domenica 25 maggio 2014


I rifugiati siriani cristiani chiedono al Papa di aiutarli a tornare a casa


al vicario apostolico di Aleppo, monsignor Giuseppe Nazzaro chiediamo è esagerato dire che la guerra in Siria è stata causata dall’Occidente? No, perché l’Occidente ha interessi economici enormi. Fornire le armi a un popolo in rivolta è come dire: autodistruggetevi pure, poi verremo noi a ricostruire tutto, dietro adeguato compenso.




Daniel Mabsout
tradusiu de Mihaela Bruja
editing de Sa Defenza

 Il Papa è atteso per visitare la Siria che ha un disperato bisogno di pace", ha detto Norma, da Maaloula.

Rifugiati siriani cristiani in Giordania, potrebbero godersi la visita del Papa e chiedere aiuto a lo esortano, a portare la pace nel loro paese devastato da anni di guerra.

Sabato, Papa Francesco incontra i rifugiati siriani in Giordania, prima tappa del suo viaggio in Terra Santa, dove sarà accolto da circa 600.000 persone, che hanno dovuto abbandonare le loro case.

I rifugiati siriani cristiani in Giordania, potrebbero godersi la visita del Papa e chiedergli aiuto e lo esortano, a portare la pace nel loro paese devastato da anni di guerra.

Sabato, Papa Francesco incontra i rifugiati siriani in Giordania, prima tappa del suo viaggio in Terra Santa, dove sarà accolto da circa 600.000 persone, che hanno dovuto abbandonare le loro case.
 
 "Il Papa è atteso per la visita della Siria che ha un disperato bisogno di pace", ha detto Norma , da Maaloula, una volta un importante luogo di pellegrinaggio cristiano, coinvolti nel conflitto a causa della sua posizione strategica su un percorso tra Damasco in Libano.
(Per la cronaca: le armi tacciono, ma ancora non c'è un'anima a  Maaloula).
"Deve vedere la situazione dei cristiani in Siria. Deve capire quello che il terrorismo ha fatto loro e al loro patrimonio", dice questa donna di 30 anni, con le lacrime negli occhiali scuri.

I cristiani costituiscono circa il 10% della popolazione siriana, e tutti loro sostengono il presidente Bashar al-Assad, per paura dell'islamismo estremista sostenuto dai gruppi ribelli.

"Sotto il regime di Bashar al-Assad e suo padre Hafez al-Assad, non c'era sangue, distruzione o esodo per la popolazione", ha aggiunto la giovane donna che fuggì a Maaloula nel mese di settembre.
"Ora i cristiani siriani sono in pericolo", aggiunge.

Nel mese di settembre, il Patriarca siriano della Chiesa cattolica melchita,Grégoire III Laham ha  stimato in 450.000 il numero di siriani cristiani fuggiti a causa del conflitto che dura da più di tre anni.

"Persecuzione religiosa : vogliamo che il Papa richiami l'attenzione sulla sofferenza e agonia dei siriani", ha detto Roula Hajjar, un cristiano di 26 anni che ha lasciato Aleppo nel nord della Siria, da piu di sette mesi.

I cristiani giordani, cattolici ed ortodossi, si rappresentano in circa 250.000 persone, su un totale di sette milioni di abitanti. La visita del Papa darà al Regno, l'immagine di un'oasi di pace in una regione segnata da "sangue, guerre e repressione religiosa", ha detto il primo ministro giordano Abdullah Nsour.
"La visita del Papa sarà un sostegno per i cristiani in tutta la regione", ha detto il padre Rifat Bader, il portavoce di CEO (Centro Studi Cattolico) per la visita di Papa in Giordania. "I cristiani della regione sono minacciati dai tempi della guerra in Iraq nel 2003," dice, sostenendo che "due milioni di cristiani hanno lasciato il Medio Oriente" negli ultimi 10 anni in fuga da "violenze e persecuzioni religiose ".

Il Papa "non fa abbastanza" .............
Durante la sua breve visita in Giordania, il Papa Francesco incontrerà  re Abdullah II, e celebrerà la messa nello stadio principale della capitale, prima di recarsi a Wadi al-Kharrar o Betània, nella Valle del Giordano, noto come è il sito del battesimo di Gesù Cristo.

"I cristiani siriani sono indifesi. Hanno dovuto abbandonare il loro paese che amano, a causa del terrorismo dilagante", ha detto Samer, dalla Siria nord-orientale, che ospiterà il Papa nello stadio con altri giovani.
"Speriamo che ascolti il nostro messaggio" per la pace in Siria, spiega Aleppine Jaber, 32 anni, che si sta preparando per andare in Francia e raggiungere i suoi fratelli.

Ma alcuni sono ancora più critici nel dire che il Papa non sta facendo abbastanza per i cristiani.
"Il Papa e il leader religiosi per i cristiani (...) e non sta facendo abbastanza per difendere i loro diritti e proteggerli," ha detto il giudice Nadi Daoud, 59 anni, che era un ristoratore copto egiziano in Siria, e aspetta adesso davanti ad una chiesa di Amman per ricevere una elemosina di beneficenza.
"Devono esercitare pressioni per fermare ciò che sta accadendo in Siria. Vogliamo noi i cristiani, vivere in pace", aggiunge.

Rifugiati siriani cristiani in Giordania, potrebbero godersi la visita del Papa e chiedere aiuto e lo esortano, a portare la pace nel loro paese devastato da anni di guerra.
"Devono esercitare pressioni per fermare ciò che sta accadendo in Siria.  Noi i cristiani vogliamo , vivere in pace", aggiunge.


Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte sadefenza e l'autore della traduzione
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!