prima che il mio plotone fosse arrivato, e noi semplicemente abbiamo camminato tra le macerie. C'era un qualcosa surreale in quella l'esperienza, e mi ha impedito di comprendere appieno il suo significato per molti anni. Al momento, ripensandoci, mi sembrava di camminare sulla Luna.

Questa volta l'impatto della distruzione ha dimostrato la capacità di distruzione immediata. Forse perché, quando sono arrivato, le 300 persone che risiedevano in al-Arakib, compresi i loro figli, erano seduti sotto le macerie, e la loro angoscia era più che evidente, o forse perché il paese è vicino al mio e si trova a soli 10 minuti da casa mia, a Be'er Sheva .

Io son passato tempo addietro in quei luoghi quando andavo a Tel Aviv o, a Gerusalemme, forse perché i beduini sono cittadini israeliani, ho improvvisamente capito quanto lo Stato d'Israele sia disponibile a raggiungere il suo obiettivo di giudaizzare la regione del Negev;

Quello che ho visto è stato, dopo tutto, un atto di pulizia etnica.

Dicono che l'intifada successivo sarà l'intifada beduino. Ci sono 155 mila beduini nel Negev, e più della metà di loro vive in villaggi non riconosciuti, senza elettricità o acqua corrente. Non so cosa potrebbero fare, ma 300 persone senza tetto, 200 dei quali bambini, Israele è sicuramente il drago che semina per il futuro solo morte e disperazione.





Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!