martedì 1 febbraio 2011

″Ísula seus. Ísula sola
ma cun s’ànima ‘e niaxis...″

(Siamo isola. Isola sola/ ma con l’anima di moltitudini...)

- P. Alcioni -





IL DIBATTITO SCALDA IL CUORE E GLI ANIMI DI TUTTI NOI SARDI.

ABBIAMO NECESSITA' DI AVERE UN CONFRONTO UTILE SULLE NOSTRE IDEE, SULL'INDIPENDENZA DELLA SARDEGNA, SUPPORTATO DALLA NOSTRA CONSAPEVOLEZZA NEL RISPETTO DI TUTTE LE SOGGETTIVITA' ESISTENTI DENTRO E FUORI LA NOSTRA TERRA.

LA MOLTITUDINE NAZIONALE, RISPETTA CON COSCIENZA E RISPETTO LA DETERMINAZIONE APERTA A L'INCONOSCIUTO SISTEMA DI IDEE NUOVE PRO S'INDIPENDENTZIA, IDEE DETTATE DA ETICA POLITICA, DA UMANA DISPONIBILITA', DA CAPACITA' DURATURA DELL'ESISTENZIALE ESSERE NAZIONE .


LE BASI DE S'INDIPENDENTZIA, SONO NOSTRA NECESSITA', PER AVERE MOTIVO DI LIBERTA', MOTIVO DI LIBERA ESPRESSIONE, DI SCELTA SUL FUTURO E SUL PRESENTE DELLA NOSTRA TERRA E NAZIONE SARDA.

PER QUESTO MOTIVO, VOGLIAMO PORTARE ALL'ATTENZIONE DI TUTTA LA MOLTITUDINE, I VALORI , GLI ASPETTI DI DIBATTITO, CHE PERMEA LA NOSTRA CAPACITA' DI PENSARE E DI REALIZZARE INDIPENDENZA.

SAYLI VATURU.




METTIAMO A DISPOSIZIONE UN CAPITOLO DEL LAVORO DI BACHISIO BANDINU, CHE NOI, REPUTIAMO OPERA OMNIA NELLE NOSTRE IDEE FORZA PER LA LIBERTA'.

PRO S'INDIPENDENTZIA

Pro s’indipendentzia indica l’itinerario in cui mettersi in cammino. annuncia un tempo nuovo: dice che il popolo sardo assume su di sé la piena responsabilità di governarsi, afferma che ciascun sardo è chiamato all’impresa della politica. Si interroga su qualcosa di straordinario e di decisivo: che cosa vogliamo fare di noi stessi? Bi semus o no bi semus? Noi sardi vogliamo esserci: desiderio e volontà di farci artefici del nostro destino politico. Dinanzi a noi si apre un nuovo orizzonte di partecipazione e responsabilità: ci sono tante cose da fare e le vogliamo indirizzare secondo i nostri intendimenti, le vogliamo compiere secondo il nostro programma.

Ci siamo consumati nel tempo del risentimento e della rivendicazione, ora basta, non vogliamo, anche per gli anni a venire, continuare a lamentarci che le cose procedano in un modo che non ci piace, che ci esclude e ci umilia. Siamo chiamati a vivere intensamente, non a sopravvivere. Siamo chiamati all’invenzione, non alla resistenza. Non pretendiamo risarcimenti , intendiamo fare investimenti a nostro profitto, per la nostra crescita.


Pro s’indipendentzia non è un ideale, è invece un’operazione pragmatica: si pensa, si dice, si fa, si ama. Le cose non avvengono secondo l’idealità, le cose avvengono secondo l’operare: il ruolo di ciascuno, qualunque esso sia, è del tutto essenziale per la riuscita dell’impresa.

Pro s’indipendentzia non va riferita ad un futuro indeterminato. Appartiene all’urgenza e alla responsabilità del presente. Chi dice che i tempi non sono maturi crede che il tempo debba maturare per conto suo, come frutto di stagione. E’ una concezione passiva che chiude la frontiera del tempo e nega la sua apertura. In verità il tempo non è mai in ritardo e non è mai in anticipo: la sua attualità dipende dalle nostre scelte, prende la forma del nostro operare e la misura del nostro passo. Chi dice di attendere il tempo giusto subisce il tempo governato da altri e continua a servire il padrone del tempo.

