giovedì 19 gennaio 2012

Michel Chossudovsky  
Tradotto da Curzio Bettio 
 

[Nota dell’autore: Dire “No Alla Guerra Contro l’Iran”, Spargere la voce, Diffondere il presente articolo, Pubblicarlo su Facebook.
Il nostro obiettivo di Global Research è quello di frenare il flusso di disinformazioni nei media, invertire la direzione verso la guerra e riportare la pace mondiale]
Introduzione
Mentre la possibilità di una guerra con l’Iran è riconosciuta nei servizi giornalistici degli Stati Uniti, le sue implicazioni regionali e globali sono solo superficialmente analizzate.
Pochissime persone in America sono consapevoli od informate su quanto concerne la devastazione e la perdita di vite umane che si potrebbero verificare nel caso di un attacco contro l’Iran promosso dagli Stati Uniti e da Israele. I media sono coinvolti in un processo intenzionale di mimetizzazione e di distorsione.
I preparativi di guerra secondo il paradigma “Global Strike”, tutto accentrato e coordinato dal Comando Strategico degli Stati Uniti (STRATCOM), non sono presenti sulle prime pagine dei giornali, dove possiamo leggere invece notizie su questioni di interesse pubblico decisamente insignificanti, come quelle su scenari criminali a livello locale o le relazioni gossip dei tabloid sulle celebrità di Hollywood .
La “Globalizzazione della Guerra”, che prevede il dispiegamento egemonico di una formidabile forza militare USA-NATO in tutte le principali regioni del mondo, è irrilevante agli occhi dei media occidentali.
In un più ampio panorama, le implicazioni di questa guerra sono banalizzate o sottaciute. Le persone sono portate a credere che la guerra faccia parte di un “mandato umanitario”, e che l’Iran, così come gli alleati dell’Iran, in particolare Cina e Russia, costituiscano una implacabile minaccia per la sicurezza globale e per la “democrazia dell’Occidente”.
Mentre vengono usati i sistemi d’arma più tecnologicamente avanzati, le guerre degli Stati Uniti non sono mai presentate come “operazioni di killeraggio”, che determinano pesanti perdite civili. Mentre l’incidenza dei “danni collaterali” viene riconosciuta, le guerre condotte dagli Stati Uniti sono annunciate come uno strumento indiscutibile di “consolidamento della pace” e di “democratizzazione”.
Questa idea contorta che fare la guerra è per “una giusta causa”, si va radicando nell’intima coscienza di milioni di persone. Un quadro del “bene contro il male” mette in ombra la comprensione delle cause e delle conseguenze devastanti della guerra.
All’interno di questa mentalità, la realtà e i principi sono capovolti. La guerra diventa pace. La bugia diventa verità. Il mandato umanitario del Pentagono e della NATO non può essere contestato.

Nelle parole del presidente Obama, “nessuna opzione può essere presa in considerazione che sia esterna alla nostra agenda, che prevede solo il perseguimento dei cattivi soggetti.”  Predomina una dottrina inquisitoria simile a quella dell’Inquisizione spagnola. Alle persone non viene più concesso di pensare.
L’Iran è un paese di quasi 80 milioni di persone. Esso costituisce un importante e significativo potere militare ed economico regionale. Possiede il dieci per cento delle riserve mondiali di petrolio e di gas, oltre cinque volte quelle degli Stati Uniti d’America.
La conquista delle ricche risorse petrolifere iraniane è la forza trainante che investe l’agenda militare usamericana. Il petrolio e il gas dell’Iran sono il trofeo non dichiarato di una guerra a guida usamericana, che negli ultimi nove anni si trova sul tavolo di progettazione operativa del Pentagono.
Mentre gli Stati Uniti sono sul piede di guerra, l’Iran è stato - per più di dieci anni -  attivo nello sviluppare le sue capacità militari, nell’eventualità di un’aggressione promossa dagli Stati Uniti.
Se dovessero scoppiare le ostilità tra l’Iran e l’Alleanza militare occidentale, questo potrebbe innescare una guerra regionale, che andrebbe ad estendersi dal Mediterraneo ai confini con la Cina, che potenzialmente potrebbe condurre l’umanità nel dominio di uno scenario da Terza Guerra Mondiale.
Il governo russo, in una recente dichiarazione, ha avvertito gli Stati Uniti e la NATO che “se l’Iran dovesse essere trascinato in qualsiasi situazione avversa dal punto di vista politico o militare, questo costituirà una diretta minaccia alla nostra sicurezza nazionale.” In buona sostanza, questo significa che la Russia si considera un alleato militare dell’Iran, e che la Russia agirà militarmente se l’Iran venisse attaccato.

