domenica 1 aprile 2012


tradutzioni de: Sa Defenza

Per realizzare il suo progetto in Spagna EuroVegas - un enorme complesso dedicato al gioco - il miliardario americano Sheldon Adelson ha inviato alle autorità spagnole, l'elenco dei requisiti per il buon fine dell'opera: l'esenzione da: IVA, tasse sul gioco d'azzardo, sui contributi sociali, la riforma Codice del Lavoro, nonostante un regime di deroga legale  per 30 anni, le sovvenzioni europee, terreni devono essere donati, permesso al gioco ai minori, permesso di fumo negli edifici, ecc ... 
Il cinismo brutale del promotore di questa zona senza legge - che è ferocemente ambito da Madrid e Barcellona, ​​è una misura di ciò che è stato abbandonato dalle nazioni europee che effettuano il ringraziamento dei mercati e della ricchezza privata: non solo con la loro sovranità, ma anche con la loro dignità.
15 miliardi di euro di investimenti, 260.000 posti di lavoro diretti e indiretti creati: questo è l'affare che penzolava alle regioni di Barcellona e Madrid Sheldon Adelson, con una fortuna da 16° posto nel Patrimonio Mondiale stimato a più di $ 21 miliardi e anche presidente e principale azionista della società Las Vegas Sands, "l'impero del gioco."

Il suo progetto? Creare in Spagna una "zona gioco" simile a quelli che già si trova in Nevada, Singapore e Macao: 6 casinò, 18.000 slot machine, tre campi da golf, teatri e cinema, una dozzina di alberghi, centri commerciali ... 

Insomma, ogni aspetto di un "paradiso" in un paese dove la disoccupazione ha raggiunto il record (oltre il 20% della forza lavoro), dove la recessione ha colpito duro nel 2012 e nel 2013, dove la crisi degli alloggi, nato la speculazione sul prezzo dei beni e delle condizioni dei prestiti deliranti (prestiti fino a 50 anni), alla velocità della luce impoverisce le classi medie che hanno avuto la cattiva idea di acquistare alloggi.

Come nel calcio, Madrid e Barcellona, ​​rivali tradizionali, si sfideranno per il gruppo Las Vegas Sands affinchè questa cittadella del gioco si costruisca nel loro territorio. E, come nel calcio, dove Real e Barca sono disposti a pagare somme stravaganti per attirare i migliori giocatori del mondo, entrambe le città sono pronti a fare concessioni per convincere Las Vegas Sands e promuovere la sua scelta.

