domenica 20 luglio 2014


Thierry Meyssan
English version of
Mihaela Bruja
editau de Sa Defenza

.......(a very interesting analysis)

After three years of war against Syria, the "West" have deliberately extended their offensive against Iraq and then to Palestine. Behind the apparent contradictions between political parties, religious and lay solid economic interests explain this strategy. In the Levant, numerous groups have changed several times the field, but the gas fields are always the same.
Since every war is waged by a coalition, it is natural that it has multiple objectives, so as to meet the specific interests of each member of the coalition.
From this point of view, the fighting now raging in Palestine, Syria and Iraq have in common the fact of being led by a block formed by the United States against the peoples that are resistant to them, the fact of pursuing the restructuring plan of the "Broader Middle East" (Greater Middle East), as well as the fact to change the global energy market.
About this last point, two things can change: the gas pipeline route and the exploitation of new deposits.

The war for the control of pipelines in Iraq

Since the beginning of the war against Syria, NATO seeks to cut the line Tehran-Damascus (NIORDC, INPC) for the benefit of the paths that allow to carry on the Syrian coast and the gas from Qatar (Exxon-Mobil), and that of 'Saudi Arabia (Aramco).
A decisive step in this direction was taken with the offensive in Iraq, the Islamic Emirate, which has the country divided longitudinally and separated Iran on one side and Syria, Lebanon and Palestine on the other.
This objective visible determines who will sell its gas to Europe and, depending on the extent of the supply, the price at which you can sell it. This is enough to explain why the three major gas exporters (Russia, Iran and Qatar) are involved in this war.

The war of conquest of the Syrian gas

NATO has added a second goal: the control of gas reserves in the Levant and their exploitation. If all known for decades that the Southern Mediterranean contains vast deposits of gas in the territorial waters of Egypt, Israel, Palestine, Lebanon, Syria, Turkey and Cyprus, only the "West" since 2003 knew how these deposits were distributed and how were extended under the continent.
As revealed by Professor Imad Fawzi Shueibi . At the time, a Norwegian company, Ansis, legally conducted in Syria a survey of the country, in collaboration with the national oil company. Ansis has also worked with another Norwegian company, Sagex. Both have a corrupt intelligence officer, secretly conducted research in three directions and have discovered the incredible extent of the Syrian reservation. They are more important than those of Qatar.
Subsequently, Ansis was acquired by Veritas SSGT, a Franco-American company based in London. The data were immediately revealed to the French, American, British and Israeli, who soon ended their alliance to destroy Syria and steal its gas.
After transferring, in 2010, France and the United Kingdom, the task of re-colonize Syria, the United States has created a coalition called "Friends of Syria". It convened a "Working Group on economic reconstruction and development," which met in May 2012 in the United Arab Emirates, under the German Presidency.
Sixty countries were divided on that occasion cake that had not yet conquered. Naturally, most of the participants ignored the discoveries Ansis and Sagex. The Syrian National Council was represented in the working group, Osama al-Kadi, already responsible for the implementation of military strategy in the energy market at the British Gas.
Only in the summer of 2013, the Syrian government has been informed of the findings of Ansis and SOGEX, including the way in which Washington was able to compose the coalition that sought to destroy the country. Since that time, President Bashar al-Assad has signed contracts with Russian companies for the future exploitation of mineral deposits.

The gas in Israel, Palestine and Lebanon

For its part, the British Gas explored deposits Palestinians, but Israel was opposed to their exploitation fearing that serve the proceeds to buy weapons.
In July 2007, Tony Blair, the new special envoy of the Quartet (UN, EU, Russia, the United States), negotiated an agreement between Palestinians and Israelis that allowed to exploit the deposits Marine-1 and Gaza Marine-2. The prime minister of the Palestinian Authority, Salam Fayyad, agreed that British Gas would pay the royalties owed to the Palestinian Authority to a bank account controlled by London and Washington, ensuring that this money was used for economic development.
At the time, the former chief of staff of the Israeli army, General Moshe Ya'alon, published a sensational speech on the website of the Jerusalem Center for Public Affairs, in which he observed that this agreement did not resolve the problem, because in ultimately Hamas would still tap a portion of that money as long as he remained in power in Gaza. He concluded that the only way to make sure this does not manna financed the resistance was to launch a "global military operation to uproot Hamas from Gaza."
In October 2010, things are further complicated by the discovery, by Noble Energy Inc., a mega-gas field offshore Leviathan, in Israeli territorial waters and Lebanese deposit to be added to the discovered by British Gas in 2001, Tamar.
Lebanon, at the suggestion of Hezbollah, he immediately engaged the United Nations and asserted his rights of exploitation. However, Israel has started extracting gas from these reserves ignoring common objections Lebanese.

