giovedì 31 maggio 2012

www.unionesarda.it 
dal nostro inviato Paolo Carta 


Il Senato: Quirra centro tecnologico Chiusura per Teulada e Capo FrascaESERCITAZIONI NELLA BASE DI TEULADA




Attesa per la decisione della Commissione parlamentare d'inchiesta sull'uranio impoverito in merito alla chiusura dei poligoni militari di Capo Teulada e Capo Frasca e alla riconversione del poligono interforze sperimentale di Quirra. 
Alle di 14 ieri si è riunita la Commissione del Senato che, a maggioranza qualificata, deciderà di votare la relazione del senatore sardo del Pd, Giampiero Scanu, già primo firmatario della mozione sostenuta da 120 parlamentari per chiedere la chiusura dei poligoni sardi. 
La relazione intermedia - presentata questo pomeriggio dall'esponente del Pd - era stata sollecitata la settimana scorsa dal presidente della Commissione, Giorgio Rosario Costa, dopo l'audizione del generale Maurizio Lodovisi, responsabile logistico dell'Aeronautica Militare, sulle bonifiche svolte o ancora da svolgere nell'area oggetto dell'inchiesta della Procura di Lanusei per le morti sospette di militari e pastori. 
In precedenza era stato lo stesso procuratore, Domenico Fiordalisi, a raccontare ai senatori della Commissione quanto accaduto in questi anni nella zona del salto di Quirra, dove si sono registrati diversi casi di tumore tra la popolazione e di malformazione negli animali. La proposta del senatore Scanu prevede la chiusura dei poligoni di Teulada e di Capo Frasca e la cessazione di ogni possibile fonte di inquinamento o danni all'ambiente alla popolazione di Quirra, con la riconversione del poligono in un centro polivalente internazionale tecnologico-scientifico. 


 SENATO. 
La commissione d'inchiesta sollecita la chiusura di Teulada Quirra, subito le bonifiche Scanu: zona molto inquinata e morti sospette Subito le bonifiche perché la situazione ambientale nel poligono di Quirra è allarmante. Ci sono zone altamente inquinate, che mettono potenzialmente a rischio la salute. E morti sospette tra militari e civili. Colpa delle guerre simulate e dei test di armi effettuati senza gli accorgimenti di legge. Non è più il tempo di controllare acqua, suoli e terra. Si sa già molto, quasi tutto. È urgente intervenire. Vietando le attività più nocive per ambiente e salute. Subito. Sollecitando la conclusione dell'indagine avviata dall'Istituto superiore della Sanità sull'incidenza dei tumori a ridosso delle aree militari. E avviare la chiusura dei poligoni di Teulada e Capo Frasca, nell'ottica di un risparmio dei costi per lo Stato in un clima di politica internazionale profondamente mutato. 


 IL SENATO 
A dire tutto questo non sono anti-militaristi o indipendentisti, ma (all'unanimità) i senatori della commissione parlamentare d'inchiesta sull'uranio impoverito, in una relazione presentata ieri dall'esponente olbiese del Pd, Gian Piero Scanu. Rilevante, oltre al contenuto, il momento in cui è arrivato questo documento di 27 pagine, pensato parola per parola, frutto di anni di lavoro, audizioni, verifiche, ispezioni: i senatori hanno preferito non aspettare la scadenza del loro mandato parlamentare, si sono decisi a intervenire con la massima urgenza. Concretamente: c'è anche la richiesta di impegno da parte del Governo a reperire i fondi per il risanamento ambientale nel prossimo patto di stabilità. 


FIORDALISI 
La svolta è stata l'inchiesta della Procuratore di Lanusei, Domenico Fiordalisi, e la richiesta di rinvio a giudizio firmata per venti persone. Lo dicono a chiare lettere proprio i senatori «Al di là delle eventuali responsabilità penali tutte da dimostrare, bisogna affrontare i problemi emersi », dichiara Gian Piero Scanu. In particolare, l'utilizzo di Quirra, come discarica di rifiuti militari, in parte sotterrati a tre-quattro metri di profondità in terreni sovrastanti falde acquifere, in parte fatti esplodere senza alcun rispetto dell'ambiente. Sotto accusa anche il mancato recupero dei materiali residui dalle esplosioni, ma anche l'abbandono in mare e nelle campagne di ordigni inerti e inesplosi. Sostanze potenzialmente nocive che poi venivano sparse nell'aria da altre attività autorizzate dalla Difesa: il test degli oleodotti di una ditta privata e le prove dei motori dei razzi. 


