giovedì 17 luglio 2014

PERCHE' TANTA COMPLICITA' INTERNAZIONALE POLITICA E CULTURALE DEI CRIMINI DELLO STATO ISRAELIANO
post terzo
A. Boassa
Come prevenire scontri nell'operazione militare "Shu'afat" contro Gaza..

Come erano"illegali" i pellirossa per i bianchi coloni che arrivavano nell'ottocento dall'altra parte dell'oceano così oggi appaiono usurpatori i Palestinesi per l'ideologia sionista in quanto occupano "abusivamente" terre che non gli appartengono. Infatti sia i pellerossa sia i Palestinesi non rispettano la volontà di Dio che ha concesso quelle terre ad una razza degna e superiore .

In effetti , non detto ma implicito , "noi" abbiamo una enorme superiorità militare ed in base a questa ci prendiamo le terre ed eliminiamo coloro che si oppongono o che non si sottomettono . Spetterà al grande conquistatore d'Oriente W. G. Bush chiarire a tutto il mondo occidentale "troppo perbenista" che chi ha la superiorità militare ha il diritto-dovere di imporre il proprio arbitrio a chi si oppone e (non è detto ma è implicito) ai propri vassalli (vedi Ue e Giappone)
La teoria della "giustezza della forza bruta perché morale" non sarebbe stata accolta dal "mondo occidentale" se essa non fosse nient'altro che la punta di diamante dell'ideologia capitalistica che nell'attuale fase di decadenza produttiva e morale necessita di venire allo scoperto in tutta la sua brutalità che , più o meno mascherata , si è sempre espressa contro il lavoro salariale ,contro il benessere sociale , contro i diritti più elementari della popolazione, contro l'aspirazione dei popoli alla pace .

Se una così becera teorizzazione è sufficiente per trarre a sé vassalli , valvassori , valvassini e maggiordomi , soddisfatti di essere a corte , ci vuole per le grandi masse una comunicazione più sofisticata e più subdola .

Il potere , qualsiasi potere , per vincere sul campo ha bisogno di conquistare la mente , di rendere credibile e giusta la sua lotta , di individuare obiettivi che mirino ad assicurare benessere e pace . E tanto più il potere si baserà sull'arbitrio si avvarrà di un fronte articolato di strumenti che sappiano dare ragione delle operazioni messe in atto . 
Ai giorni nostri tutto può far "brodo". Non solo giornali ,televisione ,internet , libri ,cinema ,"documentazioni scientifiche". Anche sport , gossip , pubblicità , concorsi di bellezza , festival letterari ...E un ruolo fondamentale dovrà essere assolto dagli opinion makers (vedi Saviano , Fazio ...)

E nessuno creda di sapersi difendere tranquillamente dall'industria dello spettacolo del falso . Giorgio Agamben , filosofo di grande prestigio , che aveva saputo smascherare la messinscena del genocidio di Timisoara del 1989 ricostruito come un set cinematografico con cadaveri dissepolti o strappati dai tavoli obitori e poi orribilmente sfregiati , quando avvenne il bombardamento del mercato di Serajevo ci cascò come un novellino e tuonò contro i Serbi


Ma ci vide bene per Timisoara "l'Auschwitz della società dello spettacolo" ,l'empio teatro che ha costruito lo spazio ideologico per la falsificazioni successive .

Ma per la Palestina più che le falsificazioni (vedi i tre giovani israeliani assassinati da loro connazionali o dal Mossad) più importanti sono risultati  
1) il non dire ( piloti italiani ,armi italiane , ingenti finanziamenti Usa , boicottaggio contro i Palestinesi all'Onu , aggressioni parlamentari e mediatiche contro chi osava solo porre qualche problema ...)  
2) omissione degli esiti più cruenti della "guerra"(bambini colpiti non a caso , sperimentazione di armi che infliggono lacerazioni non più guaribili ...)  
3) ricorso continuo , per giustificare immagini che non è stato possibile censurare , al mito del paese accerchiato costretto a difendersi per cui non di aggressione si tratta ma di risposta ai "micidiali" razzi lanciati da Hamas .

E la Palestina , che del tutto isolata a livello internazionale ( vedi le manifestazioni di massa , le petizioni , il boicotaggio ... ) non è , resiste.

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!