martedì 17 settembre 2013


Armi chimiche, le verità nascoste sugli arsenali e sulla «Convenzione»


Manlio Dinucci Μάνλιο Ντινούτσι


Il martellamento politico-mediatico sulle armi chimiche della Siria, che secondo le «prove» segrete della CIA sarebbero state usate dalle forze governative, genera la diffusa impressione che sia ormai solo la Siria a possedere tali armi e che con esse minacci il resto del mondo. Potenza delle armi di distrazione di massa, capaci di focalizzare l’attenzione dell’opinione pubblica su un singolo punto, facendo sparire tutto il resto.



British_55th_Division_gas_casualties_10_April_1918

Soldati del 55a Divisione brittanica colpiti dai gas, 10 Aprile 1918

La Convenzione, che ne bandisce l'uso e stabilisce la distruzione degli arsenali esistenti, è entrata in vigore nel 1977 ma Usa e Russia non l'hanno rispettata. La Siria non l'ha firmata perché ha puntate addosso le armi (sia nucleari che chimiche) in dotazione all'esercito israeliano
Fu la Germania a usare per prima le armi chimiche nel 1915-17: cloro liquido e fosgene, quindi gas vescicatorio e asfissiante Mustard (o Iprite). Come risposta, Gran Bretagna e Francia produssero anch’esse questo gas letale. Il gas nervino Tabun, che provoca la morte per asfissia, fu scoperto nel 1936 da ricercatori della compagnia tedesca I.G. Farben (la stessa che produsse lo Zyclon B, usato nelle camere a gas). Nel 1936 l’Italia usò in Etiopia armi chimiche, già impiegate in Libia nel 1930. In Germania, vennero prodotti agenti chimici ancora più letali, il Sarin e il Soman. Essi non vennero usati da Hitler, probabilmente perché all’inizio temeva una ritorsione di Stati uniti e Gran Bretagna, che avevano grossi arsenali chimici, e, nell’ultima fase della guerra, perché non gli erano rimasti abbastanza aerei per l’attacco. Durante la guerra fredda la corsa alle armi chimiche accelerò con la scoperta del gas nervino più tossico, il VX, la cui produzione iniziò nel 1961 negli Usa. Vennero quindi prodotte negli Usa le prime armi chimiche binarie: proiettili, bombe e testate missilistiche che contengono due componenti chimici separati, e quindi relativamente innocui, i quali mescolandosi durante la traiettoria si combinano in una miscela tossica. Usa e Urss accumularono i maggiori e più letali arsenali chimici. Ma il «club chimico» si allargò rapidamente ad altri paesi.

Etiopia-gas-italiano

Finita la guerra fredda, è entrata in vigore nel 1997 la Convenzione sulle armi chimiche, che ne bandisce l’uso e stabilisce la distruzione degli arsenali esistenti. A sedici anni di distanza, però, sia gli Stati uniti che la Russia non hanno ancora distrutto completamente i loro arsenali, poiché non hanno osservato le scadenze stabilite. Secondo i dati ufficiali, gli Usa conservano circa 5.500 tonnellate di armi chimiche. La Russia ne ha molte di più, circa 21.500, ereditate dagli arsenali sovietici. Una valutazione semplicemente quantitativa è però ingannevole: Stati uniti, Russia e altri paesi tecnologicamente avanzati mantengono la capacità di costruire sofisticate armi chimiche binarie ed uniscono sempre le esercitazioni di guerra nucleare con quelle di guerra chimica. Stando però anche alla sola dimensione quantitativa, gli Stati uniti, che guidano la campagna contro le armi chimiche della Siria, ne posseggono circa 6 volte di più: secondo una stima dell’intelligence francese, probabilmente gonfiata, la Siria avrebbe circa 1.000 tonnellate di agenti e precursori chimici (sostanze adatte a produrre armi chimiche).

1269 contenitori di gas nervino VX nel Newport Chemical Depot, Indiana, Stati Uniti

Perché la Siria non ha firmato la Convenzione sulle armi chimiche? La risposta, in termini essenziali, è: perché ha puntate addosso le armi nucleari israeliane. Non solo. Israele ha costruito dagli anni Sessanta anche un sofisticato arsenale di armi chimiche. Ma, come quello nucleare, resta segreto poiché Israele ha firmato ma non ratificato la Convenzione sulle armi chimiche. Secondo un rapporto di «Foreign Policy», basato su un documento della Cia, avanzate ricerche sulle armi chimiche furono condotte nel Centro israeliano di ricerca biologica e tali armi furono prodotte e stoccate nel deserto Negev, a Dimona, dove si producono anche armi nucleari. Lo riferisce perfino il «Jerusalem Post». Anche se Israele non avesse conservato tale arsenale, scrive la rivista specializzata «Jane’s», possiede la capacità di «sviluppare in alcuni mesi un programma di armi chimiche offensive». Si capisce quindi perché anche l’Egitto non abbia firmato la Convenzione sulle armi chimiche.

Agente Orange sul Vietnam: "niente arma chimica"

 Stati uniti e Israele non hanno mai violato ufficialmente la proibizione dell’uso di armi chimiche, poiché l’agente chimico Orange alla diossina, impiegato massicciamente dagli Usa in Vietnam, e le bombe chimiche al fosforo bianco impiegate dagli Usa in Iraq, Iugoslavia, Afghanistan e Libia, e da Israele a Gaza, non sono considerate armi chimiche. Una consolazione per le famiglie che hanno visto i bambini nascere deformi per l’agente Orange o morire bruciati dal fosforo bianco. 

White Phosphorus
Fosforo bianco su Gaza, gennaio 2009: "niente arma chimica"
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!