venerdì 5 novembre 2010

Kyaw Zwa Moe,
The Irrawaddy, Thailandia



Per la prima volta dopo vent’anni, il 7 novembre il paese asiatico andrà alle urne. Ma con la legge elettorale voluta dalla giunta militare il risultato è scontato e il voto inutile

Le discusse elezioni birmane, le prime in vent’anni, sono alle porte. Quasi tutti i gruppi democratici del paese le deiniscono “antidemocratiche e inutili”. Per i 37 partiti che hanno presentato le loro liste, sono “l’unica alternativa politica”, mentre molti birmani sono convinti che “non produrranno nessun vero cambiamento”.

La leader democratica Aung San Suu Kyi è ancora agli arresti domiciliari, restano in carcere oltre 2.100 prigionieri politici e i partiti che rappresentano alcune etnie sono stati esclusi. Inoltre, la commissione elettorale nominata dalla giunta militare ha stabilito delle regole che limitano la libertà dei partiti democratici e favoriscono il partito che rappresenta la giunta, l’Unione solidarietà e sviluppo (Usdp). Le regole, sostiene la commissione, colpiscono tutti i partiti allo stesso modo. Ma l’Usdp le ignora, sapendo che non ci saranno ripercussioni.

La giunta non vuole la democrazia in Birmania. L’obiettivo di queste elezioni è legittimare l’egemonia militare nel paese dandole una parvenza di governo parlamentare. Il voto è gestito dagli stessi generali che hanno ignorato l’esito delle elezioni del 1990, che attribuiva alla Lega nazionale per la democrazia (Nld) di Aung San Suu Kyi una maggioranza schiacciante.

I partiti di opposizione come la Forza democratica nazionale –nata da una scissione dalla Nld –, il Partito democratico e i partiti etnici non legati al governo militare hanno scelto di partecipare alle elezioni. Perché sperano, con qualche seggio in parlamento, di avviare il processo di democratizzazione. Ma difficilmente la giunta gli darà spazio. A dominare il parlamento saranno i candidati designati dall’esercito e gli ex uiciali, che non scenderanno a patti con l’opposizione.

Inoltre, i candidati democratici credono che la riconciliazione nazionale potrebbe risolvere i problemi del paese e che le elezioni siano l’unica alternativa. È difficile credere che queste elezioni possano contribuire all’ampia riconciliazione nazionale tra militari, organizzazioni democratiche e gruppi etnici necessaria per risolvere lo stallo politico del paese.

Anzi, nel preludio alle elezioni forse sta succedendo il contrario. Negli ultimi mesi le tensioni tra i militari e i gruppi etnici armati sono aumentate. Il conflitto tra truppe governative e milizie etniche, che paralizza lo sviluppo del paese da decenni, potrebbe perino peggiorare. Nonostante questo, le elezioni si terranno il 7 novembre a qualunque costo. E sarà bene osservarle alla ricerca di un segnale che testimoni almeno qualche progresso. Innanzitutto bisognerà vedere se la maggioranza dei partiti democratici otterrà un’alta percentuale di seggi. E poi se Suu Kyi sarà davvero rilasciata il 13 novembre, dopo un anno e mezzo di arresti domiciliari. Infine, si vedrà se gli oltre 2.100 prigionieri politici saranno liberati.

Perfino qui, però, la storia ci ha insegnato a non sottovalutare l’abilità con cui i generali manipolano gli eventi a loro vantaggio. Anche se i gruppi d’opposizione avranno dei seggi in parlamento e Suu Kyi e gli altri prigionieri politici saranno rilasciati, è molto probabile che il nuovo governo userà tutti i mezzi in suo potere per imbavagliarli e ostacolarli. Di recente, il portavoce del dipartimento di stato americano P.J. Crowley ha detto: “Speriamo che il nuovo governo abbia un atteggiamento diverso rispetto al passato”. L’“atteggiamento diverso” a cui si riferisce Crowley significa permettere alle voci d’opposizione di farsi sentire in parlamento e consentire il rilascio di Suu Kyi e degli altri prigionieri politici. Se la comunità internazionale riconoscerà la legittimità del nuovo governo prima che tutto questo accada, tradirà i 55 milioni di persone che vivono in Birmania.




Maggio 2008 Mentre una parte della popolazione è in ginocchio a causa del ciclone Nargis, viene approvata la nuova costituzione voluta dalla giunta. La carta esclude dalle elezioni gli ex detenuti (quindi buona parte degli oppositori politici) e prevede che un terzo dei seggi vada ai militari.

Marzo 2010 La Lega nazionale per la democrazia (Nld) di Aung San Suu Kyi decide di boicottare il voto. Due mesi dopo, una fazione della Nld forma la Forza democratica nazionale e partecipa alle elezioni. Agosto 2010 Alcuni alti uiciali della giunta lasciano la divisa per candidarsi. Da sapere
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!