mercoledì 22 gennaio 2014

Oltre la globalizzazione per una società a dimensione umana: la nazione è indipendenza e libertà delle comunità.



Da dove partire? Ovviamente dalla concezione di nazione, il  significato da cui deriva la parola nazione (nascita in latino) oppure dalla sua implicazione sociale?
 Una nazione (dal latino natio, in italiano "nascita") può riferirsi ad una comunità di individui che condividono alcune caratteristiche comuni quali la lingua, il luogo geografico, la storia ed un governo.  
^Il World Book Dictionary definisce la nazione come “la popolazione che occupa uno stesso luogo geografico, unita sotto lo stesso governo, e parlante usualmente la stessa lingua”. Un'altra definizione considera la nazione come uno "stato sovrano" che può far riferimento ad un popolo, a un'etnia, a una tribù con una discendenza, una lingua e una storia in comune." wikipedia.
Avendo chiaro il significato che abbiamo sopra riportato, pensiamo a che tipo di società deve assumere una nazione sovrana, come si determina, che aspetto istituzionale deve avere e quali i valori deve esprimere per essere tale.
Mancini: le nazioni costituiscono una dimensione naturale e necessaria della storia umana, la cui vitalità storica dipende tuttavia dalla loro libertà e indipendenza, dal fatto cioè di essere non un mero aggregato di fattori naturali e storici (territorio, lingua, ecc.), bensì un corpo politico e di possedere un governo, una volontà giuridica e leggi proprie. Senza lo Stato la nazione rischia di restare un corpo inanimato.wikipedia.
In Sardinya , parlando di indipendenza diciamo che la nostra nazione è rappresentata da: una terra un popolo , una lingua, una cultura, una nazione.
Nazione, libertà, umanità.
La visione illuministica: nazione come realtà nella quale si riconoscono gli esseri illuminati e i popoli i cui costumi siano stati segnati dalla logica del progresso storico. 
Visione romantica: nazione come sfera di appartenenza particolaristica ma non esclusiva. La nazione non può fare a meno di entrare in rapporto con la cultura e lo spirito delle altre nazioni e degli altri popoli, insieme ai quali essa costituisce un più vasto organismo vivente. I popoli possono vivere in armonia mantenendo la propria individualità.  
 Per Sieyès il soggetto storico che fa nascere la nazione attraverso la volontà sono i cittadini (liberi e uguali).wikipedia. 

 Non vogliamo fasciarci il capo con etichette politiche superficiali su nazionalismo ecc.. che servono solo a sviarci dal punto fondamentale che vogliamo affrontare: le nazioni hanno dato e danno benessere alle comunità ove le rappresentano, mentre oggi le comunità sono schiacciate dalla globalizzazione, ovvero da una società non più nazionale ma globale e nello spirito che lo alimenta, abbiamo la mano invisibile che prende il sopravvento:il capitalismo delle multinazionali, delle élite e della finanza globale, ove non vi è più al centro l'uomo e  il sociale , ma solo il consumo per produrre mero profitto.
Lo Stato Nazione ha costruito il capitalismo nel mondo. La Mano Invisibile non avrebbe potuto controllare il pianeta, senza gli eserciti, gli esattori fiscali e le scuole. Ma la stessa Mano Invisibile oggi sta spazzando via lo Stato Nazione. Il capitalismo globale non è certo una novità; però negli ultimi decenni, è diventato insieme sistema unico di governo reale e ideologia totalizzante. kelebeklerblog.
La Mano Invisibile  del capitalismo globale a cui si fa riferimento è la teoria espressa nel libro di Toni Negri e Michael Hardt,  Impero, di cui Costanzo Preve denuncia come la rivoluzione non più necessaria, in quanto accettata e sostituita  dalla soddisfazione dei propri bisogni, esaudita di fatto dalle merci prodotte  in eccesso e dal consumismo imposto dal capitalismo.
Costanzo Preve si dimostra imbattibile nel riconoscimento di questi giochi di prestigio letterari: “…Il motivo per cui generalmente i marxisti dicono che è impossibile realizzare una rivoluzione comunista dentro il modo di produzione capitalistico sta appunto nel fatto che essi ritengono che il capitalismo sviluppa falsi bisogni. Se invece partiamo dal "desiderio", come lo interpretano Deleuze e Negri, effettivamente non c’è più nessun bisogno di una rivoluzione, perché il soddisfacimento dei flussi desideranti delle moltitudini può tranquillamente essere esaudito dentro il quadro della produzione capitalistica stessa. Si ha così una tipica rivoluzione senza rivoluzione, ed è esattamente per questo che Negri piace ai due poli opposti delle oligarchie capitalistiche al potere e dei centri sociali autoghettizzati di consumo detto ‘alternativo’…”conflittiestrategie 
Cosa fa bene alla nazione e alla comunità in essa contenuta, quali contraddizioni apparenti si profilano e come risolverle?

