domenica 24 febbraio 2013


Un articolo un poco datato ma molto attuale che sa defenza ri-mette in circolo oggi che la consapevolezza  è ad un livello più elevato grazie all'impegno di persone come Paolo  che si  spendono per la nostra amata Sardinya 


Paolo Maleddu 

“LA GRANDE TRUFFA” dei Gatti neri.

… bla bla bla …
Noi non parleremo di politici… è tempo perso … eviteremo di parlar male di loro e delle loro ultimemalefatte …per quanto possibile, eviteremo anche di nominarli … c’è tanto lavoro da fare per eliminare i grossi gatti neri … sì, perché l’unica cosa che possiamo fare con loro è …
eliminarli !
Come?
Semplicissimo, proprio come indicato inMouseland: evitando di eleggere grossi e grassi gatti neri che non rappresentano noi, ma che sono sempre, unicamente ed obbligatoriamente dei semplici camerieriportaborse dei grandi gruppi di potere bancario, vere e proprie associazioni a delinquere, unici possibili finanziatori di dispendiose campagne elettorali. Non andare a votare in occasione delle elezioni dell’ormai inutile parlamento romano sarebbe già un forte segnale di ribellione, servirebbe a capire quanti siamo e gridare: a Roma non vogliamo essere rappresentati da nessun gatto nero.
Votare è abdicare. Il potere decisionale non deve emigrare a Roma e Bruxelles, è fondamentale che rimanga in Sardegna.
Per quanto riguarda le elezioni comunali, sosteniamo coloro che partono con il piede giusto candidandosi in una lista civica. Evitiamo di eleggere coloro che si presentano in liste stilate dai leader nazionali di Roma o Milano che non mettono mai piede in Sardegna (meno male ..) se non in occasione dellafarsa elettorale. Se questi nostri conterranei confusi ambiscono a diventareservitori… dei camerieri… di banchieri criminali, … nessun problema, che vadano però a servirli in casa loro, a Roma e Milano.
Iniziamo finalmente ad eleggere degli umili ma dignitosi topolini come noi,orgogliosi di rappresentarci, scegliendoli tra i nostri stessi figli, cheobbligheremo a partecipare attivamente alla costruzione del loro stesso futuro facendo i propri, e di conseguenza anche i nostri, interessi. Menti giovani, fresche, pulite, dinamiche, non ancora anestetizzate dal Pensiero Unico consumistico, aggressivo, violento, usuraio, prevaricatore eguerrafondaio che Tv, stampa e cinema di Hollywood cercano ossessivamente di imporci. Giovani intelligenti e socialmente impegnati che vivono tra noi e che potremo quindi guidare, consigliare e correggere se sbagliano, affinchè difendano giustamente gli interessi della società dei topolini dalla quale provengono.
Sarebbe un iniziale grande segnale di presa di coscienza.
Dobbiamo invertire il flusso del potere.
Attualmente arriva dall’alto, dall’autorità non discutibile al popolo passivo. Il centro comanda e impone alla periferia: ma quale è il centro e quale la periferia?
L’essere umano è il centro della società.
Noi.
I politici sono una nostra emanazione, semplici cariche sociali, revocabili in qualsiasi momento. Invertiamo il flusso: da noi devono partire gli input per scrivere le regole di comportamento a nostro beneficio e non sempre ed unicamente a beneficio di una elìte di fanatici malati di delirio di onnipotenza …
Sino al raggiungimento de s’Indipendentzia Sardalinee guida dai comuni verso Roma, non ordini ed imposizioni da Roma verso i comuni… liste di cittadini nominati da tutti noi, figli della nostra società, non liste calate e approvate da Roma.
Liste civiche locali, non apparati di arricchimento, sfruttamento e spartizione di potere manovrati da Roma.
Noi, il Popolo Sardo Sovrano, diamo le indicazioni a Roma, non il contrario. Più il centro del potere è distante da noi, più è difficile da controllare e più diventa dispotico, falso potere … non ci appartiene, è potere di altri… lontano, vago, sfuggente… si stacca da noi, diventa autonomo, indipendente…dittatoriale
Il cambiamento può avere inizio dalle elezioni locali. Il comune di Aristanis è qui, controllabile… Cagliari, sede del potere regionale, un po’ più lontano, ma ancora controllabile… Roma… uhmm … c’è un mare di mezzo, c’è da prendere una nave, un aereo, spendere tanti soldi che non ci sono con compagnie navali ed aeree che non ci amano… Se Roma è lontana, Bruxelles è su un altro pianeta.
