lunedì 17 gennaio 2011



Immanuel Wallerstein

Tradotto da Alba Canelli

I media ci dicono che la "crisi" economica è finita, e che l'economia-mondo è tornata alla sua modalità normale di crescita e di profitto. Il 30 dicembre, Le Monde riassume questa sensazione in uno dei suoi soliti e brillanti titoli di sempre: "Gli Stati Uniti vogliono credere in una ripresa economica". Esatto, loro "vogliono credere," e non solo la gente degli Stati Uniti. Ma è così?

Prima di tutto, come ho detto più volte, non siamo in una recessione, ma una depressione. La maggior parte degli economisti tendono ad avere definizioni formali di questi termini, basate principalmente sull' aumento dei prezzi nei mercati azionari. Utilizzano questi criteri per dimostrare la crescita e il profitto. E i politici al potere sono felici di sfruttare questa assurdità. Ma né la crescita né il guadagno sono le misure appropriate.

Ci sono sempre alcune persone che ottengono guadagni, anche nel peggiore dei tempi. La questione è quante persone, e quali persone. In tempi "buoni," la maggior parte della gente gode di miglioramenti in situazioni materiali, anche se vi sono notevoli differenze tra quelli che sono in cima e quelli in fondo alla scala economica. Una marea crescente solleva tutte le barche, come si suol dire, o almeno la maggior parte delle barche. Ma quando l'economia-mondo ristagna, come è stato per l'economia-mondo fin dal 1970, accadono diverse cose. La quantità di persone che sono abituate a guadagnare e quindi ricevere un reddito minimo adeguato, diminuisce notevolmente. E per questo, i paesi cercano di esportare la loro disoccupazione a vicenda. Inoltre, i politici cercano di negare l'accesso agli anziani pensionati e giovani che non sono ancora in età lavorativa, con lo scopo di placare gli elettori che rientrano in categorie comuni dell' età lavorativa.

Se valutiamo la situazione paese per paese, è per questo che ci sono sempre un certo numero di questi, dove la situazione è meglio di molti altri. Ma quali paesi sembrano essere in una situazione migliore è una cosa che varia con una certa rapidità, come è avvenuto negli ultimi 40 anni. Inoltre, mentre la situazione di stallo continua, il quadro negativo si sviluppa e cresce, motivo per cui i media cominciarono a parlare di "crisi" e i politici a cercare pronti rimedi. Hanno chiesto l' "austerità," che significa ridurre ulteriormente le pensioni, l'istruzione e l'attenzione all'infanzia. Sgonfiano la loro moneta, se questo gli è possibile, al fine di ridurre temporaneamente il loro tasso di disoccupazione a scapito dei tassi di disoccupazione di un altro paese.

Consideriamo il problema delle pensioni statali. Nel 2009, uaa piccolo cittàin Alabama ha esaurito il suo fondo pensione. Si dichiarò in bancarotta e smise di pagare le sue pensioni, violando la legge statale gli imponeva di farlo. Come precisò il New York Times, "non sono solo i pensionati quelli che soffrono quando un fondo pensione si prosciuga". "Se una città cerca di rispettare la legge e pagare un pensionato con denaro della sua finanziaria, probabilmente dovrà adottare notevoli aumenti di tasse o realizzare massicci tagli nel settore dei servizi, per raccogliere il denaro." "Gli attuali lavoratori urbani potrebbero pagare un piano pensionistico che non sarà lì per il loro pensionamento".

Ma questo è un problema che si profila in ogni stato degli USA che, per legge, deve avere bilanci in pareggio, il che significa che non possono ricorrere a prestiti per soddisfare le proprie esigenze di bilancio. E c'è un problema parallelo in ogni nazione che è nella zona euro che non può sgonfiare le sue valute per soddisfare le sue esigenze di bilancio, che ha fatto sì che la sua capacità di ottenere prestiti comporti costi insostenibili ed esorbitanti.

Ma che cosa, si può chiedere a quei paesi in cui si dice che l'economia "fiorisce", come la Germania, e più in particolare della Germania, in Baviera, chiamato da alcuni "il mondo dei felici." Perché succede allora che gli abitanti della Baviera "sentono un malessere" e sembrano "sopraffatti ed incerti della loro salute economica?" Il New York Times osserva che "(in Baviera) c'è un' opinione diffusa che la buona fortuna della Germania ..." "è arrivata a spese dei lavoratori, che negli ultimi 10 anni hanno sacrificato stipendi e benefici per rendere i loro datori di lavoro più competitivi..."

"Infatti, parte della prosperità proviene dal fatto che le persone non ottengano la protezione sociale che dovrebbero avere".

Bene, allora, almeno c'è il buon esempio delle "economie emergenti" che hanno mostrato una crescita sostenuta nel corso di pochi anni, soprattutto nei cosiddetti paesi BRIC (Brasile, Russia, India e Cina). Guardiamo meglio. Il governo cinese è molto preoccupato per le disinvolte pratiche di concessione di prestiti della banche cinesi, che sembrano essere una bolla, e che conducono alla minaccia di inflazione. Un risultato è il forte aumento dei licenziamenti in un paese dove la rete di sicurezza per i disoccupati sembra essere scomparsa. Nel frattempo, il nuovo presidente del Brasile, Dilma Rousseff, ha detto preoccupata che la "sopravvalutazione" della valuta brasiliana si unisce a quello che lei percepisce come deflazione della moneta americana e della Cina che minacciano la competitività delle esportazioni brasiliane. E i governi di Russia, India e Sud Africa, tutti mostrano i primi segni di insoddisfazione da ampi segmenti della loro popolazione che non sembra aver ricevuto i benefici della presunta crescita economica.

Infine, non da meno, vi sono notevoli aumenti dei prezzi dell'energia, cibo e acqua. Questo è il risultato della combinazione di una popolazione mondiale in crescita e l'aumento della percentuale di persone che chiedono di averci accesso. Ciò implica una lotta per raggiungere questi beni di prima necessità, una lotta che potrebbe rivelarsi mortale. Ci sono due possibili esiti. Uno è che un gran numero di persone a riducano il livello di domanda che è il più improbabile. Un altro è che la mortalità della lotta termini riducendo la popolazione mondiale e quindi meno carenza -una soluzione malthusiana delle più spiacevoli.

Entrando in questo secondo decennio del XXI secolo, sembra improbabile che verso il 2020 guardiamo indietro a questo decennio come quello in cui la "crisi" è stata relegata alla memoria storica. Non aiuta molto "voler credere" in una prospettiva che sembra remota. Non aiuta per cercare di capire che quello dobbiamo fare al riguardo.
















Per concessione di Tlaxcala
Fonte: http://www.iwallerstein.com/end-of-the-recession-whos-kidding-whom/
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!