Chi afferma che non siamo all’altezza per conquistare la piena sovranità ha il complesso del nano. All’altezza di chi? Di chi è più alto di noi? Si, dunque c’è qualcuno che ci sovrasta: lui sì che è all’altezza! E infatti ci domina dall’alto. In verità si è sempre all’altezza delle proprie aspettative, se c’è speranza progettuale, se c’è fede nel realizzare i propri desideri e nell’attuare i propri programmi.

Non è convincente la tesi che prima bisogna raggiungere l’indipendenza economica e fiscale e poi quella politica come se esistessero compartimenti stagni. E’ proprio l’indipendenza politico-istituzionale che mette in moto una nuova economia e un nuovo modello fiscale. Lo spirito e le ragioni che caratterizzano l’indipendentismo sardo non coincidono con il modello padano che difende la propria ricchezza sperperata da Roma ladrona, la Sardegna invece vuole riscattare la propria debole economia governandosi da sé, liberandosi dai condizionamenti che ne impediscono lo sviluppo.

Si sente spesso dire che la Sardegna ha grandi potenzialità. Pare un’affermazione gratificante e piena di non so bene quali promesse, in realtà è un modo di rimandare l’azione a tempo indeterminato. Non ci interessa il potenziale, che poi non sappiamo bene cosa sia, ci interessa invece l’atto, la decisione, la realizzazione dei nostri progetti.

S’indipendentzia non è un’utopia, qualcosa di meraviglioso ma di irranggiungibile, è invece un processo in atto e ciascuno vi concorre secondo la propria passione, secondo la propria volontà e intelligenza, secondo l’amore delle cose e degli eventi. Il poeta nuorese ha scritto: “Se l’aurora arderà su’ tuoi graniti/Tu lo dovrai, Sardegna, ai tuoi figli”. I nuovi figli non appartengono al futuro, operano nel presente: allora il futuro non è più il fantasma dell’utopia, è più semplicemente l’avvenire, cioè le cose che a mano amano avvengono e si compiono percorrendo la strada voluta.

S’indipendentzia non è un concetto che se ne sta in in una nicchia arcana, al contrario esiste e si fa nella concreta esperienza del percorso: essere in cammino significa già sperimentare la sua qualità. Non si pone come punto d’arrivo, quasi fosse una meta da raggiungere una volta per tutte, è un cammino di libertà che si conquista continuamente. E’ un’impresa: progetto, programma, investimenti, invenzione e profitto. Profitto vuol dire qualità della vita della gente sarda, presenza attiva del cittadino a farsi della politica. Ciascuna impresa chiama a un fare e a un dire che rifiuta il luogo comune, il già masticato, il sapere già dato e conformato. l’impresa chiede stima di sé e fede nel proprio operare. La fede è anche una virtù laica e senza le opere è morta. Non è credenza che prima o poi le cose avverranno, è fiducia nella cose che si fanno, che avvengono e divengono secondo obbiettivi.

Dove ci condurrà l’indipendenza? E’ una domanda che viene posta con sospetto e spesso a giustificazione di una rinuncia. C’è chi pretende cdi conoscere in anticipo l’esito del viaggio, già prima di mettersi in cammino, secondo la psicologia del colpo sicuro: la pretesa di un sapere prima dell’esperienza. Si presume di valutare le cose prima di farle. E invece è proprio nel procedere che si decidono gli indirizzi e si aprono prospettive. Il viaggio è invenzione, è un’opera aperta, ricca di sorprese e di novità. Chi pretende la garanzia del tempo avvenire e vuole avere già in tasca la cambiale sicura del suo profitto non è uomo di impresa. Il suo ragionamento è: “Non so come l’impresa vada a finire, per ciò non mi ci metto neppure”. L’indipendenza ci conduce verso traguardi sempre nuovi che noi vogliamo e che siamo capaci di raggiungere, traguardi di libertà e di forte coscienza politica.