The war for the Palestinian gas

The current Israeli offensive in Gaza responds to different objectives. First, the Mossad has organized the announcement of the kidnapping and death of three young Israelis to prevent the Knesset to enact a law that prohibits the release of "terrorists." Then, the current defense minister, Gen. Moshe Ya'alon, he used the pretext of the abduction to launch an offensive against Hamas, applying its own analysis in 2007.
The new Egyptian president, General Abdel Fattah al-Sisi, was hired as a consultant Tony Blair, however, shall resign from his position as representative of the Quartet. In line with the defense of the interests of British Gas, then suggested a "peace initiative" totally unacceptable to the Palestinians, who have in fact declined, while Israel has accepted it. This move is clearly intended to provide an opportunity for the IDF to continue its offensive to "uproot Hamas from Gaza." It is not irrelevant that Tony Blair, for this work, is not remunerated from Egypt, but the United Arab Emirates.
As always, Iran and Syria have supported the Palestinian Resistance (Hamas and Islamic Jihad). So they have also been shown to Tel Aviv to have the ability to hurt him in Palestine as much as it has done to them in Iraq with the intrusion of the Islamic Emirate and the Barzani clan.
Only by reading the events in key energy enables to understand them. Why is not politically in Israel's interest to destroy quell'Hamas that it has itself helped to create to resize Al-Fatah. Nor is it in the interest of Syria to help him resist, since it is allied with NATO and has sent jihadists to fight against the country. The time of the "Arab Spring", which was to bring to power the Muslim Brotherhood (of which Hamas is the Palestinian branch) in all Arab countries, has passed. Ultimately Anglo-Saxon imperialism is increasingly driven by economic ambitions in defiance of logic that requires local policies. The split that characterizes a stable Arab world is not between secular and religious parties, but between the resistant and Collaborators imperialism.
(by Thierry Meyssan)

Traduzione di Luisa Martini

Dopo tre anni di guerra contro la Siria, gli "Occidentali" hanno deliberatamente esteso la loro offensiva all'Iraq e poi alla Palestina. Dietro le apparenti contraddizioni politiche tra partiti religiosi e laici, solidi interessi economici spiegano questa strategia. Nel Levante, numerosi gruppi hanno cambiato più volte campo, ma i giacimenti di gas sono sempre quelli.Poiché ogni guerra è intrapresa da una coalizione, è naturale che essa abbia molteplici obiettivi, in modo da soddisfare gli interessi specifici di ciascun membro della coalizione.
Da questo punto di vista, i combattimenti che ora infuriano in Palestina, in Siria e in Iraq hanno in comune il fatto di essere guidati da un blocco formato dagli Stati Uniti contro i popoli che a loro resistono, il fatto di perseguire il piano di ristrutturazione del "Medio Oriente Allargato" (Greater Middle East), nonché il fatto di modificare il mercato globale dell'energia.

A proposito di questo ultimo punto, due cose possono cambiare: il tracciato dei gasdotti e lo sfruttamento di nuovi giacimenti.

La guerra di controllo delle condutture in Iraq

Dall'inizio della guerra contro la Siria, la NATO cerca di tagliare la linea Teheran-Damasco (NIORDC, INPC) a beneficio dei percorsi che permettano di trasportare sulla costa siriana sia il gas del Qatar (Exxon-Mobil), sia quello dell'Arabia Saudita (Aramco).
Un passo decisivo in tal senso è stato compiuto con l'offensiva in Iraq dell'Emirato islamico, che ha diviso longitudinalmente il Paese e ha separato l'Iran da una parte e Siria, Libano e Palestina dall'altra.

Questo obiettivo visibile determina chi venderà il proprio gas in Europa e, a seconda dell'entità della fornitura, a quale prezzo potrà venderlo. Questo basta a spiegare come mai i tre principali esportatori di gas (Russia, Qatar e Iran) siano coinvolti in questa guerra.

La guerra di conquista del gas siriano

La NATO ha aggiunto un secondo obiettivo: il controllo delle riserve di gas del Levante e il loro sfruttamento. Se tutti sanno da decenni che il Mediterraneo meridionale contiene vasti giacimenti di gas nelle acque territoriali di Egitto, Israele, Palestina, Libano, Siria, Turchia e Cipro, soltanto gli "Occidentali" sapevano fin dal 2003 in che modo questi giacimenti erano distribuiti e come si prolungavano sotto il continente.