Dispiegamento militare
L’Iran è l’obiettivo dei piani di guerra USA-Israele-NATO.
Sono stati messi in campo avanzati sistemi d’arma. Forze speciali usamericane e alleate ed agenti dei servizi segreti sono già sul terreno all’interno dell’Iran. Droni militari degli Stati Uniti sono impiegati in attività di spionaggio e di ricognizione.
Armi nucleari tattiche B61 “bunker buster” (distruggi bunker) sono candidate ad essere utilizzate contro l’Iran come rappresaglia per il suo presunto programma di armi nucleari.
Ironia della sorte, nelle parole del ministro della Difesa usamericano Leon Panetta, l’Iran non possiede un programma di armamenti nucleari. “Stanno cercando di sviluppare un’arma nucleare? No!”
Il rischio di un conflitto armato tra una coalizione a guida Stati Uniti-Israele e l’Iran è, secondo gli analisti militari israeliani, “pericolosamente vicino”.
È avvenuto un massiccio dispiegamento di truppe che sono state inviate in Medio Oriente, per non parlare del riposizionamento delle truppe usamericane e alleate in precedenza di stanza in Afghanistan ed Iraq.


Novemila soldati statunitensi sono stati inviati in Israele per partecipare a quella che viene descritta dalla stampa israeliana come la più grande esercitazione bellica congiunta di difesa aerea della storia israeliana. Le manovre, indicate con “Austere Challenge 12”, sono previste avvenire entro le prossime settimane. Il loro scopo dichiarato “è quello di testare i molteplici sistemi di difesa aerea israeliani e statunitensi, in particolare il sistema  ‘Arrow (Freccia)’, che Israele nello specifico ha sviluppato con il concorso degli Stati Uniti per intercettare i missili iraniani.”


Rapporti suggeriscono anche un sostanziale aumento del numero di riservisti che vengono impegnati in Medio Oriente. Viene confermato che personale riservista dell’Air Force degli Stati Uniti è stato inviato presso le basi militari in Asia sud-occidentale (Golfo Persico).
Dal Minnesota oltre 120 avieri tra piloti, navigatori, meccanici, ecc. sono partiti per il Medio Oriente, l’8 gennaio. Dalle basi in North Carolina e Georgia, personale riservista “è in attesa di essere dislocato con le proprie unità nei prossimi mesi”. (Vedi fayobserver.com,18 dicembre 2011)
In Medio Oriente, sono state inviate anche unità della riserva della Guardia Costiera degli Stati Uniti (Riservisti della Guardia Costiera diretti in Medio Oriente military.com, 5 gennaio 2012).
Da questi rapporti locali, tuttavia, è impossibile stabilire il complessivo aumento di riservisti statunitensi dalle diverse divisioni delle forze armate degli Stati Uniti, che sono stati assegnati
all’“operazione guerra all’Iran”.
In Medio Oriente sono stati inviati anche riservisti dell’esercito della Gran Bretagna.

Truppe degli Stati Uniti verso Israele e il Golfo Persico
In buona sostanza, Israele è diventato l’avamposto militare degli Stati Uniti. Le strutture di comando degli Stati Uniti e di Israele vengono integrati, con una stretta concertazione tra il Pentagono e il Ministero della Difesa di Israele.
Un gran numero di truppe degli Stati Uniti sarà di stanza in Israele, una volta che i piani di guerra sono stati completati. L’assunzione di questo dispiegamento militare è l’allestimento scenico di un attacco aereo congiunto USA-Israele contro l’Iran.


L’escalation militare verso una guerra regionale fa parte dello scenario militare:
“Questa settimana, migliaia di soldati degli Stati Uniti hanno iniziato ad arrivare in Israele. ... molti sarebbero rimasti fino alla fine dell’anno come parte dell’integrazione in approntamento fra esercito degli Stati Uniti ed esercito di Israele (US-IDF) in vista di un impegno militare contro l’Iran e la sua possibile escalation in un conflitto regionale.
Essi saranno affiancati da una portaerei statunitense. Gli aerei da combattimento dai suoi ponti condurranno missioni in coordinazione con aerei dell’aviazione di Israele.
I 9.000 militari statunitensi che confluiranno in Israele nelle prossime settimane sono per lo più aviatori, squadre di intercettazione missilistica, marines, marinai, tecnici e funzionari dei servizi segreti.
Anche Teheran sta camminando sul filo del rasoio. Vengono messe in scena manovre militari ogni pochi giorni per assicurare il popolo iraniano che i suoi dirigenti sono pienamente preparati a difendere il paese contro un attacco usamericano o israeliano contro il suo programma nucleare nazionale. Con questo stratagemma, le forze di terra, di mare e dell’aria dell’Iran sono mantenute costantemente all’erta bellica, pronte a contrastare qualsiasi attacco di sorpresa.
Secondo il comunicaro ufficiale, le manovre congiunte USA-Israele metteranno alla prova i sistemi multipli di difesa aerea israeliani e statunitensi contro razzi e missili in arrivo.”
(DEBKAfile, 6 gennaio 2012)


