venerdì 24 febbraio 2012


Wall Street Journal riferisce che funzionari statunitensi sono sempre più preoccupati che Israele colpirà gli impianti nucleari iraniani, Gli USA vuole dare le sanzioni anzitempo.

 Gli Stati Uniti hanno intensificato la pianificazione di emergenza in caso Israele lancia un attacco militare contro gli impianti nucleari dell'Iran, il Wall Street Journal Sabato.

Secondo il rapporto, funzionari della difesa degli Stati Uniti sono sempre più preoccupati che Israele si sta preparando a effettuare tale sciopero.


jet - Eliahu Hershkovitz - October 6, 2010Israel air force F16
Foto di: Eliahu Hershkovitz

 "La nostra preoccupazione è accresciuta," un alto funzionario militare degli Stati Uniti ha detto al Wall Street Journal.

 L'esercito americano starebbe preparando una serie di possibili risposte a un attacco israeliano contro l'Iran, compresi gli attacchi da parte delle milizie sciite filo-iraniane contro l'ambasciata Usa in Iraq.
 Il rapporto afferma che, in gran parte come un deterrente per l'Iran, gli Stati Uniti hanno 15.000 soldati in Kuwait e si sono spostati anche un secondo vettore un gruppo di aerei d'attacco nella regione del Golfo Persico.


 Inoltre, gli Stati Uniti hanno pre-posizionato aerei e altre attrezzature militari e ha accelerato i trasferimenti di armi agli alleati degli Stati Uniti nella regione del Golfo Persico.
 Secondo il rapporto, alti funzionari statunitensi, tra cui il presidente Barack Obama e il segretario alla Difesa Leon Panetta, hanno inviato una serie di messaggi privati ​​ai leader israeliani avvisandoli  circa le conseguenze di un attacco all'Iran.


Si ribardisce che gli Stati Uniti vogliono  imporre sanzioni e altre misure per lungo tempo, come parte degli sforzi per costringere l'Iran ad abbandonare il suo lavoro presunto di costruire armi nucleari.


Obama e il primo ministro Benjamin Netanyahu hano conversato al telefono  Giovedì;   il generale Martin Dempsey, il presidente del Joint Chiefs of Staff, visiterà Israele la prossima settimana.

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!