martedì 18 giugno 2013


Uscire dall'euro

Ida Magli 
www.italianiliberi.it


 Maurizio Belpietro, Direttore del quotidiano Libero, ha preso una bella iniziativa. Il giorno 2 giugno, una data significativa, ha finalmente rotto il tabù del silenzio intorno all’euro e ha titolato così il suo editoriale: “Apriamo la discussione – Dieci buoni motivi per uscire dall’euro”. Perché soltanto in Italia– si domanda Belpietro – non si parla dei problemi dell’euro, mentre in tutti i paesi d’Europa si discute animatamente e a tutti i livelli se convenga abbandonare questa disgraziatissima moneta? I cittadini, dunque, sono invitati a dibatterne su Libero esprimendo la propria opinione sull’uscita dell’Italia dall’euro, e a indicare anche in quale modo farlo, tenendo conto naturalmente delle eventuali ricadute negative di una tale decisione. 



Dire che è stato rotto un tabù, purtroppo, è dire poco. I tabù non nascono da soli: sono i detentori del Potere che li instaurano. Il termine “tabù” nasconde la realtà, una realtà vergognosa per il tanto osannato mondo libero e democratico: sull’unificazione europea, ivi inclusa l’adozione della nuova moneta, e su tutto quanto ha comportato per i cittadini togliendo loro indipendenza,  sovranità, ricchezza, libertà in ogni campo, i governanti hanno imposto una censura di nuovo tipo per cui anche il termine censura è inadeguato e bisognerebbe crearne un altro. Il sistema è stato ed è pressappoco questo: non far sapere nulla ai cittadini; far sapere quello che non si può tenere nascosto esclusivamente elogiandolo e dimenticandolo il giorno dopo; non attribuire mai nulla di quanto accade all’unificazione europea, tanto meno  quello che accade di negativo (c’è sempre la Germania come bersaglio); non collegare mai gli uni agli altri i fatti che riguardano l’Europa. Bisogna poi aggiungere al sistema della segretezza le modalità con le quali si è proceduto all’unificazione: decine di provvedimenti quotidiani o quasi quotidiani, pensati, scritti, calibrati nelle forme appropriate per apparire come strumenti tecnici, politicamente soft, o meglio come costruzione di un’Europa “governata senza governo”.






 Per rendersi conto dell’enorme segretezza che circonda  l’Ue bisogna pensare che sono in attività ogni giorno, riccamente retribuiti da noi, oltre 900 parlamentari, migliaia di funzionari, migliaia di traduttori nelle 27 lingue ufficiali d’Europa, tutte le strutture di uno Stato con una Corte dei Conti, una Corte di Giustizia, una Commissione e un Consiglio con i suoi Ministri, ambasciate in ogni paese del mondo e un Ministro degli esteri che  non conta nulla perché è l’Europa che non conta nulla (né a Obama né a nessun altro capo di Stato viene in mente di rivolgersi a Lady Ashton invece che alla Merkel o a Hollande quando c’è da risolvere qualche problema in comune.) Che cosa fa tutta questa gente? Come mai i giornalisti ci informano di ogni parola, di ogni sospiro che esce dalla bocca di uno qualsiasi dei nostri politici e non ci dicono nulla, assolutamente nulla, delle migliaia di decisioni, di decreti, di norme che da Bruxelles piovono sulla nostra testa? Volete chiamarla censura? No, non esiste un termine per descrivere e per definire il modo con il quale è stata realizzata l’unificazione europea.

  È in questo contesto di menzogne e di totale finzione  che bisogna guardare alla moneta euro: tutto è stato deciso esclusivamente secondo la volontà dei governanti, i quali non torneranno mai indietro, non ammetteranno mai di aver sbagliato perché non hanno sbagliato. E come si può pensare che non sapessero quello che facevano i migliori professori di economia e i migliori banchieri d’Europa? L’euro è una moneta in balia di ogni più piccolo colpo di vento perché non ha uno Stato dietro di sé, ma i proprietari della Banca centrale europea e sono stati gli economisti e i banchieri a volerla così. E’ sufficiente guardare ai fatti per sapere quale sia la realtà. L’unione europea è stata pensata e realizzata per distruggere gli Stati nazionali e la potenza della civiltà europea, consegnandone le ricchezze e i governi alla grande finanza e ai partecipanti delle banche centrali. L’euro ha aiutato a raggiungere questo scopo, accelerando la distruzione delle singole economie. Il progetto era questo ed è riuscito ottimamente.

  Forse si sarebbe ancora in tempo a salvare l’Italia, uscendo però subito dall’Ue e non soltanto dall’euro, ma quale dei nostri governanti lo farebbe? Hanno venduto la propria anima, la patria, la libertà dei propri confratelli per conquistarsi una poltrona di carta in un impero di carta e anche se un movimento politico (che non c’è) riuscisse a provocare  qualche piccola ribellione, si comporterebbero esattamente come si sta comportando Erdogan. La democrazia è obbedienza. I popoli parlino, discutano quanto vogliono dato che le loro opinioni non cambiano nulla alle decisioni dei governanti, ma obbediscano.
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!