Una delle contraddizioni apparentemente più inspiegabili di questi anni è la coincidenza tra crisi delle grandi visioni del mondo globali e ideologiche, con le relative appartenenze politico-culturali, e il manifestarsi di ondate nazionaliste che ripropongono una forte appartenenza etnico-culturale e una riproposizione delle "radici" di individui e collettività territorialmente fondate.

Di fronte a questa contraddizione che assume caratteri così inediti la sinistra ha certamente necessità di una rifondazione che riguardi anche l’analisi del problema nazionale ed etnico-culturale.

Non sono del tutto persuaso che a questo proposito il vero limite della cultura marxista sia quello di essersi limitata a un approccio di classe ed economicista. I diversi movimenti che si sono ispirati al socialismo e al comunismo hanno avuto impostazioni complesse e differenziate sul tema nazionalitario, ed è troppo facile ridurre il marxismo alla sua vulgata superficiale o propagandistica.

Il comunismo prima di Marx rifiutava il concetto di nazione (vedi Fourier) perché lo identificava con gli Stati borghesi allora esistenti, divisi e belligeranti. Veniva contrapposto un universalismo dei popoli che si opponeva ai patriottismi. In seguito, con Marx ed Engels viene sottoposta a critica la "triviale retorica" della fratellanza universale dei popoli, e si sceglie una analisi che storicizza il rapporto tra i popoli e tra popolo e nazione, legandolo al contesto dei rapporti sociali. Nello stesso tempo i fondatori del socialismo scientifico erano convinti che gli antagonismi nazionali dei popoli fossero un fenomeno arcaico, destinato a scomparire con lo sviluppo della borghesia, e ancor di più con il dominio del proletariato. rivistaindipendenza
La questione nazionale  non può risolversi dentro quella istituzione inventata di sana pianta la UE ,come possiamo vedere dalla citazione sottostante:
L'UE di oggi è una struttura sovranazionale. Gli Stati membri hanno abbandonato gran parte dei loro diritti sovrani. E' stato Jean Monnet che anticipò in maniera decisiva la costruzione di istituzioni sovranazionali.[..] 
In una lettera indirizzata a Dean Acheson (Segretario di Stato, al Ministero delle Finanze di Roosevelt, vice segretario di Stato 1945-1949, Segretario di Stato 1949-1953) Monnet ha scritto il 23.11.1962: "Nella misura in cui gli interessi sono sempre più unificati, le opinioni politiche devono essere sempre più comuni. […] Penso che se vogliamo unire gli uomini, dobbiamo unire prima gli interessi e per questo è necessario che gli uomini accettino di agire secondo le stesse regole, ed essere amministrati dalle stesse istituzioni. So che questo può sembrare un lungo processo, ma un cambiamento nell'atteggiamento degli uomini è necessariamente un processo lento."Dean Acheson Papers, Box 28, cartella 288. Yale University Library, New Haven / Connecticut, citato da E. Roussel, op. Roussel, op. Cit. p. 766 sadefenza.jean-monnet
Le ricerche di Pierre Hillard mostrano, che oggi tutta l'Europa è coperta e penetrata da organizzazioni, gruppi e associazioni, con il fine di far scoppiare dall'interno gli Stati-Nazioni. Per consentire questo sviluppo, Monnet si è procurato in più riprese soldi provenienti dall'area anglo-americana. cfr. Pierre Hillard, La Marche irrésistible du nouvel ordre mondial (La marcia irresistibile del nuovo ordine mondiale), F.-X. de Guibert 2007 sadefenza.jean-monnet-
Quali interessi vengono anteposti alle nazioni dei popoli nella UE, visto che non  possono essere rappresentate le nazioni dentro la sua istituzione?
L’Unione Europea ha rifiutato di includere i parlamenti nazionali nella "governance" economica, ossia in ciò che forma la ragion d’essere di un parlamento. E i parlamenti che fanno, sono insorti? Nient’affatto: hanno accettato di non essere più consultati sulle decisioni dell’economia in Europa. contrelacour
 Vorrei che ci chiedessimo invece, da un punto di vista economico  e sociale, cosa ci fa bene  e cosa non ci fa bene, cosa prevede e cosa ci impone il trattato Transatlantic Trade and Investment Partnership ( TTIP ), ci fa bene o male ?  Traetene Voi la risposta:

 La nazione che voglia mantenere il controllo statale sui trasporti , sulla sanità , sull'istruzione... diventerebbe una nazione fuorilegge .
 Prendiamo in considerazione in breve sintesi le tematiche principali della bozza di mandato negoziale : cooperazione doganale ; adozione di standard comuni ; liberalizzazione dei servizi . 
COOPERAZIONE DOGANALE : si aspira con l'entrata in vigore dell'accordo all'azzeramento dei dazi che allo stato attuale già presentano un livello di protezione tariffaria media"relativamente basso"( 3,5% USA ; 5,2% UE) . 
ADOZIONE DI STANDARD COMUNI : la differenza tra le misure regolamentari , tra gli standard relativi alla sicurezza ,alla salute e alla tutela dell'ambiente costituirebbero degli ostacoli -si dice- alla conquista dei mercati e perciò si promuove la rimozione degli stessi . Ora risulta pacifico che Statunitensi ed Europei hanno visioni diverse sulla tutela dell'ambiente , sugli Ogm , sulla ricerca sugli esseri viventi , sul ruolo dei servizi pubblici ,sulla privacy ... sadefenza.trattato
Il trattato TTIP, imporrà ai consumatori e cittadini europei le "libertà" amate dagli americani, l’uso obbligatorio di sementi geneticamente modificate, il vitello all’estrogeno eccetera: chi si opporrà, potrà essere chiamato in giudizio per ostacolo al profitto capitalista. Attualmente, le trattative vengono condotte in segreto dalla Commissione Europea. Ai governi nazionali è vietato l’accesso alla documentazione relativa ai negoziati: non hanno il diritto di sapere di cosa tramano. www.contrelacour 
Come ci ricorda Mauro Miccolis su "Sbilanciamoci" potremmo mangiare carne agli ormoni , prodotti Ogm , importare carcasse di animali lavate con la varechina , consumare senza disporre delle denominazioni di origine ...
 LIBERALIZZAZIONE DEI SERVIZI : gli imprenditori europei gongolano dato il livello altamente protezionista degli USA nel settore dei servizi ( trasporti aerei e marittimi , poste ...) e negli appalti pubblici (aperti alle imprese europee soltanto per poco più del 30%) . Gli USA altresì pretendono protezione non discriminatoria (secondo loro) degli investimenti il che significa aggressione legale a tutto ciò che può essere oggetto di profitto : scuola , istruzione universitaria, ricerca , salute ,acqua ... Un'autostrada , tanto per intenderci , per sbarazzarsi di opinione e di protesta popolare , di referendum e di altri simili fastidiosi ostacoli che impediscano la riuscita di un ricco bottino (volevo dire profitto).sadefenza.trattato

 E' evidente che l'UE , non fa bene ai popoli ne alle nazioni, ma, è fatta ad uso e a  misura del capitalismo globale , che opprime e sfrutta i popoli, non gliene frega nulla della loro salute psicofisica o economica, a loro interessa avere delle marionette che consumano, si ammalano e pagano il conto che sia personale o pubblico.

Con tutte queste conoscenze , si comprende che il globalismo non è fatto per il benessere delle persone , ma al contrario è solo un bene per quel 1% delle élite private, multinazionali e finanza globale che che si preoccupano solo del loro profitto a danno dei popoli e delle nazioni.

Non ci sono alternative alle nazioni, la UE è solo una tribuna di imposizione delle Lobby globali dello sfruttamento e della morte, nel documento,  della UE prevede per il 2023 un impoverimento generale dell'area euro , sotto il 50% del benessere che sarà riscontrabile negli USAec.europa.eu/economy

Qual'è la strada d'uscita da questa situazione?

L'uscita dagli accordi e trattati UE vari firmati da politicanti del malaffare , ignoranti e ingordi di vile denaro, traditori del popolo , andrebbero denunciati alla corte internazionale per truffa aggravata e strage ai danni dei popoli da loro rappresentati illegalmente.

La soluzione allora qual'é?
 I Vincoli borsistici, valutari, e dell'esportazione dei capitali, il controllo democratico dell'esportazione dei capitali, è lo stato che deve valutare gli interessi nazionali non il privato o 1% , fare l'interesse del 99% che democraticamente lo mantiene in piedi e lo finanzia. 
Il libero scambio serve al più forte, mai  al più debole.
Abbiamo bisogno che lo stato torni a essere sovrano e a fare il suo lavoro di stato , con il controllo della moneta, la dogana, e la valuta...
..per il nostro bene (del 99%)  la nazionalizzazione delle banche più importanti la moneta nazionale la regolamentazione delle valute, delle dogane ecc .. per impedire che loro (1%) siano sempre più liberi di schiacciarci con l'import export fatto apposta con la deregulation per favorire i grossi business delle trust multinazionali  di altre parte a costi così bassi che  dilaniano la nostra non protetta situazione produttiva industriale e di conseguenza il  benessere comune.....La carenza di denaro, non esiste, ma sono stati indotti dalla continua propaganda a crederlo, perché le persone credono alle favole raccontate sia  sulla inflazione che a tutte la balle che i liberisti ti inculcano per non arrivare a capire qual'è il punto vero della diatriba.  sadefenza.che-fare
 BASTA COL FARE GLI INTERESSI ESCLUSIVI DELLE MULTINAZIONALI, DELLE ELITE PRIVATE MONDIALI E DEI BANKSTERS

LA LIBERTA'  DEI POPOLI E DELLE NAZIONI E' MESSA A REPENTAGLIO DALLO SFRUTTAMENTO CAPITALISTA.

RIBELLARSI A QUESTI MANIGOLDI POLITICANTI DEL MALAFFARE  E' UN DOVERE VERSO LE GENERAZIONI AVVENIRE, DARE FUTURO AI POPOLI E ALLE NAZIONI E' LA GIUSTA SOLUZIONE!





Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!