sabato 8 febbraio 2014

Siamo consapevoli che la situazione mondiale si muove ed evolve tramite l'intelligence dei vari servizi, in questo caso abbiamo le prove,  provate, del coinvolgimento dei servizi "occidentali" nel possibile false flag  ai giochi di Sochi, ci chiediamo chi sono, i mandanti e gli esecutori , da dove vengono come sono addestrati e finanziati... ?  
Al Qaida docet 
tradusiu de Sa Defenza


I Giochi Olimpici di Sochi e la minaccia di un attacco terroristico. Chi c'è dietro il terroristi del Caucaso?

Olimpiadi Sochi 2014  Putin Cerimonia d'apertura


Con Prof Michel Chossudovsky
Global Research, 6 febbraio 2014


Nelle settimane che hanno preceduto le Olimpiadi invernali di Sochi, i media occidentali ha rilasciato un dribbling di "relazioni di fiducia" esaminando "la possibilità" di un attacco terroristico all'altezza dei giochi olimpici.

Alla fine di gennaio, il governo britannico ha avvertito "di probabili attacchi terroristici in Russia (dopo l'attacco Volgograd a dicembre) e " che si possono verificare sia prima che durante le Olimpiadi invernali di Sochi ". (BBC, 27 gennaio 2014).

Come la torcia olimpica arriva a Sochi, la CNN ha subito pubblicato, i risultati di un "autorevole" sondaggio d'opinione (basata su un campione esiguo di 1000 persone): "il 57% degli americani pensa a un probabile attacco terroristico ai Giochi di Sochi"

Precedenti notizie focalizzate sulla misteriosa minaccia di un attacco terroristico in Russia detto della vedova nera "Black Widow" del terrorismo islamico proveniente dalla Cecenia
Secondo un cosiddetto "esperto di catastrofi" Dr Gordon Wooun attacco di Black Widow "è quasi certo che accada":
"A causa della storia che tra i russi e il popolo ceceno non corre buon sangue,  e che sono determinati a fare la secessione nel denominato Emirato del Caucaso, Sochi è un obiettivo primario per il terrorismo ceceno", ha detto Woo, che ha avanzato il  modello ipotetico, ed assicurato la catastrofe imminente, dovuto al rischio terrorismo. ( Business Times, UK )
I Giochi di Sochi si stanno svolgendo al culmine di una crisi mondiale segnata dal confronto tra Stati Uniti e Russia sullo scacchiere geopoliticoA sua volta, il movimento di protesta in corso in Ucraina ha un impatto sul controllo geopolitico della Russia del Mar Nero.

Quale sarebbe l'obiettivo politico di fondo di un attacco terroristico?
Sono questi resoconti dei media è inclinato  unicamente a creare un alone di paura e di incertezza per provocare imbarazzo politico nelle autorità russe?

Mentre la TV la rete e i tabloid hanno i loro occhi sulla ribadita  Black Widow, la questione fondamentale taciuta é: chi c'è dietro i terroristi del Caucaso.
Nessuna delle notizie è concentrata sulla questione fondamentale  che è la valutazione della minaccia terroristica.

Sia la storia di Al Qaeda così come i recenti sviluppi in Siria e Libia confermano inequivocabilmente che la rete di Al Qaeda è segretamente supportato dai servizi segreti occidentali.

Storia: Chi c'è dietro i terroristi ceceni?
Quali sono le origini storiche dei jihadisti ceceni, che ora presumibilmente minacciano i Giochi di Sochi? Chi c'è dietro di loro?

Nel 1990, dopo il crollo dell'Unione Sovietica, gli Stati Uniti dichiararono guerra segreta contro la Russia. L'obiettivo era quello di promuovere la secessione della Cecenia, una "regione autonoma rinnegata" della Federazione russa, al crocevia di percorsi strategici di oleodotti e gasdotti.

Leader jihadisti ai terroristi ceceni: “attaccate i giochi olimpici di Sochi”

Questa è stata una operazione di intelligence segreta. I principali capi dei ribelli ceceni, Shamil Basayev e Al Khattabsono stati addestrati e indottrinati in campi sponsorizzati dalla CIA in Afghanistan e Pakistan.