Nel frattempo, il Pentagono ha inviato circa 15.000 soldati usamericani in Kuwait. Questi fanno parte di due brigate di fanteria dell’esercito e di un reggimento di elicotteri. Inoltre, di stanza nel mare Arabico, la Marina degli Stati Uniti sta utilizzando due portaerei con i loro rispettivi gruppi di attacco, la Carl Vinson e la John Stennis. (Debka, 13 gennaio 2012).
I media occidentali hanno a malapena menzionato questi dispiegamenti di truppe: “L’ultimo dispiegamento [delle truppe statunitensi in Kuwait], che è stato annunciato senza eccessiva enfasi al pubblico, aggiunge un numero straordinario di truppe in linea con l’arsenale usamericano che ora sta circondando l’Iran letteralmente su tutti i fronti.”
(Russia Today, gli Stati Uniti appostano 15.000 uomini di truppa in Kuwait, 13 gennaio 2012)
Questo massiccio dispiegamento di truppe statunitensi in Israele e negli Stati del Golfo ha qualche attinenza col ritiro e il riposizionamento delle truppe usamericane in precedenza di stanza in Iraq? Le truppe appostate in Kuwait opereranno sotto l’egida del Comando Centrale USA.

 
Un HMS della classe Daring, britannico
Portaerei Charles de Gaulle
Giochi di guerra
Stanno per essere condotte in contemporaneo manovre navali e di difesa missilistica USA-Israele. Nel frattempo, l’Iran ha annunciato che nel mese di febbraio condurrà i suoi giochi di guerra proprio nel Golfo Persico.
Si sta mettendo in atto un imponente spiegamento di truppe e di strutture militari avanzate.
La Marina Reale della Gran Bretagna ha inviato il suo vascello da guerra di concezione più avanzata, il Type 45 destroyer HMS Daring, “progettato in modo da non potere essere individuato dai radar”.

Nel frattempo, anche la Repubblica islamica dell’Iran è sul piede di guerra. Le Forze Armate dell’Iran sono in una fase avanzata di preparazione per difendere i confini del paese e per lanciare una rappresaglia in caso di un attacco condotto da Israele e gli Stati Uniti.
L’Iran ha completato un’esercitazione navale nei pressi dello Stretto di Hormuz della durata di 10 giorni nel mese di dicembre. Ora ha annunciato che sta progettando nuove manovre navali, nome in codice “Il Grande Profeta”, il cui svolgimento è in programma a febbraio.
I giochi di guerra di dicembre dell’Iran prevedevano i test di lancio di due sistemi di missili a lungo raggio, tra cui il Qadar (un potente missile mare-terra) e il Nour, un missile superficie-superficie. “Secondo fonti di stato iraniane, il Nour è un missile guidato e controllato, avanzato per eludere i radar e cercare il bersaglio’.”
(Vedere The Pentagon to Send US Troops to Israel. Iran is the Unspoken Target, Global Research, January 4, 20122)
“Inoltre, l’esercito iraniano ha riferito di numerosi altri test di lancio di missili a breve, a medio e lungo raggio .... le autorità iraniane hanno comunicato di test di lancio del missile Mehrab a medio raggio, terra-aria, in grado di eludere i radar.” (Ibid)

Test missilistico iraniano
La domanda cruciale: il Pentagono, cercando di innescare deliberatamente uno scontro militare nel Golfo Persico, è alla ricerca di ottenere un pretesto e una giustificazione per scatenare una guerra totale contro la Repubblica islamica dell’Iran?
Gli strateghi militari statunitensi ammettono che la Marina degli Stati Uniti si troverebbe in una posizione di svantaggio rispetto alle forze iraniane nel corridoio stretto dello Stretto di Hormuz:

“Nonostante la sua potenza e la forza di impatto, la geografia opera letteralmente contro il potere navale statunitense nello Stretto di Hormuz e nel Golfo Persico. La relativa ristrettezza del Golfo Persico lo rende simile ad un canale, almeno in un contesto strategico e militare. Metaforicamente parlando, le portaerei e le navi da guerra degli Stati Uniti sono confinate in acque anguste o sono chiuse all’interno di acque costiere del Golfo Persico. ... Anche le simulazioni di guerra del Pentagono hanno dimostrato che una guerra nel Golfo Persico contro l’Iran si dimostrerebbe un disastro per gli Stati Uniti e per il suo esercito.”
(Mahdi Darius Nazemroaya, The Geo-Politics of the Strait of Hormuz: Could the U.S. Navy be defeated by Iran in the Persian Gulf?, Global Research,  8 gennaio 2012)

Scatenare un incidente, pretesto per la guerra: provocare l’Iran a “tirare il primo pugno”
L’amministrazione Obama è disposta a sacrificare una o più navi della Quinta Flotta, con conseguenti perdite massicce tra i soldati e i marinai, al fine di raccogliere l’appoggio dell’opinione pubblica per una guerra contro l’Iran per motivi di legittima difesa?
Come documentato da Richard Sanders, la strategia di provocare un incidente pretesto per la guerra è stata usata in tutta la storia militare degli Stati Uniti.

