martedì 16 luglio 2013

PRO DARE SA PARAULA A SA NATZIONE E DARE IDENTIDADE A SA
CULTURA POLITICA NATZIONALE


Bustianu Cumpostu

COORDINADORI NATZIONALE
 DE SARDIGNA NATZIONE INDIPENDENTZIA

ANDALAS  PRO ASSENDERE A SOS STATI GENERALI DELLA NAZIONE SARDA
PRENDERE ATTO DEL DISASTRO
  • Il disastro, economico, politico, culturale, ambientale, energetico, di rappresentatività, psicologico, di autostima e di auto-fiducia, causato alla Sardegna ed ai Sardi è evidente e ormai difficilmente riparabile.
  • Le cause di tale disastro sono altrettanto evidenti e ricadono sul sistema che ha imposto, modelli, e tempi, che  ha elevato ad obiettivi il fallimento ed il disastro, ha perpetuato la dipendenza e impedito iniziative economiche o politiche fuori sistema.  
  • Un sistema complesso quello del disastro sardo, nel quale vere e proprie agenzie della dipendenza, create dal sistema politico e sindacale italiano hanno imposto la loro cultura politica, la hanno resa totalizzante ed hanno ridotto a suoi sottoinsiemi gran parte delle espressioni politiche di genesi e motivazione organiche alla nazione sarda.

INSUFFICIENZA DELLE ESPRESSIONI POLITICHE SARDE
  • Bisogna prendere atto che le espressioni politiche che la nazione sarda ha generato perché fungessero da anticorpi contro il sistema del disastro, non solo non sono state all’altezza di contrastare l’avanzamento del male ma in parte si sono trovate, non volendolo, coinvolte ed integrate nel sistema linfatico che lo alimenta.
  • Non serve a niente distribuire quote di responsabilità tra le espressioni politiche sarde, dobbiamo solo prendere atto della loro insufficienza   e della necessità di restituire le deleghe alla natzione sarda, aprire le gabbie e chiamare, insieme, la gente sarda a dare corpo collettivo e cervello collettivo alla nazione per avere un ruolo nel decidere e contrastare il sistema del disastro con una propria cultura politica, intesa in senso lato, anche in compartecipazione con la cultura politica italianista ma da essa disgiunta e con essa in concorrenza.

STATI GENERALI DELLA NATZIONE SARDA
  • Quando si è in emergenza si chiama a raccolta tutta la famiglia ed ogni componente ha la sua quota di responsabilità ed ha il dovere di contribuire al superamento dell’emergenza, ma più di tutti hanno responsabilità le espressioni politiche e culturali che la famiglia ha generato in base ai propri bisogni, interessi ed aspettative. Spetta a loro, sintesi organizzate della nazione, leggere l’emergenza, valutarne la gravità e proporre occasioni e modi per collettivizzare responsabilità e soluzioni.
  • Le sintesi organizzate della nazione, devono chiamare a consulto gli STATI GENERALI DELLA NAZIONE SARDA, formare un gruppo di serietà nazionale e creare le condizioni perché LA CULTURA POLITICA SARDA entri nello scenario, batta i propri tempi, determini azioni e proposte proprie, viva, pur in compartecipazione, di vita propria e non di supporto o contrasto alla cultura politica italiana.
  • Le sintesi “sardiste” hanno il dovere di creare spazio vitale alla cultura politica sarda e di creare spazio e motivazione politici di esistenza anche per se stesse, che altrimenti non avranno capitale politico autonomo ma solo all’interno del contesto “italianista”.
  • NON DEVE ESSERE UN EVENTO INTERNO ALLA CONTINGENZA ELETTORALE E FINALIZZATO AD ESSA, ma deve entrare dentro il contesto ricettivo indotto da tale evento, polarizzare l’attenzione aprendo un sipario più serio e in alternativa a quello presentato dalle comparse sarde negli scontri di potere che vanno in scena nel teatro italiano.
  • Ogni sintesi “sardista” deve essere lasciata libera di continuare le sue trattative elettorali, tale argomento non deve essere motivo di scontro ma  non può neanche essere usato per nascondere, alla nazione, i propri intenti, omettere proposte e rifiutare condivisioni.
  • Se le condivisioni si riscontreranno nelle parole, si creeranno le condizioni perché si concretizzino nei fatti,  chi non sarà coerente verrà valutato dalla gente sarda, dagli stati generali della natzione sarda.
  • Non ci dovranno essere schemi o pregiudiziali, ne graduatorie di sardismo o di indipendentismo e l’ambito di riferimento sarà quello del nazionalismo, di coloro, sardi, che pensano che la famiglia di riferimento sia la nazione e non lo stato e che credono che le libertà collettive nascano dal rispetto e dalla tutela delle particolarità nazionali e non dagli interessi degli stati.


No isco si so resessidu in sa punda, ma ispero de aere abertu un’andala.

Cun istima manna
Bustianu Cumpostu


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!