martedì 29 luglio 2014

ISRAELE. STATO EBRAICO IN ESPANSIONE ? ANNESSIONE DI GAZA ED ESPULSIONE DEL POPOLO PALESTINESE VERSO L'EGITTO E LA GIORDANIA ?

 A. Boassa





Le "Forze di difesa israeliane"(così si chiamano e mica squadroni della morte) , dopo una interminabile serie di bombardamenti , dichiarano inabitabile il 44% delle terre di Gaza che potrebbero così essere annesse immediatamente , ripulite , bonificate e poi affidate a volenterosi coloni sionisti mentre il numero degli espulsi Palestinesi supera abbondantemente le 150.000 unità .
 E naturalmente questa come prima tappa . 
Il problema palestinese va risolto in modo drastico . Con l'occupazione di tutta la striscia e la deportazione di massa degli abitanti Come un tempo i pellerossa , potranno rimanere coloro che accetteranno il dominio dello stato sionista e di buon grado cancelleranno la loro identità culturale e con essa la memoria storica.

Il Sinai è il luogo che i sionisti prediligono per la deportazione in quanto sarà militarizzato a dovere dall'esercito egiziano grazie ai generosi contributi che vengono dagli States proprio per venire incontro al progetto di Netanyahu e soci.

E quindi ben controllati quelli che non sottostaranno al "disegno divino " che tra l'altro richiede un ulteriore espansione verso il Libano ,la Siria ,la Giordania.

Tenendo poi conto del buon esito dato dalla veloce e gloriosa avanzata dell'EIIL (ora EI) ,della disgregazione dell'Iraq e della nascita del Califfato islamico , Israele può far affidamento ad una vasta area amica che isola il temuto Iran e crea un ponte ideale con il Kurdistan ricco di petrolio e sopratutto subordinato all'accoppiata Usa/Israele


Alla smania belligerante dei nuovi "Unni" si deve(naturalmente in collaborazione con il loro principale socio d'affari ) la nascita del Sud Sudan terminale ideale per saldare gli ideali di dominio nel Nord Africa e anche per piazzare basi missilistiche in direzione Egitto , alleato non affidabile .

Ma per ritornare al "problema Palestina" c'è da dire che non sarà semplice che vada nella direzione voluta dallo stato ebraico . 



La terza intifada è già iniziata e a dispetto dei Mentana , di Rai news, di Repubblica ... non è solo Hamas che combatte ma numerosi gruppi armati e con essi tanti giovani che a Gaza come in Cisgiordania stanno sfidando la strapotenza militare di Israele

Senza dimenticare le lacerazioni che si stanno creando in Israele per la criminale operazione di "difesa"... e i movimenti che in Occidente lavorano quotidianamente per il sabotaggio della politica sionista...


...dichiarano inabitabile il 44% delle terre di Gaza che potrebbero così essere annesse immediatamente. 

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!