“Nel corso della storia, gli strateghi militari hanno usato varie forme di raggiro per ingannare i loro nemici. Poiché il sostegno dell’opinione pubblica è così cruciale per il processo di avviamento e conduzione della guerra, anche la popolazione a casa è soggetta a stratagemmi menzogneri. La creazione di falsi pretesti per giustificare l’entrata in guerra è un primo passo importante nella costruzione dell’appoggio pubblico per tali nefaste avventure. Forse la scusa più comune per la guerra è un attacco nemico apparentemente immotivato. Tali aggressioni, tuttavia, sono spesso fabbricate ad arte, istigate o deliberatamente si permette che avvengano. Esse vengono poi sfruttate per suscitare nella pubblica opinione solidarietà e vicinanza per le vittime, sono indispensabili per demonizzare gli aggressori e costruire un sostegno di massa alla “rappresaglia” militare.

Come i bulli della scolaresca quando urlano aggressivi 'È lui che mi ha colpito per primo!', gli strateghi militari sanno che è irrilevante se l’avversario davvero 'ha tirato il primo pugno.'
Fino a quando può sembrare che l’attacco sia stato provocato, il bravaccio riceve licenza di 'rispondere' con la forza. Bulli e pianificatori di guerra sono esperti nell’insultare, prendere in giro e minacciare i loro avversari. Se il nemico non può essere indotto a 'sparare il primo colpo', è abbastanza facile mentire su quello che è veramente successo. A volte, questo è sufficiente per giustificare un pestaggio all’interno del cortile della scuola o una guerra genocida.
Tale stratagemma fraudolento è stato probabilmente impiegato da ogni potenza militare nel corso della storia. Durante l’Impero romano, “la causa per la guerra - casus belli - è stato spesso inventata per nascondere le vere ragioni per la guerra. Nel corso dei millenni, anche se le armi e le strategie di battaglia sono decisamente cambiate, lo stratagemma ingannevole di usare incidenti pretesto per fomentare la guerra è rimasto straordinariamente coerente.”
(Vedere How to Start a War: The American Use of War Pretext Incidents. Global research, 9 gennaio 2012)

Pearl Harbor si distingue come il casus belli, il pretesto e la giustificazione per l’ingresso dell’America nella Seconda guerra mondiale.
Il Presidente Roosevelt sapeva che Pearl Harbor sarebbe stato attaccato dal Giappone e non fece nulla per impedirlo. Ad una riunione del 25 novembre 1941 del consiglio di guerra, “le osservazioni del ministro della Guerra Henry Stimson esprimevano con franchezza l’opinione generale prevalente: ‘Il problema era come dovremmo manovrare [i Giapponesi] in modo da indurli a ... sparare il primo colpo, senza procurare un danno troppo grande a noi stessi’.”
(Vedere Patrick Buchanan,  Did FDR Provoke Pearl Harbor? Global Research, 7 dicembre 2011). 
I Giapponesi possono attaccare nel fine settimana!
Kurusu avverte senza mezzi termini. Uno specialista di questioni estere attacca la follia di Tokio.
La nazione pronta alla battaglia.

