venerdì 6 dicembre 2013

Articolo di notevole importanza informativa, mettiamo a disposizione dei nostri lettori la traduzione che abbiamo fatto e la  pubblichiamo;

vista l'importanza che riveste l'essere attenti osservatori  dei comportamenti dell'agenzia europea di controllo sulla salute degli alimenti e le bevande EFSA;

una denuncia fatta da esperti nel campo giornalistico scientifico,  deve essere un albo notorio per far chiudere comportamenti promiscui di influenza delle lobby plurimiliardarie (Monsanto) agro-indiustriali legate alle multinazionali  sull'EFSA ; 

multinazionali che producono sia  OGM che agenti chimici teratogeni , mutageni oltre che cancerogeni, ed a molti altri surrogati che entrano nel ciclo alimentare.

Informare per non cadere nella trappola delle lobby è di importanza vitale per tutti NOI e le future generazioni, prepararsi con la conoscenza dovuta per contrastare gli avvelenatori significa lottare per non morire.

Sa Defenza


di Colin Todhunter
globalresearch.ca

tradusiu de Sa defenza


Il nostro cibo nelle loro mani: Quali interessi

 serve  l'Autorità europea per la sicurezza 

alimentare ?

Secondo il sito web dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA)la valutazione dei rischi in materia di alimenti e mangimi è la chiave di volta dell'Unione europea (UE) . Il sito afferma che l'EFSA fornisce consulenza scientifica indipendente nonché una comunicazione chiara sui rischi esistenti ed emergenti e che si tratta di un'agenzia europea indipendente finanziata dal bilancio dell'UE. L'autorità opera separatamente dalla Commissione europea, dal Parlamento europeo e dagli Stati membri dell'UE.
Parole dal suono dolce,  più della metà dei 209 scienziati dirigenti nei  vari settori dell'agenzia hanno legami diretti o indiretti con le industrie che hanno lo scopo di regolamentare. Infatti, secondo una recente analisi indipendente effettuata da Corporate Europe Observatory (CEO) il giornalista freelance Stéphane Horel, osserva che  quasi il 60% degli esperti, i vari quadri esperti scientifici dell'EFSA hanno legami diretti o indiretti con le  industrie che dovrebbero poi regolamentare con l'agenzia.
Il rapporto "Unhappy Meal". Pone il problema dell'indipendenza dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare e individua le principali lacune nella politica di indipendenza dell'EFSA e trova che le nuove regole dell'EFSA per la valutazione dei propri esperti, attuate nel 2012, dopo diversi scandali e conflitti di interesse , non sono riusciti a migliorare la situazione.
Gli autori avvertono che questa situazione getta un grave dubbio sulla credibilità scientifica del fattore fondamentale nella sicurezza alimentare  dell'Unione Europea,  l'agenzia che rilascia valutazioni sui rischi in materia di salute pubblica cruciali come gli additivi alimentari, imballaggi, OGM , contaminanti e i pesticidi.
Secondo il rapporto, le nuove regole di valutazione dell'EFSA permette ai  suoi esperti  di avere molteplici interessi commerciali (contratti di consulenza, di finanziamento della ricerca, ecc), ciò nonostante, alla maggioranza di quadri e vice -dirigenti può essere concessa la piena adesione ai protocolli dell'EFSA.
Stéphane Horel giornalista controinformatore ha detto:
"Siamo rimasti scioccati dai risultati. Anche senza controllare  gli interessi non dichiarati, il numero di conflitti di interesse in questa agenzia è molto preoccupante. Esperti con conflitti di interesse dominano tutti i settori. Abbiamo scoperto che la maggior parte dei conflitti sono dovuti  da finanziamento della ricerca e contratti di consulenza privati, alcune istituzioni determinanti per gli scienziati (società scientifiche, riviste) sono anche bersaglio delle lobby del settore, e l'EFSA sembra ignorare tutto questo ".
 La relazione indica inoltre che l'EFSA ha omesso di attuare adeguatamente la propria nuova normativa in diversi casi  che non vi è alcuna differenza visibile tra i protocolli raccolti nel quadro della nuova politica e di quelli composti utilizzando la vecchia politica.
Martin Pigeon, ricercatore e attivista di CEO, ha dichiarato:
"Ci sono casi specifici, l'agenzia è stata avvertita anni fa, che c'erano problemi ... Ci auguriamo che questa relazione apra gli occhi sulla necessità di difendere l'integrità della ricerca pubblica dalle minacce poste sulla salute pubblica dalla influenza delle industrie".
Ulteriori preoccupazioni
Sulla scia di tale relazione ora arriva la notizia che la salute dei consumatori è a rischio (SANCO) la Commissione europea ha la possibilità di eleggere  tra i candidati come direttore del consiglio di amministrazione dell'EFSA il dirigente  della più grande industria alimentare UE Food Drink Europe  (2).
La signora Beate Kettlitz lavora in una posizione di leader nel gruppo di pressione, e rappresenta tutte le grandi aziende alimentari e di bevande europee. Inoltre, è il secondo anno di fila che la Commissione ha cercato di nominare rappresentanti di Food Drink Europe come membri del consiglio di amministrazione dell'EFSA.
Un anno fa, la Commissione europea ha nominato direttore esecutivo Mella Frewen di Food Drink Europe (ex lobbista Monsanto). La sua nomina è stata respinta dal Parlamento europeo e dagli Stati membri.
Il Consiglio di amministrazione dell'EFSA è fondamentale: è l'organo di governo dell'agenzia per il cibo. Ognuno che mangia cibo in Europa è influenzato dalle sue decisioni.
Martin Pigeon del CEO:
"Il fatto che la Commissione europea preseleziona un lobbista dell'industria alimentare, ancora una volta, per il consiglio di amministrazione dell'EFSA è un segnale incomprensibile per tutti gli interessati circa la protezione dei consumatori e dell'ambiente. Tale professionista a bordo dell'EFSA sarebbe, per definizione, una minaccia permanente per l'indipendenza della agenzia per la sicurezza alimentare dell'UE "
Sette seggi in consiglio di amministrazione dell'EFSA del rinnovo nel mese di giugno 2014. La Commissione europea ha pubblicato un elenco di 23 nomi, per lo più da agenzie per la sicurezza alimentare nazionali, istituti di ricerca e università all'esame del Parlamento UE e la decisione 'degli Stati membri. Ma quattro persone tra quelle in lizza hanno anche interessi nel settore alimentare:
  •  Jan Mousing,  in lizza per la posizione, è l'amministratore delegato della Knowledge Centre danese per l'agricoltura, una società privata si descrive come "il principale fornitore di conoscenze professionali per le professioni agricole" in  Danimarca ;
  • Piet Vanthemsche, che è anche lui in corsa per la posizione, detiene una posizione di leader in campo industriale agricolo nell'unione COPA e detiene la maggioranza di MRBB, un fondo di investimento agricolo che ha anche partecipazioni in aziende che vendono gli OGM.
  • Alan Reilly, Direttore esecutivo dell'Autorità per la sicurezza alimentare irlandese (amministrazione della sicurezza alimentare pubblica dell'Irlanda), è anche membro del Comitato Scientifico della European Food Information Council (EUFIC), una lobby alimentare con sede a Bruxelles, finanziata da alcuni degli il più grande cibo e bevande aziende private in Europa.
  • Milan Kovac, dal Ministero dell'Agricoltura slovacco, era un membro del consiglio di ILSI Europa fino al 2011. ILSI Europa, è un istituto di ricerca industriale supportata da tutte le più grandi multinazionali agroalimentari, è un attore centrale di influenza scientifica del settore agroalimentare su dell'EFSA.
La Commissione giustifica  queste nomine con una interpretazione ideale  l'industria del regolamento istitutivo dell'EFSA, in cui si afferma che quattro dei 14 membri del consiglio "deve avere una esperienza in associazioni che rappresentano i consumatori e altri interessi nella catena alimentare".
Nel loro recente comunicato stampa congiunto, CEO e  Testbiotech notano che in nessun luogo si è detto che l'industria alimentare dovrebbe essere coinvolta, infatti, è tutto il contrario: il punto 2.011 nelle regole di indipendenza dell'EFSA stabiliscono che "le persone impiegate dall'industria non sono autorizzate a diventare membri dell'EFSA nel Comitato scientifico, gruppi di esperti scientifici e gruppi di lavoro. "
Queste tendenze sono preoccupanti a dir poco. Lo scrittore e ricercatore William F Engdahl ha già accennato ad un 'cancro della corruzione' tra il settore biotech e dall'EFSA (3). 

