mercoledì 2 marzo 2011

Christian Raimo
ilmanifesto
Nella Metafisica Aristotele dice: inchiodali al loro linguaggio. Parla dei sofisti di basso livello, dei Megariti, di quella gente che non argomenta in modo preciso, che cerca di buttare tutto in caciara, il cui unico scopo è la delegittimazione dell'avversario. Negli ultimi tempi la battaglia delle truppe cammellate berlusconiane vede in campo i riservisti: dopo la fanteria d'assalto degli yes-man, i Bondi e i Quagliarello, c'è stato il tempo dei cecchini, i Feltri, i Lavitola, i Sallusti,
http://1.bp.blogspot.com/_dFw1P-CX1vA/TSj5idOOgDI/AAAAAAAAE7I/mOpkAihdaJU/s1600/feltri-sallusti.jpg
Sallusti e Feltri

VALTER LAVITOLA


quelli che sparavano ad altezza uomo ripetutamente, qualunque fosse il Boffo di turno da affondare. Ora la strategia sembra più raffinata: sono tornati da qualche settimana a questa parte a aver voce gli intellettuali sedicenti. Un Giuliano Ferrara che prende per il culo Umberto Eco su Kant, un Antonio Ricci che si riscopre debordiano e fa il verso alle femministe sul Corpo delle donne, detournando il documentario di Lorella Zanardo con un filmatino mandato in onda a Matrix, la cui tesi era: anche Repubblica usa le tette per vendere. Se è questo il livello, il conflitto viene da dire è finalmente culturale. Dopo che l'opposizione parlamentare (il Pd in primis) ha fallito nell'arginare la sua deriva populista, dopo che quella istituzionale (la nuova destra di Fini, la morale comune) è stata miseramente azzoppata, ora tocca a noi, a chi crede che il berlusconismo sia soprattutto una malattia del capitalismo avanzato, un virus che avremmo inoculato comunque anche se Berlusconi ipse non fosse ancora al governo con una maggioranza di 320 parlamentari.


