domenica 11 marzo 2012


Gaza l'escalation militare: prova generale per la guerra contro l'Iran
Netanyahu intensifica la situazione di prova militare di Gaza: una prova generale per la guerra contro l'Iran, e un "premio di consolazione" per non essere a esso ancora in guerra.


All'inizio della settimana, il Primo Ministro Binyamin Netanyahu ha fallito nel suo tentativo di ottenere l'autorizzazione americana per un attacco  contro l'Iran, cosa che potrebbe generare premi in petrolio e rovesciare l'economia mondiale. 


Alla fine della stessa settimana, si sta mettendo il confine nella Striscia di Gaza il fuoco con un atto di "liquidazione", che era certo per far precipitare una raffica di razzi contro le comunità del sud di Israele e hanno il loro accalcarsi i bambini in rifugi antiaerei  il Purim per la vacanza. 


Gli attentati e le uccisioni nel vedere della Striscia di Gaza è come una prova generale e test di sistemi di armi verso la grande guerra a venire - e un "premio di consolazione" per non aver ancora ottenuto l'autorizzazione USA. 


Nelle ultime settimane, c'erano molte indicazioni di una distanza crescente tra Hamas e l'Iran, e la riluttanza dei leader di Hamas a partecipare a una guerra tra Israele e Iran, in caso dovesse scoppiare. 


Una leadership responsabile israeliano dovrebbe  cercare di approfondire questa lacuna, e quindi fare tutto quanto in suo potere per mantenere la calma al confine con Gaza. 


Ma una leadership responsabile non è esattamente il termine giusto per descrivere il governo attuale di Israele. 

Contatto: Adam Keller, portavoce di Gush Shalom 054-2340749

110 RAZZI - 14 MORTI - 25 FERITI
A GAZA OGGI C'E' DI NUOVO L'INFERNO


ANCHE ILARION CAPUCCI CON LA GMJ

Un grande passo avanti
SI E' COSTITUITO IL COMITATO INTERNAZIONALE DEI GARANTI DELLA GMJ
Musulmani, cristiani ed ebrei in difesa di Gerusalemme

Sotto l'appello e la lista completa dei membri dell'Advisory Board

«Noi, l'Advisory Board della marcia Globale per Gerusalemme, siamo allarmati e profondamente turbati dalla continua repressione dei palestinesi a Gerusalemme e dai tentativi deliberati e sistematici per espellere e ridurre la popolazione cristiana e musulmana palestinese della città, ciò come parte della cosiddetta politica di "ebraicizzazione", del resto applicata in ogni parte della Palestina storica. 
Questa politica è incompatibile con tutte le pertinenti risoluzioni delle Nazioni Unite su Gerusalemme e contrarie ai più elementari principi del diritto internazionale. Il suo scopo è chiaramente alla pulizia etnica di Gerusalemme della sua popolazione non ebraica, trasformando un simbolo, una volta orgoglioso di tolleranza internazionale e diversità religiosa e culturale, in un enclave di esclusione e razzista. 

Gerusalemme è il nostro patrimonio comune universale. E’ il centro della spiritualità ed ha significato ideologico per tutte le religioni monoteiste, è uno simbolo di emancipazione e di speranza per gli oppressi. Questa città storica è venerata in tutto il mondo come patrimonio spirituale di tutta l'umanità, è stata un simbolo di unità e di uguaglianza, con un messaggio di amore, misericordia e compassione. 


Tuttavia, il mondo intero sta assistendo alla minaccia della sovranità, della santità e inviolabilità di Gerusalemme. Il piano non è solo di distruggere la presenza musulmana e cristiana, ma anche quello di cambiare e smantellare la struttura sociale di Gerusalemme, cancellando l’identità indigena araba e quindi il carattere della città. 

I popoli del mondo si sono quindi fatti carico della battaglia per evitare questo abominio, mobilitando se stessi in ogni parte del pianeta, in rappresentanza degli ambienti religiosi, umanitari e culturali, promuovendo la Marcia Globale per Gerusalemme (GMJ), una marcia volta a salvaguardare che la città della pace non diventi un deserto di intolleranza. Abbiamo quindi deciso di offrire i nostri nomi affinché uomini e donne da tutti i paesi e continenti di tutto il mondo convergano, in una marcia pacifica, su Gerusalemme, e verso i punti più vicini in cui sarà possibile spingere la Marcia, sia dall'interno della Palestina che ai confini con la Giordania, Egitto, Siria e Libano. 