Alla vigilia dell’attacco, gli Stati Uniti stavano battendo i tamburi di guerra, mentre tenevano nascosto il fatto che “l’amministrazione di F.D. Roosevelt sapeva, ma si guardava bene dall’intervenire”.
“Un incredibile e massiccia copertura venne messa in pratica pochi giorni dopo l’attacco a Pearl Harbor, ... quando il Capo di Stato Maggiore ordinava la copertura sulla vicenda. ‘Signori’, dichiarava ad una mezza dozzina di ufficiali, ‘questo deve andare con noi nella tomba’.”
(John Toland, Infamy: Pearl Harbor and its Aftermath, Doubleday, 1982, p. 321).
Secondo il professor Francis Boyle, con riferimento alla prova di forza in corso nel Golfo Persico tra la Marina degli Stati Uniti e l’Iran: “Ancora una volta, mi sembra di assistere ad una situazione simile a quella del 1941, quando F.D.Roosevelt ha sacrificato la Flotta del Pacifico e i suoi uomini a Pearl Harbor, tranne le portaerei, con lo scopo di ottenere il coinvolgimento degli Stati Uniti nella Seconda Guerra Mondiale, nonostante il fervente desiderio del popolo usamericano e del Congresso a rimanerne fuori. Déjà vu, tutto come una volta. Ritorno al futuro.”
(Francis Boyle, 13 gennaio 2011, comunicazione all’autore via e-mail)
In contrasto con gli eventi del novembre 1941, il Congresso degli Stati Uniti del 2012 è ampiamente favorevole ad una guerra contro l’Iran, e il popolo degli Stati Uniti è, come risultato della disinformazione dei media, in gran parte inconsapevole delle implicazioni devastanti di un attacco USA-Israele.
Giustificazioni tematiche: demonizzare il nemico
A prescindere dall’“incidente” in cui il nemico è istigato a “tirare il primo pugno”, vengono addotte “giustificazioni tematiche” per demonizzare il nemico e giustificare un casus belli. Armi di distruzione di massa (WMD) e il cambio di regime nel caso dell’Iraq (2003), il sostegno ad Al Qaeda e gli attentati terroristici dell’11 settembre nel caso dell’Afghanistan (2001), il “cambio di regime” e la “democratizzazione” come nei casi della Jugoslavia (1999) e della Libia (2011).

Queste, fra le altre, le giustificazioni tematiche per scatenare una guerra contro l’Iran:
  1. L’Iran è accusato di sviluppare un programma di armi nucleari
  2. L’Iran è uno “Stato canaglia”, che sfida la “comunità internazionale” e costituisce una minaccia per il mondo occidentale
  3. L’Iran vuole “cancellare Israele dalla carta geografica”
  4. L’Iran è responsabile per il suo appoggio e la complicità negli attacchi terroristici dell’11 settembre
  5. L’Iran è un paese autoritario e antidemocratico, quindi è giustificabile un intervento di “Impegno e Responsabilità alla Protezione” (R2P) al fine di instaurare la democrazia.
Arabia Saudita e Stati del Golfo
In caso di guerra con l’Iran, verrebbero coinvolti gli Stati membri della NATO, nonché i partner della NATO del “Dialogo Mediterraneo”, tra cui i Cinque Stati del Consiglio di Cooperazione del Golfo, l’Arabia Saudita e la Giordania.  

L’Arabia Saudita e gli Stati del Golfo sono in possesso di un formidabile arsenale di armi, di aerei da combattimento F-15, di missili Patriot, di elicotteri Apache e di navi da guerra (made in USA); che verrebbero utilizzati contro l’Iran per conto della coalizione guidata dagli Stati Uniti.
(Vedere The Gulf  Military Balance in 2010: An Overview | Center for Strategic and International Studies)
Gli Stati Uniti occupano più di 30 basi e strutture militari, tra cui una base navale in Bahrein, il quartier generale del Comando Centrale degli Stati Uniti (CENTCOM), con sede in Qatar, per non parlare delle sue installazioni militari in Pakistan, Turchia e Afghanistan (vedi cartina geografica)

 
*۞ basi o strutture militare statunitensi che circondano l’ Iran
Secondo le prospettive di Washington, la Royal Air Force dell’Arabia Saudita è destinata ad agire su mandato dell’Aeronautica militare degli Stati Uniti, operativamente secondo il principio della “interoperatività”.
L’aviazione militare dell’Arabia Saudita è dotata di aerei da combattimento i più tecnologicamente avanzati, tra cui (fra gli altri) gli Eurofighter Typhoon, i Tornado IDS, gli F-15 e F-15E Eagle.
Nel mese di ottobre 2010, Washington ha annunciato la sua più grande vendita di armi nella storia degli Stati Uniti, un acquisto di 60,5 miliardi dollari da parte dell’Arabia Saudita.
Queste armi, anche se acquistate dall’Arabia Saudita, sono di fatto parte di un arsenale di armi gestito dagli USA, che deve essere utilizzato in stretto coordinamento e dopo consultazione con il Pentagono.
Nel 2010 sono state negoziate massicce vendite di armi anche con gli Stati del Golfo.
Si dovrebbe, comunque, sottolineare la riluttanza delle élite al governo in Arabia e negli Stati del Golfo ad una partecipazione attiva in una guerra regionale, che scatenerebbe inevitabilmente attacchi aerei di rappresaglia da parte dell’Iran. 
Escalation: verso un conflitto regionale più allargato
Se dovessero essere lanciati attacchi aerei, l’Iran scatenerebbe ritorsioni con attacchi missilistici diretti contro Israele e contro le strutture militari statunitensi presenti nel Golfo Persico, nell’Iraq e in Afghanistan.
L’Iran possiede l’ S 300, un sistema avanzato russo di difesa aerea. Questo è dotato di risorse missilistiche di medio e lungo raggio: i missili Shahab 3 e Sejjil hanno un raggio di azione di circa 2.000 km, consentendo loro di colpire obiettivi in Israele. Il Ghadr 1 ha un raggio di intervento di 1.800 km. (Vedere Haaretz, 28 settembre 2009)
La guerra con l’Iran non sarebbe limitata a bombardamenti aerei. Potrebbe avere un seguito in un conflitto di terra con la Turchia, paese che sta svolgendo un ruolo strategico militare per conto della coalizione guidata dagli Stati Uniti ed Israele.