E quest'anno, Friends della Earth Europe (FoE) e GM Freeze ha pubblicato il proprio rapporto di ricerca che ha espresso gravi preoccupazioni relative alla salute rispetto all'uso eccessivo e senza controllo di glifosato (diserbante) in Europa (4). Preoccupazioni molto solide, considerando recenti ricerche relative agli effetti sulla salute (5). 
Nel 2011, la Hearth of Open Source ha detto che l'approvazione ufficiale del glifosato era stato avventato, problematico e profondamente sbagliata. Una rassegna completa dei dati esistenti rilasciato nel giugno 2011 da Hearth Open Source ha denunciato che le autorità di regolamentazione del settore in Europa conoscevano bene da anni i danni che procura  il glifosato, causa difetti genetici nei nascituri e negli embrioni di animali da laboratorio. Le domande che sono state quindi sollevate sul ruolo del potente agro-industria dei dati relativi alla sicurezza del prodotto e la influenza indebita, sulle autorità di regolamentazione, effettuate (6).

L'obiettivo delle potenti imprese private è quello di fare soldi, per massimizzare il profitto per gli azionisti. Eventuali requisiti di sicurezza sono preoccupazioni secondarie, o non sono neppure considerate preoccupazioni. Pertanto, ci aspettiamo che organismi come l'EFSA  occupino  queste preoccupazioni per conto  nostro e  resistano alle lobby alimentare e agro-alimentare nei loro tentativi di tradurre il loro massiccio peso finanziario in influenza politica, non da ultimo immettere proprio nel consiglio di amministrazione i loro quadri esperti » a questo siamo molto interessati che non avvenga, per il bene dei consumatori.
Sul suo sito web, l'EFSA afferma:
"Il cibo è essenziale per la vita. Siamo impegnati a garantire la sicurezza alimentare in Europa. "

Ci auguriamo che non sia solo uno slogan ma una pratica di vita vera e costante.    Sa Defenza
Mettersi in gioco, essere informati e resistere alla corruzione e l'acquisizione societaria d'Europa: Visita  http://corporateeurope.org/get-involved #
 Note
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!