martedì 24 aprile 2012

  www.unionesarda.it

CAMERA DI COMMERCIO. Nel centro commerciale di Doha ci sarà anche la Sardegna

Il Qatar “chiama” i prodotti isolani 

 

Sempre più stretto il legame tra la Sardegna e il Qatar. Ieri la Camera di commercio di Cagliari ha presentato una progetto di internazionalizzazione per le aziende sarde (in particolare quelle dell'enogastronomia), che consente di promuovere i prodotti nella città medio orientale di Doha, dove sorgerà un grande e lussuoso centro commerciale.

INIZIATIVA
  Grazie all'idea promossa anche dalla Cna provinciale, la holding del Qatar Al Emadi Enterprises, ha presentato Al Markhya, il progetto di un centro commerciale in stile italiano grande ben 55 mila metri quadri, con un bacino di circa 1,5 milioni di possibili utenti. Nella struttura, che è ancora in costruzione e sarà terminata entro marzo del 2013, troverà spazio proprio il made in Italy, compresi i prodotti sardi. «Non vogliamo copiare l'Italia ma a noi piacciono le bellezze di questo paese e vogliamo portarle in Medio Oriente», ha detto Mohamed A.K. Al-Emadi, lo sviluppatore del complesso commerciale. «Per questo siamo qui per cercare nuovi partner all'iniziativa».

REAZIONI
 
«È un'opportunità per le nostre imprese», ha sottolineato Cristian Atzori, presidente della Cna provinciale e anche del centro servizi per le imprese dell'ente camerale. «È un modo per fare business e farci conoscere meglio, espandendo i nostri orizzonti». I vantaggi per le aziende sono prima di tutto fiscali: «Da noi le tasse prelevano solo il 2% del fatturato contro l'oltre 40% dell'Italia», ha aggiunto Al-Emadi. «Faremo conoscere la Sardegna in Medio Oriente, il Qatar potrebbe essere solo il primo passo di un progetto più grande, con un'espansione in tutti gli altri paesi medio orientali». Spesso l'Italia limita la promozione all'Europa e agli Stati Uniti «ma i mercati medio orientali offrono invece importanti prospettive», ha aggiunto anche l'assessore alle Attività produttive della provincia di Cagliari, Piero Comandini. «Puntando su queste piazze ancora poco battute potremo vincere la crisi e uscirne rafforzati».

AZIENDE
  Alto anche l'interesse dimostrato dagli imprenditori presenti alla conferenza organizzata dalla Camera di commercio. In particolare le imprese chiedono come poter attivare la collaborazione e temono i lacci della burocrazia italiana per poter varcare le soglie dell'export in Medio Oriente. Ma Atzori ha fatto notare che il centro servizi del sistema camerale sarà al fianco delle imprese. L'importante è ricordarsi che nei paesi musulmani vino e carne di maiale non sono graditi. 
 
( an. ber. )
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!