venerdì 1 agosto 2014

"L'ESERCITO ISRAELIANO MERITA IL NOBEL". CORAGGIOSA INIZIATIVA DI RICCARDO PACIFICI PRESIDENTE DELLA COMUNITA' EBRAICA DI ROMA

A. Boassa

Contro l'ovvietà delle contestazioni per i bombardamenti di difesa dello stato israeliano e contro le banalizzazioni sui presunti massacri operati dall'esercito , Riccardo Pacifici mette in risalto le doti di sano umanitarismo evidenziate dai ragazzi in divisa che prima di mettere tutto a ferro e fuoco , hanno informato la popolazione con sms , con volantini , con voci suadenti , che sarebbe stato opportuno che sloggiasse quanto prima e che non si facesse convincere dall'onnipresente Hamas a fare i martiri stando a casa loro . 

Insomma stare a casa propria ,sulla propria terra è un crimine e te la puoi scampare se la TUA casa e la TUA terra la dai a NOI che la vogliamo per i diritti riconosciuti dalla comunità internazionale in quanto abbiamo la BOMBA , una forte aviazione , una forte marina da guerra ...

Riccardo Pacifici , forse rifacendosi ad illustri predecessori che sono stati insigniti del nobel della pace perché , prima di distruggere , hanno saputo ammonire responsabilmente con parole di pace le popolazioni che se non si fossero fatte derubare delle loro risorse , avrebbero scontato la GIUSTA punizione , ha voluto ricordare davanti al suo pubblico , onorato dalla presenza del ministro Lupi , che la guerra sarebbe continuata sino a " quando saranno tolti tutti i missili di Hamas e distrutti i tunnel" che significa fuori dal linguaggio cifrato oltre che ipocrita QUANDO avremo messo un autogoverno fantoccio , militarizzato la striscia e presone possesso

Naturalmente prima di cacciarli nel Sinai i palestinesi riottosi .

MI sia permessa una controproposta per il Nobel : il popolo della Palestina che rimane nella sua terra , che resiste ,che ricostruisce .

Come la bambina delle foto ( con tanti ringraziamenti a Michele)

Foto: "L'ESERCITO ISRAELIANO MERITA IL NOBEL". CORAGGIOSA INIZIATIVA DI RICCARDO PACIFICI PRESIDENTE DELLA COMUNITA' EBRAICA DI ROMA

Contro l'ovvietà delle contestazioni per i bombardamenti di difesa dello stato israeliano e contro le banalizzazioni sui presunti massacri operati dall'esercito , Riccardo Pacifici mette in risalto le doti di sano umanitarismo evidenziate dai ragazzi in divisa che prima di mettere tutto a ferro e fuoco , hanno informato la popolazione con sms , con volantini , con voci suadenti , che sarebbe stato opportuno che sloggiasse quanto prima e che non si facesse convincere dall'onnipresente Hamas a fare i martiri stando a casa loro . 
Insomma stare a casa propria ,sulla propria terra è un crimine e te la puoi scampare se la TUA casa e la TUA terra la dai a NOI  che la vogliamo per i diritti riconosciuti dalla comunità internazionale in quanto abbiamo la BOMBA , una forte aviazione , una forte marina da guerra ...
Riccardo Pacifici ,forse rifacendosi ad illustri predecessori che sono stati insigniti del nobel della pace perchè , prima di distruggere , hanno  saputo ammonire responsabilmente con parole di pace le popolazioni che se non si fossero fatte derubare delle loro risorse , avrebbero scontato la GIUSTA punizione , ha voluto ricordare davanti al suo pubblico ,onorato dalla presenza del ministro Lupi , che la guerra sarebbe continuata sino a " quando saranno tolti tutti i missili di Hamas e distrutti i tunnel" che significa fuori dal linguaggio cifrato oltre che ipocrita QUANDO avremo messo un autogoverno fantoccio , militarizzato la striscia e presone possesso . Naturalmente prima di cacciarli nel Sinai i palestinesi riottosi .
MI sia permessa una controproposta per il Nobel : il popolo della Palestina che rimane nella sua terra , che resiste ,che ricostruisce .
Come la bambina delle foto ( con tanti ringraziamenti a Michele)
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!