Come ha rivelato il professor Imad Fawzi Shueibi , all'epoca, una società norvegese, Ansis, ha legalmente condotto in Siria un sondaggio del Paese, in collaborazione con la compagnia petrolifera nazionale. Ansis ha lavorato anche con un'altra società norvegese, Sagex. Entrambe hanno corrotto un funzionario dell'intelligence, hanno condotto segretamente ricerche in tre direzioni e hanno scoperto l'incredibile estensione delle riserve siriane. Sono più importanti di quelle del Qatar.

Successivamente, Ansis è stata acquisita da Veritas SSGT, una società franco-statunitense con sede a Londra. I dati sono stati immediatamente rivelati al governi francese, statunitense, britannico e israeliano, che hanno ben presto concluso la loro alleanza per distruggere la Siria e rubare il suo gas.

Dopo aver affidato, nel 2010, alla Francia e al Regno Unito il compito di ricolonizzare la Siria, gli Stati Uniti hanno creato una coalizione denominata «Amici della Siria». Essa convocò un «Gruppo di lavoro sulla ricostruzione economica e lo sviluppo» riunitosi nel maggio 2012 negli Emirati Arabi Uniti, sotto la presidenza tedesca.

Una sessantina di Paesi si sono di
visi in quell'occasione la torta che non avevano ancora conquistato. Naturalmente, la maggior parte dei partecipanti ignorava le scoperte di Ansis e Sagex. Il Consiglio nazionale siriano era rappresentato, in quel gruppo di lavoro, da Osama al-Kadi, già responsabile dell'applicazione di strategie militari nel mercato dell'energia presso la British Gas.

Soltanto nell'estate 2013 il governo siriano è stato informato delle scoperte di Ansis e Sogex, compreso anche il modo in cui Washington era riuscita a comporre la coalizione che tentava di distruggere il Paese. Da quel momento, il presidente Bashar al-Assad ha firmato contratti con società russe per il futuro sfruttamento dei giacimenti.

Il gas in Israele, in Palestina e nel Libano

Da parte sua, la British Gas esplorava i giacimenti palestinesi, ma Israele si opponeva al loro sfruttamento temendo che i proventi servissero per acquistare armi.

Nel luglio 2007 Tony Blair, nuovo inviato speciale del Quartetto (ONU, Unione Europea, Russia, Stati Uniti), negoziò tra Palestinesi e Israeliani un accordo che permetteva di sfruttare i giacimenti Marine-1 e Marine-2 a Gaza. Il primo ministro dell'Autorità palestinese, Salam Fayyad, accettò che la British Gas pagasse le royalties dovute all'Autorità palestinese su un conto bancario controllato da Londra e da Washington, a garanzia che questo denaro fosse utilizzato per lo sviluppo economico.

All'epoca, l'ex capo di stato maggiore dell'esercito israeliano, il generale Moshe Ya'alon, pubblicò un intervento clamoroso sul sito web del Jerusalem Center for Public Affairs, in cui osservava che questo accordo non risolveva il problema, perché in ultima analisi ad Hamas sarebbe comunque toccata una parte di quel denaro finché fosse rimasto al potere a Gaza. Concludeva che l'unico modo per assicurarsi che questa manna non finanziasse la Resistenza era di lanciare una «operazione militare globale per sradicare Hamas da Gaza».

Nell'ottobre 2010 le cose si sono ulteriormente complicate con la scoperta, da parte della Noble Energy Inc., di un mega-giacimento di gas off- shore, il Leviathan, in acque territoriali israeliane e libanesi, giacimento che va ad aggiungersi a quello scoperto da British Gas nel 2001, Tamar.

Il Libano, dietro suggerimento di Hezbollah, ha immediatamente coinvolto le Nazioni Unite e fatto valere i suoi diritti di sfruttamento. Tuttavia, Israele ha iniziato l'estrazione di gas da queste riserve comuni ignorando le obiezioni libanesi.

La guerra per il gas palestinese

L'attuale offensiva israeliana in corso a Gaza risponde a diversi obiettivi. In primo luogo, il Mossad ha organizzato l'annuncio del rapimento e della morte di tre giovani israeliani in modo da impedire alla Knesset di adottare una legge che proibisca di liberare dei "terroristi" . Poi, l'attuale ministro della Difesa, il generale Moshe Ya'alon, ha usato il pretesto del rapimento per lanciare un'offensiva contro Hamas, applicando proprio la sua analisi del 2007.

