martedì 26 febbraio 2013

Non solo al mare: anche la Provincia di Nuoro deve essere Zona Franca 
 Mario Carboni  Martedì 26 febbraio 2013  


Perchè escludere sempre le zone interne? 
Le si vuole riserva indiana? 

La Regione pare abbia aperto dei tavoli tecnici per dare risposta al decreto di attuazione 75/98 dell'articolo 12 dello Statuto sardo che ha istituito le zone franche di Olbia, Cagliari, Arbatax, Porto Torre, Porto Vesme e Oristano. 

Si tratta di stabilirne le perimetrazioni, i contenuti e le modalità di gestione. Naturalmente per essere efficaci questi elementi indispensabili e caratteristici di ogni zona franca dovranno essere concordati fra Stato e Regione e deliberati con una successiva Norma di attuazione dello Statuto. 

Salta immediatamente agli occhi l'esclusione del Centro Sardegna dalla progettata ciambella di zone franche sul mare a fronte della situazione drammatica della Provincia di Nuoro che è nota a tutti e sinora nessun intervento tradizionale o straordinario è riuscito ad interromperne la spirale negativa. 

E' ineludibile intraprendere allora nuove strade speciali e d'emergenza e senza rinunciare alla richiesta di adeguamento infrastrutturale con rilevanti investimenti europei, statali e regionali. 

Come in tutte le zone europee meno sviluppate ed essendo un'isola nell'isola di Sardegna, anche la provincia di Nuoro deve avvalersi della fiscalità di vantaggio ai massimi livelli possibili. 

Bisogna iniziare una battaglia politica e culturale affinché l'intero territorio provinciale, ormai unico senza un porto industriale al contrario delle altre province sarde, possa diventare in forza di una nuova e particolare Autonomia provinciale, dovutale per molte ragioni storiche, geopolitiche, economiche, culturali ed identitarie, sempre in attuazione dell'Art.12 del vigente Statuto speciale sardo, un intero punto franco o zona economica speciale o free zone. 

L'intera provincia di Nuoro potrà quindi svilupparsi e dare lavoro come una complessiva “Zona franca provinciale” o “Nuoro Free Zone” interessando città e paesi e tutti i settori economici. 

Oltre ai tavoli di lavoro citati a mio parere la Giunta regionale si dovrebbe impegnare ad operare con un tavolo specifico per ridare speranza e futuro ad un'area della Sardegna condannata, se così non si facesse, all'emarginazione, alla povertà, allo spopolamento e con il perdurare dell'assistenzialismo al conosciuto ed esplosivo disagio sociale. 

La strada è ardua ma semplice e si basa sull'impegno politico affinché la Giunta proponga al Governo assieme ai testi dei decreti legislativi per le zone franche sul mare il seguente decreto legislativo aggiuntivo: D.Lgs. Giorno mese anno, n. Norme di attuazione dello statuto speciale della regione Sardegna concernenti l'istituzione di zone franche. 

 Articolo 1. 1. In attuazione dell'articolo 12 dello statuto speciale per la regione Sardegna approvato con legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3, e successive modificazioni, è istituita nella regione secondo le disposizioni di cui ai regolamenti CEE n. 2913/1992 (Consiglio) e n. 2454/1993 (Commissione) la Zona franca di Nuoro o Nuoro Free Zone, coincidente con l'intero territorio della Provincia di Nuoro. 

La determinazione della fiscalità di vantaggio per la produzione ed il consumo e di ogni altra disposizione necessaria per la sua operatività viene effettuata entro sei mesi, su proposta della regione, con decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri. 

 Se il decreto governativo dovesse essere emanato dopo il 24 giugno 2013, data di entrata in completo vigore del nuovo Codice doganale europeo rinnovato, i riferimenti ai Regolamenti europei dovrebbero essere cambiati citando solamente il Regolamento (CE) n.450/2008 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 aprile 2008.




Reazioni:

1 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!