venerdì 10 gennaio 2014


ATTENTATO E COLPO DI STATO L'11  SETTEMBRE 2001 NON SOLO SOSPETTI . 

INDIZI GRAVI SULL'OPERATO DI BUSH , DEL MOSSAD E DELL'ARABIA SAUDITA -2°p-

A.Boassa


L'economia americana entra in recessione ufficiale nell'aprile del 2001. la grande macchina che aveva avviato qualche decennio prima la globalizzazione di cui era la protagonista primaria entra in crisi . 


Eppure solo qualche mese prima il Pentagono "produce" il "Progetto per un nuovo secolo americano" , manifesto che teorizzava , in continuità con il pensiero più retrivo negli ultimi decenni degli ambienti conservatori , l'egemonia planetaria statunitense con la lista dei nemici da abbattere nel più vicino futuro
e il nemico principale da sconfiggere o da sottomettere ,ovviamente la Cina .


Si rendeva necessario realizzare qualcosa di spaventoso da utilizzare mediaticamente perché si potesse avere un consenso generalizzato per nuove avventure militari che restituissero slancio ad un'economia ingessata e ad un primato planetario ormai in difficoltà . Cosa di meglio se non "creare" un nemico assoluto , disumano da additare alle masse e giustificare davanti al mondo non solo la necessita ma anche il dovere di combatterlo con tutti i mezzi , tanto da demolire , come fatto inevitabile , la sovranità di tutti paesi del mondo , la democrazia , i diritti civili e lo stesso diritto internazionale ?


L'Islam e Osama Bin Laden come suo rappresentante più feroce vengono scelti come bersaglio militare e politico per dare il via ad un escalation micidiale nel Medioriente che ha come obiettivo primo un intensificarsi della corsa agli armamenti (una sorta di Keynesismo che può essere supportato con l'allegra emissione di dollari e con un debito enorme da scaricare sul pianeta) , come obiettivo secondo l'accaparramento di risorse energetiche indispensabili alla macchina bellica e al mantenimento di un sempre più che buono stile di vita negli States , come obiettivo terzo piazzare basi militari in Afghanistan e nelle repubbliche ex sovietiche nell'Asia centrale a ridosso della Cina in vista di quella resa dei conti già programmata in dettaglio dal Pentagono .


Una considerazione per chi ha dubbi sul complotto . Rispetto alle illuminanti analisi di Giulietto Chiesa immediatamente successive all'11 settembre abbiamo attualmente le indagini dell'FBI sui funzionari governativi sauditi e sul Mossad , le dichiarazioni di parlamentari americani, relative alle 28 pagine coperte da segreto , sulla inesistenza di un coinvolgimento nella tragedia di Al-Qaeda , la messa in stato di accusa di Bush da parte dei media americani e dalle associazioni dei parenti delle vittime . 


L'affronto subito con l'abbattimento delle torri (tre non due come gran parte della stampa riporta allo scopo di occultare il mistero di una torre che si abbatte "da sola") va vendicato con una guerra immediata (Afghanistan dove in qualche grotta si rifugia Osama) e con una "guerra infinita" contro il terrorismo . E' in gioco il prestigio e la sopravvivenza dell'occidente e degli Stati Uniti che si propongono come eroico baluardo della civiltà e della libertà .


Come se gli Usa avessero ricevuto una delega in bianco che gli consentano di porsi al di là delle leggi nazionali ed internazionali .




Il presidente potrà decidere assieme ai suoi più fedeli chi deve essere giustiziato o prelevato o torturato senza l'impiccio di prove o di giudici , disporre di prigioni in ogni dove del pianeta con la complicità ma anche senza dei governi nazionali , istituire tribunali speciali segreti che potranno giudicare senza prove ,senza avvocato difensore e condannare alla pena di morte , bombardare non curandosi dei civili (effetti collaterali inevitabili e quindi giustificabili) , favorire l'impunità degli eroici combattenti ...


Tutto programmato . Il generale Wesley Clark nel 2007 riferirà di essere venuto a conoscenza poco dopo l'11 settembre tramite il vice-presidente Cheney e il ministro della difesa Rumsfeld dell'intenzione dell'amministrazione di scatenare delle guerre contro Siria , Libano , Iraq , Libia , Somalia , Sudan , Iran .
Destabilizzare insomma inventandosi dei nemici , addestrando dei terroristi , favorendo tensioni tra le etnie , suscitando il panico tra i civili , creando disordini e caos .


"Guerre intermedie" come le ha definite Chiesa . Riarmo . petrolio , energia , basi militari . Prima di affrontare l'ostacolo che impedisce agli Usa di imporre il suo ordine globale e di realizzare compiutamente "il sogno americano" : la Cina.


Zbigniew Brzezinski , ben prima delle torri gemelle " E' imperativo che non emerga nessun sfidante euroasiatico in grado di dominare l'Eurasia e quindi anche di sfidare l'America , il primato globale dell'America" .
Obama "Gli Stati Uniti ... come nazione del Pacifico ... svolgeranno un ruolo più ampio e di lunga durata ... noi preserveremo la nostra capacità unica di proiezione e di potenza e scoraggeremo le minacce alla pace ...gli Stati Uniti sono una potenza del Pacifico...e noi siamo qui per rimanervi"


La strategia d'attacco del Pentagono è già pronta ed ha un nome :
"Air -Sea -Battle"




Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!