Il nuovo presidente egiziano, il generale Abdel Fattah al-Sisi, ha ingaggiato come consulente Tony Blair, senza tuttavia che questi si dimettesse dalla sua posizione di rappresentante del Quartetto. In linea con la difesa degli interessi di British Gas, ha poi suggerito una "iniziativa di pace" totalmente inaccettabile per i Palestinesi, che infatti hanno rifiutato, mentre Israele l'ha accettata. Questa mossa mira chiaramente a fornire l'occasione a Tsahal di continuare la sua offensiva per «sradicare Hamas da Gaza». Non è irrilevante il fatto che Tony Blair, per questo lavoro, non sia remunerato dall'Egitto, ma dagli Emirati Arabi Uniti.

Come sempre, l'Iran e la Siria hanno sostenuto la Resistenza palestinese (Jihad islamica e Hamas). Così hanno anche mostrato a Tel Aviv di avere la capacità di fargli male in Palestina tanto quanto esso ne ha fatto a loro in Iraq con l'intromissione dell'Emirato Islamico e del clan dei Barzani.

Soltanto la lettura degli avvenimenti in chiave energetica permette di comprenderli. Perché non è politicamente nell'interesse di Israele distruggere quell'Hamas che esso stesso ha contribuito a creare per ridimensionare Al-Fatah. Non è nemmeno nell'interesse della Siria di aiutarlo a resistere, dal momento che si è alleato con la NATO e ha inviato jihadisti a combattere contro il Paese. Il tempo della "primavera araba", che doveva portare al potere i Fratelli Musulmani (di cui Hamas è il ramo palestinese) in tutti i paesi arabi, è passato. 

In definitiva l'imperialismo anglosassone è sempre mosso da ambizioni economiche che impone in spregio alle logiche politiche locali. La scissione che caratterizza stabilmente il mondo arabo non è quella tra partiti religiosi e laici, ma quella tra Resistenti e Collaboratori all'imperialismo

[1] «La guerre en Syrie : une guerre pour l'énergie?» di Alexandre Latsa, RIA Novosti/Réseau Voltaire, 18 settembre 2013.
[2] «Jihadismo e industria petrolifera», di Thierry Meyssan, Al-Watan/Rete Voltaire , 23 giugno 2014.
[3] L'obiettivo non è nuovo, si vedano: "L'arte della guerra. Siria: la NATO mira al gasdotto"; "Siria: la corsa all'oro nero" di Manlio Dinucci, Il Manifesto/Rete Voltaire, 10 ottobre 2012 e 2 aprile 2013.
[4] "Syrie: 10 ans de résistance", un programma in sei puntate ideato e prodotto da Thierry Meyssan, TV satellitare siriana, giugno 2014 La versione disponibile in rete è quasi intermanete in francese o sottotitolata in francese, tranne gli interventi del generale Wesley Clark, di Alfredo Jalife e del generale Leonid Ivashov. Altrimenti, il professor Shueibi aveva già fornito una panoramica della questione prima di essere informato delle scoperte di Ansis e Sagex: "La Siria, al centro della guerra del gas in Medio Oriente," di Imad Fawzi Shueibi, Rete Voltaire, 8 maggio 2012.
[5] «Les «Amis de la Syrie» se partagent l'économie syrienne avant de l'avoir conquise» ("Gli 'Amici della Siria' si spartiscono l'economia siriana prima di averla conquistata", NdT) a cura del German Foreign Policy, Horizons et débats/Réseau Voltaire, 14 giugno 2012.
[6] «Does the Prospective Purchase of British Gas from Gaza Threaten Israel's National Security ?» ("Il futuro acquisto di British Gas da Gaza minaccia la sicurezza nazionale di Israele?", NdT), a cura del tenente-Gen. (in congedo) Moshe Yaalon, Jerusalem Center for Public Affairs, 19 Ottobre 2007. «Ya'alon : British Gas natural gas deal in Gaza will finance terror» ("Ya'alon: L'accordo British Gas sul gas naturale a Gaza finanzierà il terrorismo", NdT) di Avi Bar-Eli,Haaretz.
[7] "Gas e petrolio, il bacino di Levante" Di F. William Engdahl, Rete Voltaire, 14 marzo 2012.
[8] «Le chef du Mossad avait prédit l'enlèvement de trois jeunes Israéliens» ("Il capo del Mossad aveva predetto il rapimento di tre giovani israeliani", NdT) di Gerhard Wisnewski, Réseau Voltaire, 8 luglio 2014.
[9] «L'assalto della IDF a Gaza mira a controllare il gas palestinese: òa soluzione alla crisi energetica in Israele» di Nafeez Ahmed, The Guardian, 9 Luglio 2014 (tradotto da "Gaza: il gas nel mirino", di Manlio Dinucci, Il Manifesto / Rete Voltaire, 17 luglio 2014.
[10] "Il presidente al-Sissi ha scelto Tony Blair come consulente economico", Rete Voltaire, 7 luglio 2014.


0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!