Guardacaso, tutte le regole più odiose, quelle senza nessuna logica apparente, sembrano di un altro pianeta…ordini non contestabili anche quando (sempre!) ingiusti.
Chi emette queste disposizioni che nulla hanno a che fare con la nostra unica e meravigliosa Terra Sarda?
Abbiamo una almeno vaga idea di chi ci sta governando da Bruxelles?
No, la maggior parte di noi non ha la minima idea di come sia strutturato il potere centrale europeo. Fortunatamente, qualcuno c’è, proprio in Sardegna: si chiama Paola Musu, una coraggiosa ragazza sarda che il 2 Aprile scorso ha depositato presso la Procura di Cagliari una formale denuncia affinché l’Autorità Giudiziaria competente… identificati gli autori, in particolare nelle persone del Presidente della Repubblica, del Presidente del Consiglio dei Ministri, dei ministri, dei membri del Parlamento…persegua ai termini di legge per tutti i reati ravvisabili… attentato contro l’integrità, l’indipendenza o l’unità dello Stato… associazioni sovversive… attentato contro la Costituzione dello Stato… attentato contro i diritti politici dei cittadini … Una rivoluzione pacifica, ormai inevitabile, sta muovendo i primi passi proprio in Sardegna.
Se noi sapessimo come il potere sovrano abbia preso il volo e sia atterrato lontano da noi, a Bruxelles, avremmo molto di che preoccuparci. I Trattati di Maastricht e di Lisbona e la dittattura dell’Unione delle Banche Europeesono argomenti che affronteremo presto in profondità, prima che sia troppo tardi.
Ci stanno sottraendo il futuro nostro e quello dei nostri figli, il che è ancora più grave. Gli Usurai senza volto nè nome e i loro burattini profumatamente remunerati con denaro rubato al popolo e con una volgare sovraesposizione nella società dell’apparire, sono gli attuali detentori del Potere solo perchè, badate bene, NOI LO ABBIAMO CONSEGNATO LORO CON IL NOSTRO VOTO.
VOTARE E’ ABDICARE… mettere la nostra vita in mani altrui… governa tu che sei intelligente perchè io non sono capace, dimmi tu cosa devo fare, cosa è meglio per me …
Questo è ciò che succede quando non partecipiamo alle decisioni da adottare ed andiamo ad eleggere grassi gatti neri…
Ma voi, quando i bla bla bla aprono bocca nelle loro logorroiche esternazioni nella società virtuale dell’apparenza televisiva, riuscite a cogliere qualcosa?
Aiutatemi, vi prego, perchè io vedo solo fumo, nebbia, nuvoloni neri in arrivo … Ma non sono poi così stupidi come sembrano (sarebbe il male minore), purtroppo per noi sono in perfetta malafede.
Infatti, con tanti soldi e tanto tempo a disposizione anche dei perfetti imbecilli sarebbero stati capaci di capire cosa non va in un sistema monetario che arricchisce unicamente una esigua percentuale della popolazione mondiale lasciandone invece una stragrande maggioranza (il 99,99 per cento) in estrema sofferenza o addirittura costringe una parte più indifesa a morire di fame nel pianeta dell’abbondanza.
Sono in malafede. Ci mantengono ignoranti e ci impoveriscono di proposito. Obiettivo: controllarci e manipolarci senza eccessivi problemi. Renderci schiavi. Cosa vogliamo subire ancora prima che ci rendiamo finalmente conto di essere governati dafanatici malati di delirio di onnipotenza?
Loro sono nostri nemici dichiarati: o noi eliminiamo loro, o loro eliminano noi.
Lo stanno già facendo. Ma non ci riusciranno.
Riprendiamo subito il comando che spetta di diritto al popolo sovrano, iniziando oggi, non domani, a pensare ad una partecipazione attiva per una riorganizzazione sociale nella quale poter mettere i nostri figli in cabina di regia con la nostra supervisione, per liberare finalmente la nostra SARDEGNA dagli estranei che non ci amano e dai loro servitori, che potranno andare a servirli a Roma …
Tutto da mettere in atto pacificamente, con la sola forza del nostro Diritto a una vita serena e la consapevolezza di essere gli unici detentori del Potere.
Pensateci bene prima di ripetere l’errore di eleggere per l’ennesima voltadei grossi famelici gatti neri, bianchi, o bianco/neri che logicamente, naturalmente e comprensibilmente continueranno ad emanare leggi buone solo per loro …

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!