lunedì 11 ottobre 2010



Teulada 10 ottobre 2010, una giornata uggiosa e grigia oltre che piovosa, sembra che tutti i numi siano contro di NOI, ma la sorpresa viene come compensata da una partecipazione popolare grandiosa, un migliaio di teuladesi in piazza e dopo nel palazzetto dello sport partecipe del sentimento nazionale nato dalla proposta di referendum consultivo sul nucleare proposto da Sardigna Natzione e NO NUKE, e a rivendicare sovranità ed opposizione al progetto di morte nucleare , che , il governo italiota ci vuole propinare e rivogare contro la nostrà dignità e volontà.

Oggi, si rischia che Teulada, suo malgrado, passi alla ribalta per una ulteriore servitù: LA CENTRALE NUCLEARE, che, il governo italiota del premier "sardo" adottato dalla Gallura Silvio Berlusconi e company vuole installare nella nostra terra.

Sappiamo quanto sia folle costruire centrali atomiche su un'isola, tra l'atro delle dimensioni della Sardegna poco più di 24000 kmq, considerate che l'area di evacuazione attorno a Chernobyl fu di 30000 kmq.. di conseguenza è tutto dire della serietà dei profeti di sventura dello stato italico e dei suoi lacchè e servitori costruttori e cementificatori nonchè speculatori a basso costo personale nello sfruttamento del territorio sardo, dei piani di evacuazione e sicurezza....

Bisogna iniziar a far pagare cara la loro scelta malaugurata del nucleare, dettata dalla malafede affaristica e tronfia di ingorda e meschina avidità, tramite campagne di boicotaggio sull'energia per quanti partecipano al comitato d'affari sia che siano coinvolti nella progettazione, costruzione o sfruttamento del territorio con appalti o altro, nel progetto Nucleare italiota in patria Sarda!

Il popolo sardo sta ponendo le basi per dare una spallata a questi avidi e tronfi politici che siano italioti o che siano i suoi leccaculi sardo-italioti

Si respira nell'aria un nuovo profumo di risveglio dal torpore ipnotico incantatore del re mediatico, una nuova era si staglia di fronte a NOI la scelta della sovranità e dell'abbandono della servitù-schiavitù nata nel lontano 1847 dalla cosidetta "FUSIONE PERFETTA".

Denunciamo che la sovranita' del popolo sardo ''e' stata frettolosamente abbandonata nelle mani della monarchia sabauda in cambio della 'perfetta fusione con gli Stati della terraferma' '' nel 1847, precisiamo di considerare ''politicamente conclusa la vicenda storica conseguente alla rinuncia alle proprie sovranita' istituzionali, avvenuta il 29 novembre 1847, e solo parzialmente recuperate nella legge costituzionale 26 febbraio 1948, n.3, 'Statuto speciale per la Sardegna' ''.

Conseguentemente poniamo le basi per la indipendenza della nazione sarda già da ora , sia con il referendum consultivo che deve trasformarsi in un referendum di sovranità sarda per la cacciata dei nuovi "piemontesi" con un voto pebliscitario e trasversale per il bene comune della nostra terra!

Rimettere in discussione le servitù pendenti e tutte le scelte fatte dal governo italiota in funzione anti sarde, i quali perpetrano uno sfruttamento esagerato ed esasperato del territorio attuando una politica mortifera sulla nostra terra ed il nostro popolo.

Accade , che, nelle basi militari si usano armi non convenzionali (Uranio impoverito ed altre sostanze sconosciute) trasformando il territorio circostante in grande laboratorio per test sulla popolazione civile lì vivinte.

Le prove di questo scempio, le possiamo riscontrare nelle testimonianze dei cittadini del luogo e dalle indagini epidemiologiche che rivelano l'alta diffusione di tumori maligni e morti precoci nei pressi delle basi militari di Quirra e Teulada , malattie e morti pressochè inesistenti nel resto della nostra isola.

Inoltre condanniamo moralmente e politicamente le loro politiche scellerate accapparratorie del nostro territorio contro la volontà popolare e nazionale sarda, che lo stato Italiota ne fà con l'intento di trasformare la nostra isola come piattaforma per la produzione di energia a loro necessaria, per poi portarla tramite i cavi SACOI e SAPEI nel continente italico , ove consumarla, non tenendo in nessuna considerazione i danni ambientali e umani che arrecano alla nostra gente e alla nostra terra, partono dall'idea che questo luogo sia da considerare discarica comune a costo zero, sia per loro che per l'europoa intera... portare i rifiuti nucleri o di elevata tossicità chimica e biologica, è la soluzione dei loro problemi.

NON POSSIAMO TOLLERARE OLTRE QUESTA ONTA PER LA NOSTRA TERRA!

SIAMO POPOLO, NAZIONE, CON LA NOSTRA LINGUA E CULTURA , VOGLIAMO RIVENDICARE LA DIGNITA' DI UOMINI E DONNE LIBERI, E DI POTER DECIDERE DA NOI, DEL NOSTRO FUTURO !!

LIBERTADE INDIPENDENTZIA SOBERANIA!!





























Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!