MORTI SOSPETTE 
 Secondo la commissione parlamentare d'inchiesta, tra le morti sospette non ci sono soltanto i 167 residenti nella zona del poligono di Quirra censiti da Squadra mobile di Nuoro e Forestale di Lanusei, ma anche i militari. La Difesa ha riconosciuto dal 1991 al febbrario di quest'anno 3761 ammalati di tumori come causa di servizio, dei quali soltanto 698 hanno lavorato all'Estero. Di questi 479 sono morti (383 gli esclusi dalle missioni cosiddette di pace). Quasi tutti gli altri hanno prestato servizio o svolto esercitazioni solo nei poligoni militari italiani, sardi compresi. La relazione dei senatori ha esaminato anche la situazione di Teulada e Capo Frasca. «Inammissibile considerare interdetta una penisola utilizzata da sessant'anni come bersaglio: bisogna avviare quello che non è mai stato fatto, una bonifica», ha dichiarato Scanu. Preoccupazione anche per Capo Frasca, dove non esistono studi approfonditi: «Ma dai documenti traspare che tutti gli aerei partiti da Decimomannu hanno sparato poi nella costa tra Arbus e Marrubiu, dove non è mai stato effettuato alcun intervento di risanamento». 


 LE SOLUZIONI 
 In chiusura le proposte: un piano d'azione immediato per la bonifica dei poligoni sardi, che stabilisca anche tempi e costi; la revisione delle attività da svolgere a Quirra, privilegiando quelle ad alto livello tecnologico e impatto ambientale quasi nullo; pianificare la riduzione del peso delle servitù militari che grava sulla Sardegna, senza prescindere dall'immediata bonifica; la salvaguardia dei posti di lavoro, grazie a nuove attività. L'accordo bipartisan nella commissione d'inchiesta sull'uranio impoverito sul futuro dei poligoni sardi è un fatto storico, a patto che non rimanga lettera morta come era stato nel 1982 l'impegno dell'ex primo ministro Giovanni Spadolini davanti al Governatore sardista Mario Melis. 


Il Senato: Quirra centro tecnologico Chiusura per Teulada e Capo Frasca 



Chiusura dei poligoni sardi, sì unanime della commissione parlamentare Votata all’unanimità la proposta del senatore pd Giampiero Scanu che prevede la chiusura dei poligoni di Teulada e Capo Frasca e la riconversione di Quirra
lanuovasardegna

La Commissione parlamentare d’ inchiesta sull’uranio impoverito ha approvato all’unanimità la relazione Scanu, il documento preparato dal senatore sardo del Pd che chiede per la Sardegna, «gravata da troppe servitù militari», la chiusura dei poligoni di Capo Teulada e di Capo Frasca e la riconversione del poligono interforze sperimentale di Quirra. 
Il voto è arrivato a tarda serata, dopo che la riunione della Commissione era stata rinviata alle 20. Un’approvazione all’unanimità che per il senatore Giampiero Scanu, già primo firmatario di una mozione sostenuta da 120 parlamentari che chiedeva la chiusura dei poligoni sardi, ha un «valore storico». «Le commissioni d’inchiesta - ricorda l’esponente del Pd - hanno gli stessi poteri della magistratura. 
Ora il Governo e gli enti preposti dovranno prendere atto del voto espresso e attenersi a quanto prescritto nella relazione». Dunque si va verso la chiusura di due basi militari sarde e la riconversione del poligono di Quirra, già al centro dell’ inchiesta della Procura di Lanusei per le morti sospette di militari e pastori. Era stato lo stesso procuratore Domenico Fiordalisi, a raccontare ai senatori della Commissione quanto accaduto in questi anni nella zona del salto di Quirra, dove si sono registrati diversi casi di tumore tra la popolazione e di malformazione negli animali. 
La relazione Scanu prevede la cessazione di ogni possibile fonte di inquinamento o danni all’ambiente alla popolazione di Quirra, con la riconversione del poligono in un centro polivalente internazionale tecnologico-scientifico.

