mercoledì 21 settembre 2011

di Francesco Casula
sardegnaquotidiano


eliseo spiga
Eliseo Spiga scomparso recentemente, autore dieci anni fa del "Manifesto delle Comunità di Sardegna - per una economia felice e ricca di futuro"

Quotidianamente, su tutti i media, politici di destra sinistra e centro, economisti di ogni risma zenia e colore, ossessivamente ci ripetono la giaculatoria della “crescita”. Senza la quale non sarebbe possibile nessuna uscita dalla crisi che attanaglia l’Italia e non solo. Pena il fallimento. A tentare di liquidare tale mania, ci ha pensato nei giorni scorsi a Cagliari, al “Festival Marina Cafe noir”, il filosofo e sociologo francese Serge Latouche.

Ma quale crescita –ha sostenuto- quello che occorre, per uscire dalla crisi, è la “Decrescita felice”. Di cui non a caso è il principale teorico. Non crescerà il PIL ma aumenterà il FIL (Felicità interna lorda). Semplici provocazioni di un intellettuale eretico? Può darsi. Certo che è difficile non prendere atto del fallimento delle magnifiche e progressive sorti dello “sviluppo” e della produttività: nella duplice versione del socialismo reale e del capitalismo.


“Una parola tossica” - ha definito Latouche lo sviluppo. Alla base delle guerre, della fame, dello sconvolgimento planetario del clima (con l’iper produzione di CO2), della devastazione della natura, delle disuguaglianze economiche e sociali vieppiù accentuate negli ultimi decenni. Anche la Sardegna è stata vittima dello sviluppismo, con un intero ciclo fatto di promesse e di illusioni programmatorie, industrialiste e petrolchimiche, che ci ha consegnato un cimitero di ruderi industriali ma soprattutto disoccupazione e malessere.

Uno sviluppo che ha devastato e depauperato il territorio: la risorsa più pregiata che l’Isola detenga. Che ha degradato e inquinato l’ambiente e il mare: pensiamo solo a Sarrok e a Porto Torres, con danni incalcolabili per la pesca. Che ha sconvolto gli equilibri e le vocazioni naturali. Che ha distrutto il tessuto economico tradizionale e quel minimo di industria e di imprenditorialità locale. Che ha attentato alla cultura e all’identità nazionale dei Sardi, tentando di eliminare le diversità linguistiche, culturali, storiche, magari con il pretesto di combattere il banditismo: è il caso, soprattutto, di Ottana.

La narrazione del filosofo francese ci riguarda dunque da vicino. Per questo occorre cambiare radicalmente rotta. Magari iniziando a praticare scampoli del programma latouchiano: l’autoproduzione e lo scambio comunitario, conviviale e quindi non mercantile, per esempio.


eliseo spiga copertina libro


Eliseo Spiga ha partecipato a tutto il lavoro editoriale di preparazione della seconda edizione ma, per una beffa del destino, è scomparso a 80 anni per un malore
improvviso

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!