Tutte le concessioni richieste?
 Date un'occhiata. Diviso in cinque temi dal quotidiano spagnolo El Pais che aveva accesso ai documenti di lavoro dei negoziati in corso, il lungo elenco dà un'idea della lotta di potere che ora è stato stabilito tra potere privato e (im)potenza pubblica:
1. Diritto del lavoro
● Modifica del codice del lavoro per ammorbidire "la rigidità dei contratti collettivi", in particolare nei settori presenti nel complesso di casinò (alberghi, ristoranti, shopping, gioco d'azzardo ...);
● Riduzione dei tempi per ammettere i lavoratori stranieri (extra UE) in Spagna, attraverso la creazione di un regime speciale che permetterà di accelerare il rilascio dei permessi di lavoro;
● l'esenzione totale per due anni di imposte sulla Social Security, il 50% di sconto nei prossimi tre anni. Partire dal quinto anno, i lavoratori non spagnoli possono essere collegato al sistema sociale del loro paese di origine;
● Creazione di un MBA (laurea) nel settore dei giochi;
● sostegno governativo per l'assegnazione di aiuti a favore dell'occupazione per oltre 25 milioni di euro dalla Banca Europea per gli Investimenti;
● Il finanziamento da parte delle autorità pubbliche il 60% dei costi di formazione per i dipendenti assunti da Las Vegas Sands;
● Percezione da Las Vegas Sands di sussidi all'occupazione, sia per quanto riguarda posti di lavoro diretti e indiretti creati durante la costruzione del complesso.
2. Infrastruttura
● supporto delle autorità spagnole per la costruzione di una nuova stazione della metropolitana, una interconnessione con il TGV (treno alta velocità francese), nuove linee di autobus, nuove strade e autostrade ...
● L'autorizzazione per i voli in elicottero tra l'aeroporto e il complesso gioco d'azzardo, la costruzione di uno o più piazzole di eliporto nel complesso;
● Rimuovere regole per interrare infrastrutture gas e di discarica, acqua ed elettricità, la costruzione di servizi di emergenza (incendio, ambulanza, ecc.) Nel complesso ...
3. Urbanistica
● Transfer gratuito a Las Vegas Sands, di tutte le terre che le autorità pubbliche hanno nella zona;
● Espropriazione di terreni privati ​​nel settore, in modo che Las Vegas Sands di prendere possesso in anticipo;
● Rimozione delle norme urbanistiche, compresi i criteri di progettazione, in modo che Las Vegas Sands ha la flessibilità di costruire.
4. Regolamento
● Voto per una legge specifica, che non possa essere cambiata per almeno 30 anni, dichiarando il progetto di interesse pubblico, crea una deroga per quanto riguarda il gioco e il commercio, la rimozione dei limiti sugli investimenti stranieri nei casinò e la necessità di un'autorizzazione preventiva, per più del 5% di cambiamento di mano del capitale ;
● Consentire l'accesso ai casinò ai minori, bandito dal gioco;
● Modifica della legge sul riciclaggio di denaro, compresa l'autorizzazione per trasferire fondi senza limiti;capaci
● Autorizzazione  ai casinò, a fare prestiti ai giocatori, la rimozione del divieto di pubblicità del gioco, la modifica della legge sulla debiti di gioco che riserva al momento l'esecuzione delle sanzioni a l'unico sistema di giustizia civile di legalizzazione intermediari e "procacciatori " per incoraggiare i potenziali giocatori a visitare il complesso;
● Approvazione automatica de giochi già autorizzati in altri paesi dell'Unione europea o degli Stati Uniti, facoltà a Las Vegas Sands di approvare nuovi giochi e definire  le parti amministrative;
● Creazione di una commissione di gioco, composto da membri del governo regionale e da "esperti indipendenti";
● E 'permesso fumare in spazi chiusi all'interno del complesso, completa libertà di orario apertura a tutti i negozi.
5. Tasse
● rimborso dell'IVA a tutte le imprese,  status di "zona franca" (vale a dire, nessun pagamento dell'IVA o delle imposte) per soggetti extracomunitari;
● Esenzione delle tasse e semplificazione per tutti i prodotti importati che rientrano all'interno del complesso;
● Cambiare le regole di ammortamento fiscale, una deduzione dal reddito imponibile, l'imposta non residenti e impatriates;
● Esenzione 10 anni di imposta di gioco;
● riduzione del 95% dell'imposta sui trasferimenti di capitale, e le tasse di proprietà;
● riduzione del 50% dell'imposta sulle attività economiche;
● La negoziazione preventiva obbligatoria con Las Vegas Sands prima dell'entrata in vigore di nuove tasse.
Sembrano sfrontate e impressionanti, le pretese di Las Vegas Sands, non di meno, hanno ricevuto la  simpatia totale sia a Madrid che a Barcellona. I rappresentanti di Adelson non hanno nascosto che favoriranno la città che darà maggiori concessioni, da ciò la dichiarazione del presidente della regione di Madrid: "se si dovranno eseguire modifiche legislative che siano coerenti con i  principi di Adelson, lo faranno. "
Questo accordo è stato concluso tra un leader GIP (grande società d'impresa  privata) e i responsabili politici di  regione e di uno Stato,  mostra il trasferimento dei poteri e delle responsabilità delle autorità pubbliche al privato GIP. Esso contiene infatti la maggior parte delle caratteristiche del declino degli stati-nazione:
● sostituire la legge con il contratto, che acquista così un super-potere legislativo, in totale disprezzo della piramide delle norme giuridiche, dalla semplice legge per le multe sino alla Costituzione;
● "liquefazione" di tutti gli individui, fuori dalle loro radici culturali e nazionali: Las Vegas Sands non ha neppure nascosto la sua intenzione di cercare i dipendenti nei paesi con bassi salari e con nessuna protezione sociale da recepire "così com'è" nel cuore dell'Europa, pedine che vengono spostati su una scacchiera globale, e che sarà sostituito al più presto ai primi segni di usura;
● creare una zona di "non diritto", ovvero una zona sotto la giurisdizione di un quasi-GIP (grande società d'impresa privata). Vediamo qui un indicatore di evoluzione abbiamo tracciato i contorni in: Dopo il capitalismo; la legge del più forte: aziende private prendono il controllo de facto con la forza di un'area geografica. Siamo molto lontani: la presenza di milizie private garantirà in futuro  l'ordine pubblico nella zona dei casinò e confermerà, se necessario, la confisca dei poteri pubblici che si sta per operare in Spagna.
Inoltre, è significativo che questa "spogliarsi" della nazione-Stato in opera dia beneficio a un'attività - il gioco - che non aggiunge valore alla comunità. Troviamo qui  una caratteristica della caduta dell'impero romano: quando il sistema si rompe, si deve tenere  occupato il popolo e distogliere la sua attenzione dalla gravità della situazione, sia moltiplicando i giochi del circo o delle slot machine.

Si potrebbe  comprendere i vantaggi del tipo richiesto dalla Las Vegas Sands concessi per costruire una specie di Silicon Valley europea che avrebbe lo scopo di attirare imprese ad alta tecnologia e ricercatori da tutto il mondo. Ma qui si ricrea un surrogato del Circo Massimo, un mondo di illusione e l'oblio della realtà.

L'impresa spagnola è un precedente che potrebbe essere emulato, da uno Stato membro dell'Unione europea: si installerà una "zona franca", dove le aziende come Foxconn individuerà le loro fabbriche come parte di un contratto che si può riassumere così: "noi non paghiamo le tasse,  facciamo rispettare la legge e l'ordine con i nostri standard all'interno della zona di "non diritto" ,che  grazie  al fatto di proporre un pò di lavoro nel vostro paese, alle nostre condizioni .....», un  contratto per esemplificare: da servi della gleba del ventunesimo secolo.




El Païs : Leyes a medida para la capital del juego (liste des exigences)


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!