mercoledì 30 maggio 2012


cosmicconvergence.org
tradutzioni de Sa Defenza


Poco prima del Supermoon del 18 marzo 2011, il mondo è stato testimone di una catastrofe naturale e artificiale di proporzioni epiche. Ciò che è accaduto al largo della costa di Honshu, in Giappone il 11 marzo ha alterato per sempre il pianeta e irrimediabilmente influenzato l'ambiente globale. Considerando che il terremoto e tsunami hanno dimostrato di essere veramente  eventi apocalittici il popolo Giapponese, il disastro nucleare di Fukushima si sta rivelando catastrofico per il mondo intero.
La maggior parte della comunità mondiale non è ancora a conoscenza degli effetti estremamente profondi e di vasta portata che il disastro nucleare di Fukushima ha avuto. Se le nazioni del mondo  comprendessero realmente le implicazioni della reale 'ricaduta' - passato, presente e futuro - il paradigma corrente sull'energia nucleare sarebbe sistematicamente arrestato. Per quelli di noi che  non hanno conoscenza, è un dovere per ciascuno di noi diffondere le informazioni e i dati necessari perchè si metta fine per sempre all'industria nucleare in tutto il mondo.

TEPCO foto che mostra rottami aggrovigliati all'interno della piscina del combustibile a Fukushima dopo il terremoto


C'è un accordo generale che afferma che lo stato dell'arte della produzione di energia nucleare è profondamente errata e sostanzialmente pericolosa fin dall'inizio. Questo fatto è stato reso chiaro dalle varie catastrofi e capito anche dagli addetti ai lavori e finanziatori originali di ogni centrale nucleare ancora non costruita. Ingegneri nucleari hanno comprenso  quanto era vulnerabile il design, l'ingegneria e l'architettura  fin dall'inizio di questa industria. Tuttavia, si è voluto procedere egualmente con questa sfortunata impresa,  per volere di chi?  
Pertanto, ci si pone la domanda: "Perché ad una tecnologia intrinsecamente insicura e instabile design viene attuata a livello mondiale?"
Ancora più importante, "Chi dovrebbe essere il responsabile che ha la capacità di mitigare questo continuo disastro  nucleare planetario? " E, c'è un modo pratico per risolvere  situazione? C'è la tecnologia disponibile e adatta in grado di affrontare e tamponare i danni di questa situazione in modo significativo?


