domenica 2 febbraio 2014

Il decreto IMU-Bankitalia regala miliardi (delle nostre riserve auree) alle banche e i media sorvolano sulla rapina

osservatorioglobale.




 

Media, giornali e partiti politici, questa volta sono tutti d’accordo nello stigmatizzare il comportamento in aula dei parlamentari M5S. La cosa ce la stanno ripetendo fino alla nausea. E quindi mi è sorta una domanda: se hanno tutto il sistema contro, forse hanno toccato il tasto giusto? (lungi da me il voler fiancheggiare il M5S)
Ed in effetti il tasto è molto dolente, si tratta delle banche e del regalo di diversi miliardi che stanno ricevendo dal nostro governo con il nuovo decreto legge.
Nel 1936 la Banca d’Italia aveva un capitale pari a 300milioni di lire; il nuovo decreto ha rivalutato tale capitale in 7,5miliardi di euro. Col tempo la Banca d’Italia (Bankitalia s.p.a.) è divenuto un soggetto le cui quote sono detenute per il 95% da istituti privati e dal 5% dall’INPS (istituto pubblico). Ad essere più precisi: Intesa San Paolo s.p.a. 42,4%, Unicredit s.p.a 22,1%, Generali assicurazioni s.p.a 6,6%, a seguire altri istituti privati.
Il nuovo decreto, pensato dal ministro dell’economia Saccomani (ex direttore generale della Banca d’Italia) prevede una furbata allucinante (leggasi criminale) che permette alle banche ed agli istituti assicurativi di rubare una parte delle nostre riserve auree per rimpinguare le casse delle banche. Tale decreto obbliga le banche a vendere le proprie quote fino a possederne un valore non superiore al 3%. Se le banche non dovessero trovare compratori, cosa probabilissima, sarà Bankitalia a ricomprare le quote. In che modo? Attingendo dalle riserve auree, un bene inalienabile il cui proprietario è il popolo italiano.
Per Intesa San Paolo si tratta di un incasso di 2,9miliardi al lordo delle tasse e per Unicredit 1,6miliardi (fonte La Repubblica lunedì 31/01/2014).
Tutto questo per rafforzare le banche che, con o senza crisi, trovano sempre il modo per derubare al popolo. Ma sia ben chiaro, sempre in maniera legale.
(A titolo informativo, l’Italia possiede 2452 tonnellate di lingotto di riserve auree pari ad un valore di 23miliardi di euro. Buona parte di queste non sono custodite a Roma in via Nazionale ma nella Federal Reserve a New York. Furono trasferite là durante la guerra fredda per timore di un’eventuale vincita elettorale comunista o invasione da parte dell’URSS e, quindi, per supportare un’eventuale governo italiano in esilio. Dal termine della guerra fredda non si è mai accennato ad un ipotetico ritorno in patria.)

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!