domenica 28 luglio 2013

Il dibattito sulla zona franca integrale , tra le varie polemiche,   si disquisisce in tutta la Sardinya ne parlano tutti e le speranze di una situazione che migliori le condizioni del popolo sardo attrae sempre più folle.

Ognuno dei partecipanti al dibattito ha i suoi riferimenti,  a idee o a punti di partenza diversi, chi si lega alle origini dell'istituzione  del dopoguerra, chi si riferisce alle ultime leggi lasciate inappilicate dalla RAS Sardinya e dai comportamenti poco rispettosi dei politicanti di carriera che si sono susseguiti in questa martoriata terra.

Mettiamo in circolo  questi post e video tratti dal dibattito trasferito in rete per dare una info sulla portata del dibattito quì in Sardinya.

Sa Defenza


Francesco Scifo Maria Rosaria Randaccio Maria Pia Zonca Antioco PattaAndrea Impera



Dopo mesi di lavoro speso visitando ogni paese dell'Isola, posso dire che ormai si è formata in Sardegna un'opinione pubblica in grado di capire cosa sia la zona franca e quali vantaggi l'uso questo strumento di politica economica porti con se. Ormai le leggi che sanciscono questo diritto sono chiare a tutti e tutti possono chiedere il rispetto della legalità, con cognizione dii causa. Dal 1998 Cagliari per legge avrebbe dovuto essere operativa: oggi invece continuiamo a vedere poca chiarezza sugli scopi e sull'oggetto di questi tavoli tecnici, nonchè sui rispettivi ruoli.
Oggi la mancata attuazione della zona franca di Cagliari, ove tutto il procedimento amministrativo di attuazione è stato completato con DPCM fin dal 2001, conferma che la zona franca politicamente non si vuole realizzare.
Sono contento che Andrea Impera vada a rappresentare i movimenti a Roma: dato che ormai è una questione politica e non giuridica perciò, forse, non è opportuno che io sia presente al tavolo. Ritengo ormai doveroso che la Sardegna mostri la propria autonomia e chieda con forza che, da ora in poi, qualsiasi riunione con il Governo centrale per l'attuazione del dlgs. 75/98 sia svolta a Cagliari.
Non siamo una colonia che deve sottostare alle decisioni arbitrarie della madrepatria ma una regione autonoma che fa parte di una Repubblica fondata sul diritto.
Per questi motivi parteciperò a questo tavolo tecnico solo se verrò convocato ufficialmente e messo per tempo al corrente dei contenuti da discutere.



Watch live streaming video from tamtamsardegna at livestream.com

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!