Sosteniamo quindi questo sforzo, e chiediamo all'umanità intera di sostenerlo, solennemente garantendo che tutti i partecipanti alla Marcia mondiale per Gerusalemme si impegneranno ad accettare i seguenti punti: 

1. Noi affermiamo l'importanza di Gerusalemme politicamente, culturalmente e religiosamente per popolo palestinese e l'umanità nel suo complesso. Chiamiamo alla tutela dei Luoghi Santi e tutti i siti archeologici e consideriamo tutti gli sforzi fatti per cambiare la sua identità araba e culturale come un crimine contro l'umanità. Ci appelliamo a tutte le istituzioni internazionali affinché facciamo il loro dovere verso la città. 

2. La difesa di Gerusalemme e la sua liberazione sono un dovere di tutti i popoli liberi del mondo e chiediamo a tutte le istituzioni, le organizzazioni e gli individui di farsene carico. 

3. Noi condanniamo la campagna sionista di pulizia etnica a Gerusalemme e nel resto della Palestina incluse le politiche in corso destinate a cambiare la situazione demografica e geografica della città finalizzate alla sua ebraicizzazione. Condanniamo inoltre il proseguimento, da parte delle forze di occupazione sioniste, della costruzione del muro dell'apartheid che mira a espropriare sempre più terre palestinesi e convertire i territori occupati in alcuni cantoni isolati gli uni dagli altri. 

4. Noi sosteniamo il diritto del popolo palestinese all'autodeterminazione, per liberare la loro terra e per vivere in libertà e di dignità, come tutte gli altri esseri umani del mondo. 

5. Sosteniamo i diritti non negoziabili e inalienabili del popolo palestinese, comprese le loro famiglie, di tornare alle loro case e alle terre da cui sono stati sradicati. 

6. Noi respingiamo tutte le leggi razziste che distinguono le persone sulla base dell'etnia o della religione e ne chiediamo la cancellazione e la penalizzazione. 

7. La marcia Globale per Gerusalemme non rappresenta alcuna fazione o partito politico, chiediamo piuttosto la partecipazione di tutte le forze sociali, le fazioni politiche e le ideologie. 

8. La marcia Globale per Gerusalemme è un movimento globale pacifico, che non usa la violenza per raggiungere i suoi obiettivi». 