Pro s’indipendentzia parte dalla realtà del proprio presente,qualunque esso sia,per osservare dove siamo e dove dobbiamo andare. Spesso interviene una visione pessimistica che si ammanta di buon senso e di saggezza: s’indipendentzia sarebbe anche una bella cosa, ma occorre essere realisti e la realtà ci dice che si tratta di un obiettivo irrealizzabile. Nella storia della Sardegna c’è sempre stata una realtà che ha impedito un cammino di libertà, è stato costante il richiamo a un realismo che ci ha fatto percorrere strade imposte dai dominatori . Questo invito a essere realisti esprime il realismo dell’impotenza, conferma l’accettazione della dipendenza, senza prospettiva di cambiamento.
Chi suggerisce di non fare il passo più lungo della gamba, non ha ne gamba ne passo. E quando si dice che la politica è l’arte del possibile, ci si deve chiedere chi stabilisca la misura del possibile. Non è una misura che può essere determinata dai politici della subalternità o dagli intellettuali assimilati. La politica come arte del possibile appartiene e risponde alle esigenze economiche e sociali del popolo sardo, al suo desiderio di un cambiamento radicale, capace di conquistare una vera soggettività. Dietro la giustificazione del realismo si nasconde una convinzione e una motivazione precisa: l’indipendenza non ce la concedono e dunque è inutile chiederla. E’ l’autocertificazione della sconfitta.
Il fatto è che l’indipendenza è qualcosa che viene concessa né è qualcosa che si chiede timidamente. L’indipendenza si conquista democraticamente, secondo proprio diritto, secondo un proprio dovere.

Come ricorre, nel discorso sardo, la parola indipendentzia e quale significato le si attribuisce?
Certamente è una parola che per molti fa problema, in qualche modo crea persino allarme, E’ una parola perturbante e procura inquietudine, eppure etimologicamente è un termine bellissimo: indica un’apertura di liberazione e soprattutto un’apertura di libertà. E invece è come se la parola si fosse incrostata di materiale pericoloso, per così dire radioattivo.
Se chiedete ai cittadini sardi:” Siete favorevoli alla piena sovranità della Sardegna?”, tutti vi diranno di si. Se chiedete: “Volete l’autodeterminazione, del popolo sardo?” , avrete una risposta unanimemente affermativa. E quando precisate che cosa si intenda pe sovranità e autodeterminazione, la risposta è inequivocabile:”Vogliamo che i sardi si governino da sé, nella nella piena responsabilità delle proprie scelte”. Insomma la gente non fa sottili distinzioni giuridiche fra indipendenza , sovranità, autodeterminazione: sono termini che in concreto vengono ricondotti a un medesimo significato.
Eppure se alle stesse persone chiedete: “Siete favorevoli all’indipendenza della Sardegna?”, la domanda fa problema, qualcosa si mette di traverso. Le risposte diventano ambigue e cominciano a porre dei distinguo, con precisazioni e con attenuazioni. Evidentemente la parola indipendentzia crea allarme. sospetto, innesca associazioni mentali negative o comunque destabilizzanti. Ma perché piena sovranità e autodeterminazione non fanno problema e vengono benevolmente accettate? E dunque, perché indipendentzia da parola di speranza si trasforma in parola di paura, da parola di libertà diventa disordine e persino terrorismo? Eppure indipendentzia vuol dire liberazione
da uno stato di dipendenza. In senso specificamente politico è l’atto che sancisce, con una propria costituzione, l’autogoverno, senza ingerenze esterne. Popolo sardo sovrano, nazione sarda, sovrana. Ma allora perché piena sovranità è liberante, augurante e invece indipendentzia è allarmante, inquietante?

