venerdì 28 settembre 2012


Di comidad 

La scorsa settimana si è registrato un ritorno in grande stile dello spettro dello "scontro di civiltà", che sarebbe stato evocato dalla questione di un filmetto insignificante, di cui per un anno non era fregato niente a nessuno. Lo spettro agitato dai media ha consentito di aggirare quelle che erano le vere anomalie da spiegare, e cioè come mai l'ambasciatore statunitense risiedesse a Bengasi e non nella capitale ufficiale della Libia. Ritorna quindi la questione rimasta in sospeso un anno fa, quella famosa "presa di Tripoli" sulla quale non esiste ancora una versione attendibile. Che la Libia occidentale sia in realtà rimasta fuori del pieno controllo della NATO, ormai è più di un sospetto; ed il controllo della NATO pare vacillare persino in Cirenaica, tanto è vero che sono in arrivo i marines.

Se si considera la propaganda ufficiale come un fenomeno unico, con schemi ricorrenti, ci si accorge che il diversivo-distrazione costituisce una delle costanti riscontrabili in ogni tipo di questione. Ma la costante principale, quella che rende credibile ogni diversivo ed ogni piroetta nell'individuare il nemico dell'umanità di turno, è sempre l'odio razziale. Il bersaglio può essere, di volta in volta, costituito dai "dittatori" laici come Saddam Hussein, Gheddafi e Assad, oppure dall'integralismo islamico, ma non cambia mai quel senso di supremazia morale e razziale che rappresenta l'indispensabile falsa coscienza del colonialismo. Si tratta di quel senso di supremazia morale e razziale che si riassume nello slogan di "Occidente". Si tratta di uno slogan che riesce a commuovere anche chi si ritenga anticolonialista, perché è ormai consolidato il culto delle mitiche "libertà occidentali"; quelle che consentono di fare vignette contro Maometto, ma non di parlare in un telegiornale della presenza dei mercenari della NATO in Siria.

Lo schema propagandistico non muta neppure quando si tratta di individuare il nemico interno, cioè il lavoro. In questo caso è lo sfondo ideologico dell'odio di classe - un razzismo interno -, ad aver reso credibile un personaggio assurdo come Marchionne. Il sociologo Luciano Gallino ha avuto buon gioco a dimostrare che il rallentamento del mercato dell'auto non può spiegare il crollo della FIAT all'ultimo posto delle vendite. Oggi si è arrivati al punto di supplicare la Volkswagen di liberarci da Marchionne; ma il ruolo di deindustrializzatore dell'Italia e di sicario delle multinazionali americane svolto dallo stesso Marchionne, era già evidente due anni fa, eppure gli è stato sufficiente l'antioperaismo per poter giustificare tutto. Che il lavoratore in qualche modo abbia sempre torto, è una convinzione profonda, radicata anche in molti di coloro che sono convinti di stare dalla parte del lavoro, e ciò dà spazio ad ogni provocazione.

Un'altra notizia della scorsa settimana infatti ha riguardato gli strali lanciati da Mario Monti contro lo Statuto dei Lavoratori, una legge che sarebbe colpevole di aver sfavorito proprio coloro che voleva favorire, in quanto avrebbe scoraggiato le assunzioni. Ecco una bella esca per un dibattito "epocale", di quelli capaci di tirare in ballo l'eterno conflitto tra i "valori" e la "dura realtà del Mercato"; infatti il segretario del PD, Bersani, si è affrettato a definire "epocale" lo Statuto dei Lavoratori, cosa che non gli ha impedito di affossarlo pochi mesi fa in parlamento. A scusante di Bersani però va anche detto che fare il finto partito di sinistra negli anni '60 e '70 era molto più facile, perchè c'erano le industrie e la classe operaia aveva un peso oggettivo, mentre un'Armata Rossa ancora in sella impediva alla NATO di inventarsi un'avventura militare ogni cinque minuti.

Monti ha respinto le accuse di essere a capo di un governo delle banche, ed ha parlato di "caccia alle streghe", come se fosse una povera vittima dell'intolleranza e della superstizione. Sta di fatto però che nessuno è sinora riuscito a spiegare in che cosa le esili, e ormai residue, garanzie dello Statuto dei Lavoratori ostacolerebbero i famosi e fantomatici "investimenti", mentre al contrario si fanno strada dati e notizie sull'interesse crescente del lobbying bancario nell'alimentare precarizzazione e disoccupazione.

Sul quotidiano britannico "The Indipendent" del 18 agosto scorso si pubblicavano alcuni dati ufficiali che dimostrano come precari e disoccupati siano divenuti bersaglio prioritario dell'offerta di servizi di carta credito. Una volta allettati con condizioni di vantaggio, i clienti si trovano poi a pagare interessi che superano il 18%. L'aumento della disoccupazione in Gran Bretagna non ha quindi diminuito la possibilità di acquisire una carta di credito, ma ha persino reso inevitabile per disoccupati l'accedere a questo "servizio". Un'anomalia del tutto apparente, che si spiega con la possibilità di indebitarsi che queste "card" offrono. [1]

Mesi fa Mario Monti ci ha intrattenuto sulla "noia" costituita dal posto fisso, una condizione noiosa proprio perché non costringe a doversi necessariamente sottoporre ai patemi d'animo dell'indebitamento per sopravvivere. Nell'altro Paese all'avanguardia nella finanziarizzazione dei rapporti sociali e lavorativi, cioè gli Stati Uniti, le agenzie pubbliche per il controllo e l'assistenza alla disoccupazione sono infatti da tempo diventate esse stesse agenzie di collocamento per carte di credito e crescono anche gli spazi pubblicitari per questo tipo di "servizio", di cui i disoccupati diventano fruitori praticamente obbligati. In California l'EDD (Employment Development Department) è in realtà un ente assistenziale per banchieri, ed infatti fa da sensale a Bank of America per piazzare carte di credito ai disoccupati. [2]

In tal modo i disoccupati vengono anche costretti pressoché esclusivamente all'uso di denaro elettronico; cosa che riempirà sicuramente di gioia Milena Gabanelli, poiché impedirà ai disoccupati di evadere il fisco. [3]

[1] www.independent.co.uk/
[2] http://translate.google.it/t
[3] http://www.report.rai.it/
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!