martedì 16 novembre 2010

Francia-Gb, siglati accordi in materia di difesa e sicurezza nucleare

Francia e Gran Bretagna hanno lanciato un programma comune di difesa.
Che prevede ricerche e operazioni congiunte. Ma soprattutto un’inedita
collaborazione sul nucleare



CAPACITA' DI DIFESA

Budget, miliardi di dollari GB 58,30 F 63,9
Militari, migliaia GB 178 F 250
Portaerei GB 2 F 1
Cacciatorpediniere GB 6 F 11
Fregate GB 17 F 20
Sottomarini GB 7 F 6
Aerei da caccia GB 300 F 360
Elicotteri d’attacco GB 233 F 246
Carri armati GB 357 F 637
Sottomarini nucleari GB 4 F 4

The Economist, Gran Bretagna

Un patto atomico tra Londra e Parigi, Francia e Gran Bretagna hanno lanciato un programma comune di difesa. Che prevede ricerche e operazioni congiunte. Ma soprattutto un’inedita collaborazione sul nucleare.

Non sempre vanno d’accordo. Ma quando si tratta di difesa, spesso gli interessi di Francia e Gran Bretagna convergono. I due paesi sono rispettivamente il terzo e il quarto al mondo per la spesa militare. Entrambi si considerano potenze globali, pronte a inviare missioni all’estero. I recenti tagli alle spese, però, rischiano di frustrare le loro ambizioni. Per questo il premier britannico David Cameron e il presidente francese Nicolas Sarkozy hanno capito che solo collaborando strettamente i loro paesi possono sperare di continuare a sedere al tavolo delle grandi potenze.

E il 2 novembre, a Londra, hanno siglato un piano quinquennale di difesa. Gran parte del trattato riguarda le questioni degli equipaggiamenti. I due paesi condivideranno la gestione dei nuovi aerei da trasporto A400M che stanno comprando, e svilupperanno insieme nuove tecnologie per i sottomarini nucleari, le comunicazioni satellitari e la difesa dalle mine marittime. Le industrie militari francesi e britanniche, inoltre, saranno spinte a cooperare per dar vita a una nuova generazione di droni e missili, con l’obiettivo di fare dei due paesi un unico fornitore di “armi complesse”.

Soprattutto, però, è stato firmato un trattato sulla cooperazione nucleare. È un risultato importante, considerati i differenti approcci di Francia e Gran Bretagna all’uso del nucleare come deterrente: Londra dipende fortemente dalle forniture statunitensi, mentre la dotazione nucleare francese è un simbolo supremo di sovranità nazionale. Con la benedizione degli Stati Uniti, il centro di ricerca britannico di Aldermaston si concentrerà sullo sviluppo tecnologico, mentre a Valduc, in Francia, saranno eseguiti test simulati sulle armi nucleari.

Come era prevedibile, l’accordo ha fatto gridare allo scandalo la stampa popolare britannica, molto nazionalista. Qualche politico in pensione ha ricordato le vecchie ruggini con i peridi francesi. oltremanica la reazione è stata più pacata. In realtà, molte delle obiezioni sollevate sembrano anacronistiche o frutto di disinformazione. Già prima che la Francia rientrasse nella struttura militare integrata della Nato, nel 2009, le forze britanniche e francesi avevano spesso operato sotto il comando dell’uno o dell’altro paese.

E con l’eccezione dell’Iraq, nelle ultime crisi internazionali Londra e Parigi sono sempre state sulle stesse posizioni. John Nott, segretario alla difesa britannico durante la guerra delle Falklands, ha rivelato di recente nella sua autobiograia che la Francia allora fu l’alleato più fedele della Gran Bretagna, fornendo informazioni che contribuirono a neutralizzare i missili antinave usati dall’Argentina e mettendo a disposizione i caccia Mirage e Super-Étendard per le esercitazioni dei piloti britannici.

Tuttavia delle difficoltà potrebbero sorgere sull’uso congiunto delle portaerei, se le priorità e le politiche nazionali dei due paesi non dovessero coincidere nei conflitti futuri. Per questo, contrariamente a quanto sembra probabile, Londra dovrebbe decidere di non vendere la sua seconda portaerei, ancora in costruzione, ma di gestirla in collaborazione con i francesi. In questo modo la nave potrebbe essere messa a disposizione dei due paesi nei periodi in cui la loro unica portaerei è in manutenzione. La sola accortezza è evitare di chiamarla Trafalgar.


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!