Ci sono almeno due spiegazioni . La prima è questa: indipendentzia viene associata a separatismo: un fantasma lacerante che indica la separazione di una parte dall’intero. Rimarca un distacco, uno strappo violento, psicologicamente rimanda a una perdita ce alimenta il fantasma dell’abbandono, della solitudine e della insicurezza. Uno sgomento che si manifesta nelle espressioni : ce la faremo da soli? Si tratta di un fantasma molto potente perché pone una domanda estrema, esistenziale: come faremo a sopravvivere?
Il fatto è che una lunga dipendenza ha creato la psicologia della sudditanza che, seppure sofferta e osteggiata, continua a offrire una certa garanzia di sopravvivenza e che però ci impedisce di camminare con le nostre gambe.
In verità indipendentzia non è separatismo, al contrario instaura una nuova relazione paritaria. Non c’è violenza, c’è un nuovo contratto, senza sudditanza ed egemonia, nel rispetto reciproco e con pari dignità. Non c’è la metafora corporea di uno strappo che sanguina: pacificamente la Sardegna decide la sua sovranità creando un nuovo rapporto tra due Stati sovrani, all’interno di una comune appartenenza all’Europa.
Il secondo aspetto negativo sarebbe il carattere violento della lotta, tipico dei movimenti indipendentisti e non solo di Europa. Così nasce la paura degli attentati e delle bombe, l’insicurezza e la conflittualità permanente e persino i costi umani di vittime innocenti. Nulla di tutto ciò.
Pro s’indipendentzia è costitutivamente pacifica sia come scelta etica di pratica di vita, sia come radicamento e conferma di principi democratici: il rispetto della maggioranza cha ha diritto di governare. Se gi indipendentisti sono minoranza, non possono e non devono imporre, in nessun modo, la volontà su una maggioranza che è legittimamente contraria. Si tratta di far valere la bontà delle loro tesi e mostrare alla gente la qualità dei loro programmi, ma se il popolo sardo, nella sua maggioranza , non vuole l’indipendenza, è giusto che non ci sia l’indipendenza.Chi impone con le armi, con le intimidazioni, le proprie idee crede nel separatismo armato che è proprio il contrario dell’indipendenza.
Ma bisogna fare ancora una passo avanti. Nell’orizzonte dell’indipendenza della Sardegna deve scomparire persino il concetto di nemico, finisce quella logica contestativa del periodo autonomistico ce ci ha logorato in battaglie sempre frustranti e che ci ha abituato al bisogno di avere sempre un avversario di fronte.
Occorre dunque restituire alla parola indipendentzia il suo preciso significato politico ed etico, per liberarla di tutte le incrostazioni e attribuirle i valori di libertà, di democrazia, in modo che entri nel dibattito politico pubblico per quello che è effettivamente. E cioè: da una parte dichiarazione del popolo sardo a esercitare la sua piena sovranità e a specificarla nella forma di una piena costituzione, dall’altra parte attuazione di un nuovo patto con i cittadini nella forma di una democrazia partecipata, con dispositivi di controllo, nuovi rapporti con le autonomie locali che costituiscono la base democratica della partecipazione popolare, con forte accentuazione di comunità politica a gestione responsabile.
La parola indipendentzia non è ideologia né disciplinare né confessionale. Nessuno la possiede, nessuno l’amministra. Non appartiene ad un codice corporativo; ciascuna persona parlando e ascoltando ne intende il valore di libertà nella sua pratica attuazione.
Oggi in Sardegna c’è un parlare disperso, fatto di sfiducia e risentimento: un rimuginare in privato, un chiacchiericcio di gruppi che non diventa opinione pubblica come consapevolezza di propositi e decisioni collettive.
Si vive in un tempo di depressione e di scetticismo. Una esperienza di crisi vissuta dentro la famiglia e la comunità, dentro la fabbrica e dentro la scuola, nella bottega artigiane e nella piccola impresa, nei campi della pastorizia e dell’agricoltura. C’è la consapevolezza di essere frenati, condizionati, impediti, per cui non riusciamo a valorizzare pienamente le nostre risorse materiali e umane. Per chi crede nell’indipendenza, la coscienza della crisi non è motivo di scoraggiamento, anzi è un dispositivo per avviare il cammino del rinnovamento. Ciascuno di noi, nell’operare comune, ha risorse per cambiare le cose. La Sardegna è attanagliata da gravi problemi ma ha capacità di risolverli perché ha importanti decisioni da prendere: le scelte sono quelle fatte insieme.










Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!