sabato 6 novembre 2010

Deborah Tannen,

The New York Times

Stati Uniti

Deborah Tannen

Secondo la linguista Deborah Tannen parlare fa bene all’umore, indipendentemente dal contenuto delle conversazioni. E con le sorelle si parla più spesso

Secondo un recente studio, gli adolescenti che hanno una sorella sono meno propensi a sentirsi “infelici, tristi o depressi” e a pensare “nessuno mi vuole bene”. Anche altri studi sono giunti a conclusioni simili.

Ma perché avere una sorella dovrebbe rendere più felici? La risposta classica – che le ragazze e le donne parlano delle emozioni più facilmente dei ragazzi e degli uomini – non è soddisfacente. Gran parte del lavoro che ho svolto nel corso degli anni mi ha portato a pensare che l’amicizia e le chiacchiere femminili non sono di per sé migliori di quelle maschili, ma semplicemente diverse.

Una volta un uomo mi ha raccontato di aver trascorso una giornata con un amico che stava divorziando. Quando è tornato a casa, la moglie gli ha chiesto come stesse l’amico. Lui ha risposto: “Non lo so, non ne abbiamo parlato”. La moglie lo ha rimproverato. Per lei l’amico aveva senz’altro bisogno di parlare di ciò che stava passando. Il marito si è sentito in colpa, perciò ha provato un certo sollievo quando ha letto nel mio libro Ma perché non mi capisci? che anche fare delle cose insieme può essere di conforto e una dimostrazione d’affetto. Parlare del divorzio poteva far stare peggio l’amico ed esprimere preoccupazione poteva suonare paternalistico.

Se parlare dei problemi non è necessario per trovare conforto, avere una sorella invece di un fratello non dovrebbe rendere gli uomini più felici. Eppure lo studio di Laura Padilla-Walker e dei suoi colleghi della Brigham young university è stato confermato anche da altri studi. In una mia recente ricerca, ho intervistato più di cento donne sulle loro sorelle, e se avevano anche fratelli gli ho chiesto di fare un confronto.

La maggior parte ha detto di parlare con le sorelle più spesso, più a lungo e di argomenti più personali. Non sempre questo voleva dire che si sentivano più vicine alle sorelle. Una donna, per esempio, ha raccontato di parlare per ore al telefono sia con i due fratelli sia con le due sorelle. Gli argomenti delle loro chiacchierate, però, sono diversi. Con le sorelle parla della vita privata, con i fratelli di storia, geografia e libri. Ma parlare a lungo raforza il legame sia con i fratelli sia con le sorelle, a prescindere da quello che si dice.

Il potere della parola

Il punto centrale del perché avere le sorelle rende felici – sia gli uomini sia le donne – potrebbe non dipendere dal tipo di conversazione, ma dal solo fatto di conversare. Se gli uomini, come le donne, parlano più spesso con le sorelle, questo potrebbe spiegare perché le sorelle rendono più felici.

Le interviste che ho condotto hanno confermato questa deduzione. Molte mi hanno detto di non parlare dei loro problemi personali neanche con le sorelle.

Un esempio è Colleen, una vedova ottantenne che era sempre stata molto vicina alla sorella non sposata, ma non aveva mai parlato con lei di problemi personali. A un certo punto la sorella è andata a vivere con lei e il marito. Colleen ha ricordato che ogni mattina, quando lui si alzava per fare il caffè, la sorella si fermava in camera sua per darle il buongiorno. Colleen la invitava a sedersi sul letto. E mentre se ne stavano lì, mano nella mano, “parlavano del più e del meno”. È questo un altro tipo di conversazione a cui si dedicano molte donne e che stupisce molti uomini: parlare dei dettagli della vita quotidiana, come il maglione comprato in saldo. Per alcune donne queste conversazioni sono confortanti come per altre lo sono le conversazioni “sui problemi”.

Quindi forse è vero che parlare è il motivo per cui avere una sorella rende più felici, ma non è necessario che si parli di emozioni. Quando le donne mi hanno detto di parlare con le sorelle più spesso, più a lungo e di argomenti più personali, sospetto che l’elemento fondamentale sia il primo – “più spesso” – e non l’ultimo.


Parlare fa bene all'umore, alle malattie psicosomatiche.

Deborah Tannen insegna linguistica alla Georgetown university ed è autrice, tra l’altro, di You were always mom’s favorite! (Random House 2009)



Watch the full episode. See more The WETA Book Studio.

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!