7 marzo 2012

Lista (parziale) dei membri dell'Advisory Board
1. Shaikh Dr. Abdul Ghani al-Tamimi, poet and preacher; chairman of the Palestine Scholars Abroad
2. Abdullatif Arabiyyat, Former Speaker of the Jordanian Parliament 
3. Swami Agnivesh, Founder, Bonded Labour Liberation Front and World Council of Arya Samaj, former member of the Indian parliament and former chairperson of the UN Voluntary Trust Fund on Contemporary Forms of Slavery 
4. Ahmad Obeidat, Former Jordanian Prime Minister & Head of the National Front for Reform 
5. Dr. Ahmed Mohammed attia Bahar, Vice President, Palestinian Legislative Council 
6. Tan Sri Anthony Francis Fernandes, Malaysian entrepreneur; founder and CEO, Air Asia 
7. Dr. Anton Shuhaiber, Gaza Christian Association, Palestine. 
8. Arnold Hottinger, Swiss journalist and publicist; former Middle East correspondent for the Neue Zürcher Zeitung. 
9. H.E. Atallah Hanna, Archbishop of Sebastia, Patriarchate of Jerusalem, Palestine. 
10. Bouguerra Soltani, Algerian Government Minister and party leader for the Movement of the Society for Peace 
11. Dr. Cornel West, Professor of African American studies. Princeton University; philosopher, writer and civil rights activist, US.
12. Datuk Yasmin Yusoff, Malaysian actress and television host 
13. David Hartsough, Director, Peaceworkers, San Francisco, US. 
14. Archbishop Desmond Tutu, Nobel Peace Laureate, South Africa. 
15. HE Dr. Dzukelly Ahmad, member of the Malaysian parliament 
16. Evelyn Hecht-Galinski, Jewish German author, activist and publicist 
17. Dr. Francis Boyle, Professor of International Law, University of Illinois, US. 
18. Dr. Franco Cavalli, oncologist and former leader of the Swiss Social Democrat Party  parliamentary group 
19. George Galloway, former Member of British Parliament and Founder of Viva Palestina 20. Dr. Ghada Karmi, Writer and Co-Director, Centre for Palestine Studies, University of Exeter, UK 
21. Gretta Duisenberg, Founder and Chair, "Stop the Occupation" (Netherlands), Free Gaza Movement Board Member 
22. Dr. Hammam Said, Head of the Jordanian Consultative Council of the Muslim Brothers 23. Hilarion Capucci, Archbishop of Caesarea, Greek Melkite Church, Palestine. 
24. Ibrahim Nasrallah, Jordanian-Palestinian Poet & Novelist 
25. Dr. Jeremiah Wright, Pastor Emeritus, Trinity United Church of Christ, Chicago, Illinois, USA 
26. Prof. Judith Butler, writer and philosopher, University of California, Berkeley, US 
27. Laith Shubeilat, Former Jordanian Parliamentarian 
28. Lalita Ramdas, Chair, Greenpeace International, India. 
29. Admiral Laxminarayan Ramdas, Magsaysay Peace Award Recipient and anti- nuclear advocate, India 
30. Dr. Leo Gabriel, Austrian socioanthropologist, journalist and documentary filmmaker; member, World Social Forum International Council 
31. Fr. Louis Vitale, Order of Franciscan Monks; Pace e Bene; nonviolent resistor, US 
32. Rabbi Lynn Gottlieb, American rabbi in the Jewish Renewal Movement 
33. Tun Dr. Mahathir Mohammed, former Prime Minister of Malaysia 
34. Mairead McGuire, Nobel Peace Laureate, North Ireland 
35. Marzuki Alie, Speaker, Indonesian House of Representatives 
36. Marwah Daud Ibrahim, Indonesian feminist, writer and Member of Parliament 
37. Medha Patkar, Leader, National Alliance of People's Movements; Recipient, Right Livelihood Award, Goldman Environment Prize & Amnesty International Human Rights Defenders Award, India 
38. Dr. Mustafa Barghouti, Secretary General, Palestinian National Initiative and President, Union of Palestinian Medical Relief Committees 
39. Neta Golan, Co-Founder, International Solidarity Movement, Canada. 
40. Dr. Norman Paech, former Member of the German Parliament; professor of law, emeritus, University of Hamburg 
41. Sheikh Raed Salah, President of the Islamic movement within the historical Palestine- 1948 Ceasefire Line 
42. Justice Rajinder Sachar, Former Chief Justice, Delhi High Court, Member, UN Sub-Commission on Prevention of Discrimination and Protection of Minorities. Senior Advisor & Counsel,People's Union for Civil Liberties, India. 
43. Ronnie Kasrils, South African national liberation leader and former cabinet minister 
44. Seema Mustafa, Syndicated columnist & former political editor, Asian Age. India
45. Prof Siddique Hassan, Director, Vision 2016 and Assistant Amir of the Jamat-e- Islami, India
46. Subhi Ghosheh, Chairman, Jordanian Beitul-Maqdes Forum 
47. Syeda Hameed, Columnist, The Indian Express, and Member, Indian National Planning Commission 
48. HE Tony Pua Kiam Wee, member of the Malaysian parliament 
49. Tujan Faysal, First elected woman Jordanian Parliamentarian 
50. Admiral Vishnu Bhagwat, Former Chief of the Naval Staff of India 
51. Mrs. Wardina Safiyyah, Malaysian actress and television host 
52. Dr. Yacoub Zaiadeen, Former Jerusalem Representative to the Jordanian parliament 
53. Sheikh Yousuf Jumaa, former Palestinian Minister of Awqaf and Religious Affairs;  former preacher of Al-Aqsa Mosque 
54. Dr. Zakaria Agha, M.D., member, Palestine Liberation Organization Executive Committee; former chair, Gaza Strip Medical Association 
55. Dr. Zeenat Shaukat Ali, Author; Vice Chairman and Founder Trustee of SAGE  Foundation; Professor of Islamic Studies, St. Xavier's College, Mumbai, India. 




Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!