Le due principali formazioni jihadiste ceceniaffiliati ad Al Qaeda sono stati stimati in 35.000 uominiEssi sono stati supportati dall'intelligence militare pakistana (ISI) per conto della CIAil finanziamento è stato anche incanalata in Cecenia attraverso le missioni di wahabiti dell'Arabia Saudita.

L'ISI ha svolto un ruolo chiave nell'organizzare e addestrare l'esercito ribelle Ceceno:
"[Nel 1994] il pakistano Inter Services Intelligence ha organizzato che Basayev e i suoi fidati luogotenenti ricevessero un intensivo indottrinamento e formazione islamica e addestramento alla  guerriglia nella provincia Khost dell'Afghanistan presso il campo di Amir Muawia, istituito nei primi anni 1980 dalla CIA e ISI e gestito dal famoso signore della guerra afghano Gulbuddin Hekmatyar. 
Nel luglio 1994, dopo la laurea di Amir Muawia, Basayev è stato trasferito al campo Markaz-i-Dawar in Pakistan per essere addestrato in tecniche avanzate di guerriglia. In Pakistan, Basayev ha incontrato i più alti funzionari di rango pakistani militari e di intelligence (Levon Sevunts, "Chi sta chiamando i colpi? Conflitto ceceno trova radici islamiche in Afghanistan e Pakistan", The Gazette, Montreal, 26 ottobre, 1999.)
Dopo il suo addestramento e indottrinamento, Basayev è stato assegnato a guidare l'assalto contro le truppe federali russe nella prima guerra cecena nel 1995. (Vitaly Romanov and Viktor Yadukha, “Chechen Front Moves To Kosovo”, Segodnia, Moscow, 23 Feb 2000)

La geopolitica delle Olimpiadi invernali di Sochi
Le Olimpiadi di Sochi sono in una posizione strategica sul Mar Nero, al crocevia di oleodotti e gasdotti della Russia.

La domanda proibita (sia in Occidente, così come da parte del governo russo) per affrontare la possibilità di un attacco terroristico è: chi c'è dietro i terroristi?
Mentre gli Stati Uniti li sponsorizzano, i ribelli ceceni sono stati respinti nel 1990 dalle forze russe, varie formazioni affiliati di Al Qaeda, tra cui il "gruppo militante Emirato del Caucaso, Imarat Kavkaz (IK) - rimangono attive nella regione del Caucaso meridionale della Federazione russa (ad es. in Cecenia, Daghestan, Inguscezia e Abkhazia).

Entrambi i gruppi russi base di Al Qaeda, così come la rete più ampia di formazioni jihadiste in Medio Oriente, Asia Centrale e Balcani, usufruiscono della "attività di intelligence" della CIAe potrebbero essere utilizzati per innescare un evento terroristico  alle Olimpiadi di Sochi.

Inutile dire che Mosca è pienamente consapevole del fatto che Al Qaeda è uno strumento di intelligence occidentali. E Mosca è anche consapevole del fatto che gli Stati Uniti stanno segretamente sostenendo gruppi terroristici che minacciano la sicurezza dei Giochi Olimpici.

All'interno della struttura militare e di intelligence russo, questo è noto, documentato e discusso a porte chiuse. Tuttavia, allo stesso tempo, è una "verità proibita". E 'tabù parlarne in pubblico o sollevarlo a livello diplomatico. Washington sa che Mosca lo sa: "Io so che tu sai che io so".

Le questioni più fondamentali, che sia i media russi che occidentali non stanno affrontando per ovvi motivi le domande sottostanti:
  • Chi c'è dietro i terroristi del Caucaso?
  • Quali interessi geopolitici sarebbero serviti,  gli Stati Uniti suoi alleati stanno per decidere di attivare un evento di terrore "False Flag" prima o durante i Giochi Olimpici di Sochi?
Copyright © 2014 Global Research 



SERVIZIO DI SORVEGLIANZA AI GIOCHI DI SOCHI
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!