Le forze di terra della Turchia sono dell’ordine di 500.000 uomini. Quelle dell’Iran sono dello stesso ordine di grandezza: 465.000 forze regolari. Le forze turche verrebbero impiegate nelle zone di confine con l’Iran e con la Siria del Nord.
Il personale iraniano dell’aviazione militare e della marina militare si aggira rispettivamente sull’ordine di 52.000 e 28.000 uomini. (Vedere tabella sottostante)
I Guardiani della Rivoluzione, che costituiscono in Iran una forza di élite, sono dell’ordine di 120.000 elementi. Inoltre, l’Iran ha una forza significativa paramilitare costituita da diversi milioni di uomini e donne chiamati Basij.

Quindi, la guerra potrebbe coinvolgere anche la Siria (che è un alleato dell’Iran), la Palestina, il Libano e la Giordania, con la partecipazione delle fanterie siriane così come degli Hezbollah, che con efficacia hanno annullato Israele nella sua invasione del Libano del 2006.
Secondo recenti sviluppi, l’Iran ha accresciuto le sue forniture  militari alla Siria e in Libano.
A sua volta, la Russia ha una base navale nel sud della Siria e accordi di cooperazione militare con la Siria e l’Iran comportano la presenza di consiglieri militari russi.
La Russia sta dispiegando navi da guerra fuori della sua base navale a Tartus, compreso l’incrociatore portaerei lanciamissili Ammiraglio Kuznetsov. “Il dispiegamento ... segue la mossa degli Stati Uniti di far stazionare la portaerei George H.W. Bush, affiancata da un gruppo di battaglia formato dai cacciatorpediniere lanciamissili Truxtun e Mitscher” al largo delle coste siriane.
(Vedere M. K. Badrakumar, Russia deploying warships in Syria - Indian Punchline, 21 novembre 2011)

                                     La base navale russa di Tartus, Siria
 
L’incrociatore portaerei lanciamissili Ammiraglio Kuznetsov
Un Su 33 decolla dall’incrociatore portaerei lanciamissili Ammiraglio Kuznetsov nel Mediterraneo orientale
La Risoluzione 1929 del Consiglio di sicurezza dell’ONU (giugno 2010) aveva imposto un regime di sanzioni contro l’Iran, che conduceva a un blocco temporaneo della cooperazione militare tra l’Iran e la Russia, come pure con la Cina.
Recenti sviluppi indicano che la cooperazione militare ha di fatto ripreso, in seguito al rifiuto esplicito del 31 dicembre 2011, sia da parte della Cina che della Russia, del regime di sanzioni economiche imposto in buona sostanza da Washington.

In uno scenario di escalation militare, le truppe e/o le forze speciali dell’Iran potrebbero attraversare il confine con l’Afghanistan e l’Iraq.
Dai tre teatri di guerra esistenti: Afghanistan-Pakistan (Af-Pak), Iraq, Palestina, lo scatenare una guerra contro l’Iran porterebbe a una guerra regionale integrata.
L’intera regione Medio Oriente-Asia Centrale, che si estende dal Mediterraneo orientale al confine occidentale della Cina con l’Afghanistan e il Pakistan, divamperebbe, dalla punta della Penisola Arabica fino al bacino del Mar Caspio.
Il Caucaso e l’ Asia Centrale: competizione fra Alleanze militari
Quale sarebbe il coinvolgimento dei “partner” degli Stati Uniti nel Caucaso, in particolare della Georgia e dell’Azerbaigian? (Vedere Michel Chossudovsky, The Iran War Theater's "Northern Front": Azerbaijan and the US Sponsored War on Iran, Global Research, 9 aprile 2007).

In Azerbaigian, il governo ha recentemente preso le distanze da Washington, e ha rifiutato la sua partecipazione ad esercitazioni militari congiunte con gli Stati Uniti.
Si afferma che l’accordo strategico bilaterale USA-Azerbaigian abbia raggiunto un punto morto:
“Il desiderio di Baku di non irritare Mosca sembrerebbe precludere ogni possibilità da parte dell’Azerbaigian di ospitare una struttura militare degli Stati Uniti ....
(Azerbaijan: US Military Ties with Baku Are Stagnating - Experts | EurasiaNet.org, 25 aprile 2011).

