lunedì 28 maggio 2012


Mark Thoma's  View Economist , si è imbattuto in un blog interessante sul regolamento finanziario chiamato Trust Your Instincts . Ultimamente, l'autore, "Richard", ha scritto una serie di messaggi a confronto di due modelli di come affrontare la crisi finanziaria, che egli chiama: modello svedese (usato da Svezia e Islanda) e  modello giapponese (usato da Giappone, Stati Uniti, e Regno Unito).
Ecco la  descrizione dei due modelli:
I lettori abituali sanno che il modello giapponese delle perdite e  sugli eccessi del sistema finanziario è riconosciuto solo alle banche di generare capitali riassorbibili. Questo è un bene per le banche in quanto il modello prevede di nascondere la loro vera condizione e perseguire politiche volte a incrementare i guadagni delle banche. E 'un male per l'economia, perché distorce i prezzi delle attività e l'accesso al capitale (per prova, guardate la performance dell'economia giapponese).
L'alternativa è un modello svedese che è un male per le banche e il bene per l'economia. E 'un male per le banche, perché sono tenuti a riconoscere le perdite sugli eccessi attuali del sistema finanziario. E 'bene per l'economia perché evita la distorsione dei prezzi delle attività e l'accesso ai finanziamenti associati invece di nascondere le perdite dovute al modello giapponese (per prova, guardate le prestazioni dell'economia in Svezia).











Richard indica i recenti avvenimenti in Islanda come un'altra applicazione del successo del modello svedese. Lì, le banche del paese hanno cancellato prestiti equivalenti al 13% del prodotto interno lordo, secondo un articolo di Richard Cites su Bloomberg L'equivalente negli Stati Uniti sarebbe di circa 1.950 miliardi dollari di svalutazioni del debito ipotecario. Le banche islandesi hanno deciso di cancellare tutti i debiti dei mutui oltre il 110% del valore di una casa.
Non solo, riferisce Bloomberg uno sviluppo che avrebbe incontrato,  anche  l'approvazione dei membri del Tea Party e Occupy allo stesso modo della manifestanti: i banchieri sono stati ritenuti personalmente responsabili per crisi dell'economia del paese. I CEO delle tre maggiori banche sono i 200 che si trovano ad affrontare accuse penali, e un procuratore speciale prevede  fino a 90 rinvii a giudizio dei più. Il contrasto con gli Stati Uniti non potrebbe  essere più che evidente.
Mentre l'Islanda è un piccolo paese con una popolazione di soli 317.000 e 13 miliardi dollari del PIL, fidatevi del vostro istinto e prestategli la giusta attenzione.  Paul Krugman ha scritto Mercoledì, "Penso sia stato uno dei primi commentatori, con un vasto pubblico a sottolineare come  l'Islanda stava facendo relativamente bene." 
Quello che non ha menzionato, il suo commentatore "Infoliner", è che il credito dell'agenzia di rating Fitch ha migliorato il debito dell'Islanda nel grado di investimenti della scorsa settimana. Inoltre, secondo il racconto di Business Week, il paese può ora prendere prestiti in dollari USA ad un mero 4,77%. Confronto  alla Grecia che li ha al 35,98% o il Portogallo al 12,77%, e anche Spagna e Italia sono un po 'più del 5% (il link FT non ha indicato i prezzi  per l'Irlanda, che non ha titoli a 10 anni).
La morale della storia è che un approccio diverso ad affrontare le banche è necessario, sia per ripristinare l'economia statunitense, ma anche nel perseguire i finanzieri che hanno infranto la legge. Allo stato attuale, i banchieri l'hanno fatta franca mentre la crescita economica del paese è stata ampiamente anemica. 
Mentre il mercato del lavoro ha mostrato di recente un guizzo di vita , il Paese ha bisogno di milioni di posti di lavoro solo per tornare dove era prima dell'incidente della caduta finanziaria, in realtà non è affatto una situazione di buon inizio  per la classe media.
L'ISLANDA INSEGNA QUAL'E' LA VIA DA PERCORRERE PER SUPERARE LA CRISI ECONOMICA E PER NON CADERE DENTRO LA LOGICA ABERRANTE DI AUSTERITA'
SA DEFENZA
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!