giovedì 24 maggio 2012

Da quanto comprendiamo dall'articolo di Le Monde i tecnici giapponesi lamentano un ritardo di intervento nella misurazione della radioattività emessa dopo l'incidente dovuta alla lentezza dell'agenzia di controllo statale che ha impedito decisioni importati nell'evacuazione della zona , generando una catastrofe umana che sarà pagata nel prossimo futuro.


Sa Defenza




lemonde Mis à jour le 24.05.2012 à 18h23


 Le perdite di radiazioni nel disastro alla centrale nucleare di Fukushima del marzo 2011 seguito sono stati due volte e mezzo maggiori rispetto alle stime fornite al momento dalle autorità giapponesi ha annunciato il gestore dell'impianto in un rapporto pubblicato Giovedi, May 24 . 


 Questa nuova stima data dalla Tokyo Electric Power (TEPCO) si basa su misurazioni effettuate tra il 12 e il 31 marzo 2011. Secondo l'operatore del complesso atomico, dalla probabile fusione dei tre reattori presso l'impianto di Fukushima Daiichi sono state rilasciate in aria circa 900 000 TBq di sostanze radioattive. 


Si tratta di due volte e mezzo l'importo annunciato nell'aprile del 2011 da parte dell'Agenzia giapponese per la sicurezza nucleare e industriale, e il 17% superiore alla stima più alta della agenzia di sicurezza del governo. 


 Lo IODIO-131 PUNTA dritto alla TIROIDE 


 Ma questa quantità di sostanze radioattive è un sesto di quella emessa a Chernobyl nel 1986 uno. La centrale ucraina avrebbe rigettato 5,2 milioni di terabecquerels nell'atmosfera, perché il reattore esplose, ma non è il caso di Fukushima. "Se avessimo avuto le giuste informazioni in quel momento, avremmo potuto prendere in seria considerazione la completa evacuazione", ha detto il portavoce della Tepco, Junichi Matsumoto. 


 I sensori più vicini all'impianto sono stati distrutti dal terremoto e dallo tsunami ed il risultato di questi calcoli sono stati effettuati da nuove misure di sensori più distanti e in ritardo, dati raccolti dalle agenzie governative, così si afferma nella relazione . Queste misure si basano sulla misurazione del tasso di iodio-131, un elemento radioattivo che si deposita velocemente, ma è particolarmente temuto perché si concentra nella tiroide. Il rapporto dice che il 99% delle fughe radioattive si è verificato nelle prime tre settimane dopo l'incidente.
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!