Per contro, il governo della Georgia sostiene direttamente lo sforzo bellico degli Stati Uniti contro l’Iran. Secondo ultime informazioni, il Pentagono sta finanziando la costruzione di ospedali militari da campo statunitensi in Georgia, da utilizzare nell’eventualità di una guerra con l’Iran.
( Readies for War On Iran: US Builds Military Hospitals in Georgia, Global Research, 10 gennaio 2012)
“Si tratta di pronto-soccorsi da 20 posti letto... Questo fa parte di un progetto statunitense. Sta iniziando nel Golfo Persico una grande guerra tra gli USA e l’Iran. Sono stati assegnati 5 miliardi di dollari per la costruzione di questi ospedali militari”,  così ha affermato Javelidze in un’intervista rilasciata al giornale georgiano Kviris Kronika (Notizie della settimana) ... La costruzione è prevalentemente a carico delle tasche statunitensi. Inoltre, in Georgia si stanno alacremente costruendo aeroporti... (Ibid)
Ciò che ci fa capire il progetto di questi ospedali militari è che il Pentagono ha già stabilito logistiche dettagliate relative al trasferimento di militari statunitensi feriti sul campo di battaglia con l’Iran ai vicini ospedali militari in Georgia. Queste preparazioni avanzate suggeriscono che i piani di guerra sono in una fase veramente avanzata, e che sono già stati predisposti gli scenari relativi alle perdite militari.
Le Alleanze militari: La Shanghai Cooperation Organization (SCO) e la CSTO
Le Alleanze di contrapposizione militare all’asse USA-NATO-Israele sono la Shanghai Cooperation Organization (SCO) [Organizzazione di Shanghai per la Cooperazione] e la Collective Security Treaty Organization (CSTO) [Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva].

La SCO comprende il Kazakistan, la Repubblica popolare di Cina, la Repubblica del Kirghizistan, la Federazione Russa, la Repubblica di Tagikistan e la Repubblica dell’Uzbekistan.
La CSTO include sette repubbliche ex sovietiche, tra cui Russia, Bielorussia, Armenia, Kazakistan, Kirghizistan, Uzbekistan e Tagikistan.
L’Iran ha lo status di osservatore nella SCO.
L’Uzbekistan si è ritirato dall’accordo di cooperazione militare GUUAM promosso dalla NATO. Nel 2005 ha formalmente sfrattato gli Stati Uniti dalla base aerea del Karshi-Khanabad, conosciuta come K2 (U.S. Evicted From Air Base In Uzbekistan, Washington Post, 30 luglio 2005).
Significativamente, nella Repubblica del Kirghizistan, il nuovo eletto Presidente Almazbek Atambayev (nel novembre 2011) ha dichiarato che ha intenzione di chiudere la base militare statunitense di Manas, quando scade il contratto di locazione.  (Kyrgyzstan Says United States’ Manas Air Base Will Close - NYTimes.com, 1 novembre 2011)
Quello che questi sviluppi suggeriscono è che le ex repubbliche sovietiche dell’Asia centrale hanno riaffermato il loro rapporto privilegiato con Mosca, che a sua volta ha portato al consolidamento del blocco militare SCO-CSTO.
Egemonia militare mondiale degli Stati Uniti. Russia e Cina
La partecipazione di Russia e Cina a fianco dell’Iran è già di fatto nella prospettiva di accordi di cooperazione prevalentemente militare, confermato questo dal trasferimento di sistemi d’arma e di relativa tecnologia in favore dell’Iran, dalla presenza di consiglieri militari russi, dalla formazione del personale, sia in Iran che in Siria. Inoltre, l’Iran ha lo status di osservatore nella SCO.
Russia e Cina sono pienamente consapevoli che una guerra contro l’Iran è un trampolino di lancio verso una guerra più allargata. Entrambi i paesi sono presi di mira dagli Stati Uniti e della NATO. La Russia è minacciata sui suoi confini con l’Unione europea, con armi di distruzione di massa di USA-NATO puntate contro le principali città russe. Fatta eccezione della sua frontiera settentrionale, la Cina è circondata da basi militari statunitensi, dalla penisola coreana al Mar Cinese Meridionale.
Sia la Cina che la Russia sono percepite da Washington come una “minaccia globale”.