Con i bisogni energetici crescenti dell'economia globale si  spingono povere nazioni come il Giappone nel settore nucleare, l'incentivo economico ha sempre ignorato il buon giudizio. Soprattutto il Giappone, vediamo come una nazione che è stata letteralmente creato per essere il manifesto dell'industria nucleare. Questo, in un luogo che è risaputo essere la regione più sismicamente più attiva del mondo!
"C'è qualcuno sano di mente in grado di credere che le centrali nucleari possono essere ideate, progettate o costruite per resistere a terremoti con 9.° Richter seguito da tsunami con onde di 15 metri? Scusate se ci offendiamo, ma di fronte ad una così letale  combinazione di ignoranza e arroganza si deve rappresentare il culmine di una fine. Soprattutto in considerazione delle conseguenze inevitabili che hanno manifestato il disastro di Fukushima, come è possibile che così pochi hanno visto questo risultato pre-ordinato e disastroso, se non per ostinata cecità "?
Giappone: consegnato all'Armageddon nucleare
Numerosi titoli di giornale nelle scorse settimane  sono stati implacabili nello strombazzare la riluttante risposta in Giappone a questo campanello d'allarme globale. Per la prima volta da quando l'energia nucleare è stata utilizzata nella terra Nipponica, le 55 centrali nucleari sono ormai inattive. Si tratta naturalmente di una buona notizia per il popolo Giapponese. La questione che rimane ora è come fare a bonificare  tutti questi reattori nucleari vulnerabili e insicuri. In particolare, le centrali nucleari che si trovano ovunque lungo la costa giapponese è  imperativo la bonifica, una necessità esistenziale.
Le forze internazionali sono responsabili di Fukushima, 
una risposta immediata, globale deve essere formulata
 Prima che il disastro nucleare di Fukushima venisse alla luce, molti ricercatori del settore  indagini hanno svelato il complotto per rifilare il nucleare sulle isole del Giappone. Le forze schierate contro i giapponesi erano così formidabili che questa sfortunata impresa potrebbe venire solo a un esito sfortunato. Proprio come l'umanità ha imparato dalla follia di lanciare bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki, Fukushima è servita come un esempio di come non si deve implementare la produzione di energia con il nucleare.
"A proposito, nessuno si è mai fermato a considerare le conseguenze ovvie  di vasta portata di costruire i 55 reattori nucleari sul pezzo più sismicamente attivo  del pianeta Terra!  Senza contare gli altri 12 reattori in vari stadi di progettazione e sviluppo ".
Lettera aperta al popolo del Giappone
Se il Giappone deve rimanere vivibile per le generazioni future, ci sono alcune facende (il nucleare) che deve affrontare  questa nazione insulare e deve affrontarle in fretta. Sappiamo che il popolo Giapponese ne è all'altezza. La vera questione è se i poteri che hanno controllato il loro destino sono disposti a fare marcia indietro almeno per una volta da dopo la seconda guerra mondiale.
Sono disposti gli Stati Uniti, il Regno Unito, la Francia e Israele a lasciare andare il loro controllo sull'economia giapponese, le infrastrutture energetiche e di processo politico? Il Giappone conta sull'abbandono di questo stretto controllo, dal futuro degli Stati Uniti, Regno Unito e Francia.
"Tokyo ha la più popolosa città metropolitana  del mondo ha circa 34,3 milioni di abitanti. Tokyo ha il più grande PIL di tutte le principali città del mondo - più ambiziosi di New York City e Londra. Tokyo è la capitale economica / finanziaria dell'economia nazionale, terza più grande del mondo, così come il motore economico primario del East Asia ".
Come Fukushima, così va il Giappone
La maggior parte delle persone non sono a conoscenza, dei livelli alti del Matrix Global Control, come Fukushima, in Giappone. Con logica conclusione possiamo dire con assoluta certezza che come il Giappone, che così va l'intero pianeta. In realtà, il Giappone non è solo un super-carica punto di innesco del Anello di Fuoco nel Pacifico  , è anche un cardine per l'economia mondiale come il precedente articolo spiega. Pertanto, consigliamo vivamente la struttura l'anglo-americano di assumersi la responsabilità adeguata di questa catastrofe globale senza precedenti che si presenta nella grande pressione sulla costa di Honshu e porre rimedio e disattivare dove è ancora possibile farlo.
Global " Manhattan Project "
E 'abbastanza ironico che coloro che gestiscono la matrice globale del controllo non hanno ancora colto l'opportunità di bonificare. Quello che è chiaramente in gioco è l'Oceano Pacifico, le sue coste, le numerose economie nazionali ivi esposte, così come gli ecosistemi e la miriade di ambienti acquatici.
Se persistono in questa mostra di passività e negligenza volontaria, il pianeta non potrà recuperare. Sicuramente,  l'osservazione , che il Pacifico è esposto a enormi volumi di acqua radioattiva oggetto di eccessiva esposizione al sito radioattivo di Fukushima, le radiazioni troveranno la strada per i quattro angoli di questo oceano e oltre.
Vi è stata una continua serie di titoli  rivolti a chi può rispondere a questa catastrofe globale con un certo grado di forza di persuasioneUna risposta univoca internazionale è urgentemente e necessaria se si vuole dare una qualsiasi speranza di risanamento. Solo una piena rappresentanza di pari consesso internazionale e un team che ha possibilità di formulare una strategia che potrebbe avere successo nello stabilizzare e rendere non pericolosa Fukushima.
Stiamo pensando ad un progetto Manhattan.(Il Progetto Manhattan (più propriamente Manhattan Engineering District, in italiano "(Distretto di ingegneria di Manhattan") era il criptonimo del programma di ricerca condotto dagli Stati Uniti durante la seconda guerra mondiale, che portò alla realizzazione delle prime bombe atomichewikipedia.Dopo tutto, se un progetto serio è stato istituito nell'interesse per creare una bomba atomica, sicuramente uno sforzo simile può essere avviata in vista di un salvataggio dello stesso paese, che è stato devastato dalla guerra nucleare,  e dalle radiazioni di Fukushima
Il Giappone ha dimostrato chiaramente che questo disastro è ben oltre la loro capacità di gestire e affrontare questa realtà. La loro intera cultura sembra far sì che i veri problemi saranno costantemente nascosti. Il problema questa volta è che ci potrebbero essere una coperta per spazzare sotto tutto  e nascondere il malfatto.
L'Oceano Pacifico sta morendo
Come stà l'Oceano Pacifico? cosa significa  tenere in serbo per il più grande specchio d'acqua della Terra. Il luogo ove circola più acqua di qualsiasi altro oceano e possiede più coste di tutti gli altri oceani messi assieme. 