Del resto è anche lui stesso, in prima persona, che in questi giorni è tornato a pugnare, tutto preso in una lunga sessione di tecniche di rovesciamento. Va ovunque ci sia da ribaltare, in una specie di tour da guitto per le piazze di paese. Uomini, donne, correte: è arrivato l'attorino! Ha fatto il numero d'"er reuccio de' Testaccio" alla Fondazione Zeffirelli (altro intellettuale redivivo) - ente neonato grazie a cinque milioni e mezzo di fondi sganciati dalla Regione Lazio che serviranno a costruire un mausoleo mentre ancora il Maestro Zeffirelli è in vita, mentre tutto il cinema della capitale (Centro sperimentale, Casa del Cinema, Metropolitan...) annaspa per la mancanza di finanziamenti. Con un Gianni qualunque (Letta, in questo caso) a fargli da spalla, Pinotto Berlusconi butta là facezie per tutti i palati. Dice: «Oggi sono entrato in Parlamento e anche la sinistra voleva venire al bunga bunga. Che poi sa cosa vuol dire? Andiamo a divertirci andiamo a ballare, andiamo a bere qualcosa...». Ride in faccia al giornalista di Sky che l'ha invitato a un confronto tv, paragonandosi al generale Franco, che se ne fregava delle richieste democratiche.
Poi va nel teatrino dei cristiano riformisti, e rispolvera il repertorio contro i comunisti, spara a zero contro la scuola «che inculca valori diversi da quelli della famiglia» e «contro le adozioni ai single», racconta quando Mamma Rosa lo investì della missione di salvare l'Italia e quando un fantomatico sacerdote russo a dodici anni lo illuminò sul Male rappresentato dal comunismo. Cosa ottiene? Il solito. Le reazioni pavloviane che si aspetta. Da una parte, applausi da stadio: dei claquer i cui bassi istinti di risentimento va a vellicare. Dall'altra, l'indignazione (il giorno dopo): da parte di chi costretto a ribadire l'ovvio, da Bersani a Bocchino, dai blogger degli insegnanti agli editorialisti di Repubblica. Tutti a tenere il punto sul minimo comun denominatore di una società democratica, sul valore fondante della scuola pubblica.
Sembrano i colpi di coda di un dittatore assediato nel bunker, si diceva in questi giorni. Sarà anche la sindrome dell'assediato, ma queste mosse berlusconiane sono lucidi deliri. Anzi, sembra che abbia una strategia chiara nell'affondare il coltello nella piaga proprio nelle contraddizioni della sinistra. Per dire: può permettersi di urlare contro la scuola pubblica e trovare chi lo osanna, proprio perché nell'opinione pubblica di sinistra ci sono state almeno un paio di settimane nelle quali si è dato un incredibile spazio (interviste a tutto campo, ospitate da Fabio Fazio...) al libro catastrofista di Paola Mastrocola sulla scuola. Scusate, ma la paginata di Cesare Segre sul Corriere contro Don Milani e Rodari, contro la scuola dell'uguaglianza, l'ho vista solo io? Scusate, ma l'endorsement del nichilista della domenica Pietro Citati su Repubblica in cui dice che l'Occidente è il luogo del vuoto e del niente, e che nessuno sa più leggere e scrivere, l'ho letto solo io? Se qualcun altro semina, Berlusconi raccoglie. E se delira, almeno non è il solo.
http://2.bp.blogspot.com/_dSQqLEv7J9w/TMl_SWU-6zI/AAAAAAAAB1g/D0uI_3aCO7U/s1600/Silvio+Berlusconi+Bunga+Bunga+2.jpg
Non è solo nemmeno quando si scaglia contro le adozioni ai single. Su coppie di fatto, tutela dei diritti dei single e degli omosessuali, la sinistra dell'ultimo governo è inciampata ripetutamente, e anche mettiamo che vincesse le elezioni alla prossima tornata, saprebbe proporre un progetto sociale diverso da quello razzista dei machisti oggi al governo?
Ma la tecnica di rovesciamento berlusconiana è studiata fino in fondo. E il giorno dopo, come volevasi dimostrare, arrivano le dichiarazioni stampa in cui si lamenta che è stato travisato: «Non ho mai attaccato la scuola pubblica», «L'insegnamento libero ripudia l'indottrinamento», «Ho solo denunciato l'influenza deleteria dell'ideologia», «Il mio Governo ha avviato una profonda e storica riforma della scuola e dell'Università, proprio per restituire valore alla scuola pubblica e dignità a tutti gli insegnanti che svolgono un ruolo fondamentale nell'educazione dei nostri figli in cambio di stipendi ancora oggi assolutamente inadeguati». Da folle arringapopolo, da puttaniere con il culo flaccido, da millantatore di fidanzate mai apparse, a pacato thatcheriano: eccolo quel fregolismo à la Zelig che conosciamo, quello che ti fa dire che da piccolo volevi fare il carabiniere quando vai alla festa dell'Arma. Mentre il giorno dopo le dichiarazioni della sinistra sono ancora aggrappate al Berlusconi della maschera prima.
Il linguaggio di Berlusconi è performativo, attoriale, ha bisogno di pubblico, di una scenografia: il senso è ancora una volta solo l'effetto, non le intenzioni. Ergo, il suo messaggio per essere contrastato va preso nell'interezza dell'atto performativo. Ritrattazione compresa. E allora, che strategia contrapporre? Inchiodali al loro linguaggio, diceva Aristotele. Quando dicono tutto e il contrario di tutto, quando smentiscono quello che hanno appena detto, fagli riconoscere che esiste il principio di non-contraddizione. Ma se non ammettono nemmeno il principio di non-contraddizione? Beh, in questo caso è Platone che ci viene in soccorso. Anche lui si era trovato molto spesso davanti al problema di chi non gioca su un piano logico del discorso. Capita, perché la nostra anima è tripartita, dice l'inventore della dialettica occidentale: c'è un'anima concupiscibile (l'istinto) che risiede nel ventre, c'è un anima irascibile (la volontà) che risiede nel petto, e c'è un'anima razionale (la ragione) che risiede nella testa. I cattivi politici fanno leva sull'anima concupiscibile per aizzare l'anima irascibile. La politica che dobbiamo praticare può fare il percorso opposto: usare l'anima razionale per generare passione. Ma usare l'anima razionale vuol dire essere capaci ogni giorno di essere autocritici oltre che critici, avere il coraggio di elaborare le contraddizioni (sul ruolo della scuola, sulla laicità, sull'uso della donna nei media, etc...) qui, dalla nostra parte, altrimenti possono cadere mille Berlusconi, ma a essere sconfitti saremo sempre noi.
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!