lunedì 12 maggio 2014

Scoperto il collegamento tra il vaccino antipolio e tumori infantili sono esposte in un documentario del 1997
 naturalnews
tradusiu de Sa Defenza




Lo sviluppo del primo vaccino per la polio del 1950 è ancora glorificato dai media mainstream come una delle più importanti innovazioni di sanità pubblica della storia. 

Ma un meno noto documentario andato in onda sulla rete delle news canadesi CBC nel 1997, racconta una storia molto diversa  sulla sicurezza e l'efficacia del vaccino antipolio, compresa la sua nota infezione  con un virus di scimmia che causa il cancro e la morte. 


Presentato su YouTube dal National Vaccine Information Center (NVIC), il documentario, che va in onda su della rete Current Affairs: Beyond the Headlines è programma una serie per la quinta estate , indaga la storia di come sono stati fatti i primi vaccini antipolio

Attribuito principalmente a Jonas Salk, lo sviluppo del vaccino contro la poliomielite, ha coinvolto e infettato  scimmie rhesus   con l'estrazione di siero dai reni al fine di produrre il vaccino. 

Sembra semplice, giusto? Fatta eccezione per il fatto che molte delle scimmie da cui è stato estratto  il tessuto sono  infettate da un virus mortale che finisce per essere ospitato dall'uomo vaccinato infettandolo. 

Il virus principale che  preoccupa, i ricercatori, è noto con il nome SV40, perché a seguito di studi, si è rivelato ed associato come  la causa del cancro al cervello. Anche se si pensava,  precedentemente, che il virus fosse  solo motivo di infezione per le scimmie; si è invece scoperto e stabilito  che il virus SV40 si è installato in  milioni di persone a cui è stato iniettato  il vaccino antipolio. 

"Si credeva che solo le scimmie si infettassero con l'SV40,  per poi scoprire più tardi, che invece, infettava  gli esseri umani in qualsiasi circostanza, figuriamoci poi se associata a tumori ", ha spiegato il dottor Daniel Bergsagel, MD, un oncologo pediatrico Canadese che aveva  in cura dei bambini ammalati di cancro, presso la città di Atlanta, al momento in cui è stato girato il documentario. 


Il Dr. Bergsagel ed i suoi colleghi hanno fatto la scoperta accidentalmente che l'SV40 era presente in campioni di tumore prelevati da bambini malati.Si è visto, che decine di virus delle scimmie erano presenti nei primi vaccini antipolio somministrati durante le campagne di vaccinazione di massa che hanno avuto luogo attorno agli anni 1950 e 1960.
La cosa peggiore è che coloro che lavoravano sui vaccini, compresi Jonas Salk e il suo collega Albert Sabin,  sapevano che le scimmie da cui sono stati producendo vaccini erano pesantemente contaminate. 


"La migliore stima che possiamo fare oggi in questo momento è che non c'era meno di 26 diversi virus  in quei preparati dalle scimmie  ", ha aggiunto il dottor Howard B. Urnevitz, un microbiologo (microbiologist and vaccinologist from California), che ha a lungo ha studiato il processo con cui i vaccini sono stati fatti, ha affermato durante una intervista  alla CBC. (Le infezioni contenute nei vaccini dice:)"Essi variavano da lotto a lotto , da paese a paese, ma era chiaro che queste scimmie erano fortemente contaminate - e constata che ci sarebbe stata solo una scimmia malata - ma essendo messa in una gabbia con altre scimmie si sarebbero infettate a vicenda,  il loro reni sono stati rimossi e con essi anche tutti questi virus . "

SV40 provoca il cancro nei test sui criceti di laboratorio, gli studi dimostrano grandi rischi per i mammiferi

Quanto alle domande circa la sicurezza di SV40 nei vaccini antipolio ha prodotto una più diffusa attenzione, il governo del Canada ha elaborato un piano per testare una versione orale del vaccino , che contiene anche SV40, sugli esseri umani. 
Non molto tempo dopo, prove su criceti di laboratorio hanno rivelato che l'SV40 ,  influenza i mammiferi, una scoperta che non si è mai dimostrata falsa. "E 'stato il primo caso di sapevamo che un virus delle scimmie provoca il cancro in un roditore", ha spiegato il Dr. Benjamin Sweet, scienziato in pensione che in quel tempo, con l'aiuto dei suoi colleghi, ha fatto il collegamento tra SV40 e cancro; 

è possibile vedere tutto il documentario in tre parti  su YouTube visitando il seguente link: 
OldThinkerNews.com . 


Fonti a questo articolo


http://www.oldthinkernews.com

http://nyvic.org

http://www.whale.to

http://science.naturalnews.com

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte SaDefenza e l’autore della traduzione Vàturu  


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!