La Cina è stata il bersaglio di minacce velate lanciate dal presidente Obama e dalla Segretaria di Stato Hillary Clinton.
Il  recente “National Defense Review”, come annunciato dal ministro della Difesa Leon Panetta, prevede un bilancio della difesa allargato, al fine di contrastare la Russia e la Cina.
Nell’ambito degli sviluppi della situazione, la Russia recentemente ha nominato vice primo ministro Dmitrij Rogozin, che ha avvertito Washington e Bruxelles che “Se qualcosa dovesse succedere all’Iran, se l’Iran dovesse essere trascinato in qualsiasi difficoltà politica o militare, questo costituirebbe una diretta minaccia alla nostra sicurezza nazionale”.
Crescita vertiginosa della spesa per la difesa negli Stati Uniti: l’ideologia “Big Dog” del Pentagono
L’obiettivo di Washington è quello di stabilire il suo dominio militare sul mondo.
Mentre la “guerra al terrorismo” e il contenimento degli “Stati canaglia” costituiscono ancora la giustificazione ufficiale e la forza motrice degli Stati Uniti, Cina e Russia sono stato etichettate in documenti dell’esercito e della Sicurezza Nazionale statunitensi come potenziali nemici:
“... Le forze armate degli USA ... stanno cercando di dissuadere le potenze emergenti, come la Cina, dallo sfidare il dominio militare degli Stati Uniti.”
(Vedere Greg Jaffe, Rumsfeld details big military shift in new document, The Wall Street Journal, 11 marzo 2005)

In che modo Washington intende raggiungere il suo obiettivo di egemonia militare globale? Attraverso la crescita vertiginosa delle spese per la difesa e con la continua crescita dell’industria statunitense degli armamenti, che richiedono una pesante compressione di tutte le categorie di spesa pubblica.
Reso effettivo nel bel mezzo della più grave crisi economica della storia usamericana, l’aumento continuo delle spese per la difesa alimenta questa nuova corsa non dichiarata agli armamenti, in competizione con la Cina e la Russia, con una massiccia quantità di dollari di tasse incanalata verso gli appaltatori della difesa degli Stati Uniti.
“L’obiettivo dichiarato è quello di rendere il processo di sviluppo di avanzati sistemi d’arma così costoso, che nessun altra potenza al mondo, come la Cina e la Russia, sarà in grado di competere o sfidare il “Big Dog” (il Cane Grosso), senza mettere a repentaglio la sua economia civile.”
(Michel Chossudovsky, New Undeclared Arms Race:, Global Research, 17 marzo 2005)

Questa ideologia del “Big Dog”, un termine coniato dal Pentagono, è una precondizione per la “Globalizzazione della Guerra”. Si tratta di un programma diabolico per migliorare la macchina di morte usamericana attraverso lo smantellamento dei programmi sociali e l’impoverimento della gente negli Stati Uniti.
“Al cuore di questa strategia sta la convinzione che gli Stati Uniti devono mantenere un vantaggio così grande nelle cruciali tecnologie [militari] che le potenze via via emergenti [Russia, Cina, Iran] concluderanno che sia troppo costoso per questi paesi anche il solo pensare di tentare di rincorrere il ‘grande cane’. Questi paesi realizzeranno che non vale la pena sacrificare la loro crescita economica”, così si esprimeva un consulente della difesa che era stato ingaggiato per redigere sezioni del documento.
(Greg Jaffe, Rumsfeld details big military shift in new document, The Wall Street Journal,11 marzo 2005)
La Repubblica Islamica di Iran: risorse militari
(Dati del 2011)
Popolazione totale: 77.891.220
Forza lavoro disponibile: 46.247.556
Idonei al servizio militare: 39.556.497
In età di servizio militare: 1.392.483
Militari in attività: 545.000
Attivi nella riserva: 650.000
Fanteria
Carri armati: 1.793
Veicoli da combattimento corazzati per trasporto truppe (APC/IFV): 1.560
Artiglieria trasportata: 1.575
Semoventi d’artiglieria: 865
Sistemi lancia missili: 200
Mortai: 5.000
Armi anticarro: 1.400 
Armi antiaeree: 1.701
Veicoli logistici: 12.000
Forza aerea
Aerei da combattimento: 1.030 
Elicotteri: 357 
Aeroporti in utilizzo: 319
Forza navale
Navi da combattimento: 261
Naviglio di marina mercantile: 74
Porti e terminali importanti: 3
Portaerei: 0
Cacciatorpediniere: 3
Sottomarini: 19
Fregate: 5
Forza navale di pattuglia: 198
Caccia e posa mine: 7
Navi d’assalto trasporto anfibi: 26
Fonti:
Iran Army, www.iraniandefence.com
Iran Military Strength, www.globalfirepower.com





Per concessione di Tlaxcala
Fonte: http://www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=28652
Data dell'articolo originale: 14/01/2012
URL dell'articolo: http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=6653
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!