mercoledì 30 aprile 2014



La menzogna è una prassi usata con disinvoltura dai politicanti del malaffare italioti e dei loro servi in Sardinya; Abbiamo avuto modo di denunciare con altri articoli la produzione di morte di PCB e le correlate diossine di sintesi; 

Ci suona strano ad un primo impatto  sentire che queste sostanze cancerogene e teratogene sono scoperte dentro prodotti locali come il latte, a Terra Noa, prodotti di prima necessità, che sono veicolo di contaminazione delle nuove generazioni sarde, i suoi effetti  sulla salute umana sono paurosi.

Abbiamo fatto referendum per impedire che fossero portati nella nostra terra, con la scusa dell'occupazione e del lavoro , polveri cancerogene delle ferriere del nord Italia da lavorare nel Sulcis , in realtà per stoccarle in Sardinya, cosa che vogliono fare anche con le scorie nucleari.

Le lotte contro gli inceneritori sono nella nostra mente, ed anche gli effetti sull'immondezza bruciata a mille e più di gradi, il giusto elemento per la diffusione delle diossine prodotte nella combustione di PCB.

Ora scopriamo, di essere nella città di Seveso città inquinata da polveri di diossina il 10 luglio del 1976; così scopriamo che  invece di essere in uno dei posti più belli, puliti  e ambiti  vacanzieri al mondo, siamo a rischio salute, che tristezza; 

perché viviamo  in un luogo non più sicuro per i cittadini sardi e per i suoi visitatori? perché altamente inquinato e pericoloso per la salute, il tutto  a motivo  delle politiche del lavoro sostenute da sindacati e partiti, conniventi con il potere politico industriale e finanziario italiota a discapito della salute pubblica in Sardinya.

Ci si augura , che la magistratura , indaghi ed individui le responsabilità aziendali, politiche e sindacali, e imponga al pagamento del danno ed alla bonifica dei tutta l'area inquinata, sequestrando in primis gli inceneritori causa di questo danno.

Sa Defenza



Sardinya:  altro pericolo per la salute umana e non, nel Sulcis latte al piombo e alla diossina.

Latte di capra alla diossina
Antonella Pani
unionesarda


Dopo il latte di pecora al piombo, ecco il latte di capra alla diossina. A Portoscuso l'emergenza ambientale è ai massimi livelli: i controlli della Asl hanno messo in rilievo concentrazioni di diossina, furani e Pcb superiori ai limiti di legge in un'azienda agricola di Terra Noa, la settima a vedere vanificato il proprio reddito per parametri fuori controllo di sostanze inquinanti. 

Subito è scattata la comunicazione dell'Asl all'allevamento in questione e alla società presso cui veniva conferito il latte, per mettere al sicuro la catena alimentare. Una prassi ormai nota da queste parti: nell'ultimo mese sono state già sei le aziende agricole costrette a distruggere il latte dopo averlo munto, smaltendolo nel depuratore consortile di Portoscuso. 

DIOSSINA 
In tutti i casi già noti, a essere oltre i limiti di legge era il piombo. Nell'ultimo, il settimo, su cui il sindaco Giorgio Alimonda è intervenuto con un'ordinanza di distruzione e smaltimento del latte contaminato dopo le analisi Asl, non si tratta di concentrazione eccessiva di piombo bensì di diossina, un esordio assoluto da queste parti. Una sostanza che finora non era comparsa tra quelle rilevate dai campionamenti e dai controlli vari. 
Molti metalli pesanti, fluoro e altre sostanze inquinanti erano venuti alla luce durante tutte le verifiche effettuate negli ultimi anni a Portoscuso, ma diossina mai. E infatti nei laboratori dell'Istituto zooprofilattico di Sassari, dove sono state eseguite le analisi, più e più volte sono stati ripetuti gli esami, proprio per avere la certezza assoluta che a Portoscuso fosse presente la diossina. E alla fine è arrivata la conferma.

COMUNE 
Una notizia che complica ancora di più il quadro ambientale sul territorio comunale, già compromesso e delicato. «È il primo caso del genere», commenta il sindaco Giorgio Alimonda, «bisognerà capire l'origine di questa sostanza. I monitoraggi continuano perché una delle priorità in questo momento è tutelare la catena alimentare. Ovviamente pensiamo anche agli allevatori colpiti da questi provvedimenti, che hanno subito e continuano a subire un grosso danno, visto che il loro reddito è praticamente scomparso». La presenza della diossina è una nuova, grossa, emergenza da affrontare che aggiunge un problema al già compromesso quadro ambientale di Portoscuso

TASK FORCE 
Lunedì i vertici di Asl e Comune hanno incontrato l'assessore alla Sanità Luigi Arru per affrontare l'emergenza inquinamento. La Regione si è impegnata a istituire una task force, coinvolgendo anche l'assessorato dell'Agricoltura per gestire l'emergenza, dal punto di vista sanitario, ambientale e, non ultimo, per provare a dare una tutela economica agli agricoltori colpiti dai provvedimenti. «Abbiamo chiesto che ci possano essere indennizzi per questi allevatori - dice il sindaco - l'assessore ci ha detto che verificheranno le misure da adottare, speriamo in tempi brevi perché nel frattempo le aziende interessate non hanno più un reddito». 

UVA AL PIOMBO 
Anche ieri c'è stato un incontro in Regione, su un altro tema scottante, quello dell'uva al piombo. Un gruppo di viticoltori ha incontrato i tecnici dell'assessorato all'Agricoltura per chiarire gli aspetti di questo caso controverso: da anni le cantine non accettano l'uva coltivata a Portoscuso, con danni enormi per quei pochi viticoltori che resistono. Fronti diversi, allevamento e agricoltura, ma con un unico comune denominatore di difficoltà dovuto all'inquinamento ambientale. Proprio nei giorni scorsi, durante un incontro con gli amministratori comunali a Portoscuso, Coldiretti aveva lanciato l'allarme, sottolineando la necessità di difendere le aziende agricole. Ora, dopo l'allarme piombo scatta l'allarme diossina: un'emergenza ambientale che potrebbe allargarsi ancora. 



Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!