Radioactive acqua di mare Map Impact (marzo 2012), US Dept of Image State Geografo
Il risultato di ognuno degli articoli precedenti è che l'Oceano Pacifico è estremamente vulnerabile ai rifiuti radioattivi oggetto di dumping nelle sue acque di Fukushima. In caso si verifichi un altro terremoto catastrofico , si potrebbe verificare uno scenario nuovo e il più complicato  irreparabile disastro nucleare che mai sia accaduto. Anche senza alcuna attività sismica che colpisca i siti nucleari, nello stato attuale delle cose è dato per scontato che l'Oceano Pacifico diventerà un terreno di eccesso di contenuto nucleare per i decenni a venire.


Siamo veramente addolorati per la grande perdita della vita marina e del danno degli organismi acquatici e delle miriadi degli ecosistemi? Come la radiazione nucleare viene esportata in tutta l'Asia, la mutazione genetica inizierà ad incidere in ogni forma di vita - dal fitoplancton alle balene, dagli uccelli marini alle mangrovie, ai delfini e  al krill. Tutto ciò che vive nei pressi dell'oceano Pacifico sarà a rischio. Chi vive, lavora o gioca nel  dintorno del Pacifico, sarà costretto a valutare il suo rapporto con questo grande oceano.
Che cosa abbiamo fatto alla Madre Terra con l'ubicazione delle centrali nucleari nella regione più sismicamente attiva del mondo?
Mai nella storia dell'umanità il pianeta è stato di fronte a un tale insieme di gravi circostanze. Fukushima rappresenta tutto ciò che può andare storto nelle applicazioni scientifiche e nel progresso tecnologico in un contesto industriale. Purtroppo, date le molte linee di danno  nei numerosi campi di innovazione tecnologica;  da Fukushima  alla fuoriuscita di petrolio della BP nel Golfo, quanto accade dal 2012 non possono che essere solo l'inizio di un periodo di accelerazione di ripartizione tecnosferica che spazzerà via il pianeta terra.
Cosmic Gruppo di Ricerca di convergenza 
Inviato: 5 Maggio 2012 cosmicconvergence2012@gmail.com
Nota dell'autore : 
NuclearReader.info ha fornito un prezioso servizio alla comunità internet in tutto il mondo dando via il loro ebook attualmente legata qui:http://www.nuclearreader.info/~~V
Il primo capitolo dal titolo " Rischi di radioattività di basso livello "dovrebbe essere un deve leggere per chiunque colpito da Fukushima. 
anche di importanza critica, vi è un fenomeno noto come effetto fotoelettrico , che grava in tutta la zona contaminazione intero associato al disastro nucleare di Fukushima. Il seguente articolo fornisce una panoramica importante per coloro che vogliono sapere cosa stiamo davvero fare con una civiltà planetaria. induzione fotoelettronica in particelle di uranio da Chris Busby, PhD
Addendum : 
Non c'è stato alcun cenno in questo saggio della massiccia quantità di detriti di inquinamento provocato dal terremoto in Giappone e lo tsunami di marzo, 2011. Abbiamo scelto un breve storia di foto-documentario, per descrivere visualmente lo stato attuale delle cose in varie località  dell'Oceano Pacifico.

Ecco il flusso di corrente e la mappa futura di inquinamento detriti.

Questi detriti si trova nel "The Great Pacific Garbage Patch"
Avviso speciale : 
Il seguente articolo fornisce una visione molto più ampia della situazione attuale, che prevale in tutto il pianeta. Chiaramente, la ripartizione tecnosferica è un fenomeno che pochi prevedevano, altrimenti non ci saremmo trovati sul bordo dell'abisso rispetto alle tecnologie pericolose usate e delle distorsioni degli sviluppi scientifici. 
Ad esempio, siamo talmente dipendenti  dal combustibile degli idrocarburi  che non sembra esserci alcun alternativa per diminuire la nostra dipendenza da tale fonte di energia ecologicamente distruttiva.
 Allo stesso modo, anche a fronte del dramma di Fukushima, molte nazioni non sono disposte a riconsiderare la loro dipendenza dal paradigma nucleare. 

© 2012 Cosmic Convergence 2012 ®. Tutti i diritti riservati 
È concesso il permesso di pubblicare questo saggio fintanto che è legata indietro al seguente url: http://cosmicconvergence.org/?p=641
Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!