domenica 26 ottobre 2014

L'EX GIORNALISTA della TV pubblica francese PHILIPPE MENUT documenta con un film la crisi generata dalla TROIKA in GRECIA: "La Grecia è il laboratorio di una politica terribile"... "Η Ελλάδα είναι το εργαστήριο της μια τρομερή πολιτική"...

publico.es
Tradusiu editau
de Sa Defenza

Menut Philippe è un ex giornalista  della televisione pubblica francese 'La tempesta greca', è un documentario che mostra dall'interno le conseguenze della crisi in Grecia sia in termini economici che umani.

Il titolo reale del film si può tradurre in : "La Grecia è il laboratorio di una politica terribile"... "Η Ελλάδα είναι το εργαστήριο της μια τρομερή πολιτική"...
IL DOCUMENTARIO è REALIZZATO SULLE SPAVENTOSE CONDIZIONI DELLA GRECIA, la DIRETTA  dal LAGER della TROIKA.
Η Ελλάδα είναι ένα εργαστήριο για τις πολιτικές έντρομοι μιας μικρής χώρας δοκιμών (11 εκατομμύρια κάτοικοι), τις πολιτικές που εφαρμόζονται στο όνομα ενός χρέους τεχνητά διογκωμένες.




Philippe Menut, ex-giornalista di France 2 e France 3, ha realizzato un documentario sulle cause e le conseguenze della crisi in Grecia.
Il suo reportage fa parlare i salariati, i militanti, gli economisti, i medici, i ministri, i disoccupati, … e tutti danno il loro punto di vista sulla crisi, testimoniando la resistenza e la solidarietà del popolo greco. 
La pellicola di Menut espone una serie di manipolazioni mediatiche che cercano di giustificare una vera guerra economica e sociale contro la Grecia. Una manipolazione in cui i cittadini greci vengono presentati come i responsabili di una situazione di crisi di cui, invece, sono vittime. 
Questa manipolazione, spiega Menut, ha lo scopo di nascondere la politica economica che attua un’austerità spaventosa nei confronti del popolo greco e dei servizi, con un trasferimento massiccio di capitale pubblico verso la speculazione internazionale. Denaro pubblico greco ed europeo. 
245 miliardi di euro sono stati versati in un cosiddetto piano europeo di salvataggio, del quale i greci e l’economia greca non hanno praticamente beneficiato. 
Queste enormi somme di denaro vanno direttamente nelle tasche dei creditori del debito pubblico greco, creditori che hanno concesso prestiti a tassi superiori al 20%. 
Tutto questo è organizzato dagli emissari della Troïka, mandati dal Fondo monetario internazionale, dalla Commissione europea e dalla Banca centrale europea.  Sono questi tre enti i veri padroni della Grecia.  
Quando si parla del debito della Grecia, sembra che la Germania faccia di tutto per nascondere il fatto che, dalla Seconda guerra mondiale, il governo tedesco deve molti soldi al governo di Atene. Si tratta del risarcimento dei danni di guerra e di un prestito che i nazisti avevano preteso con la forza dalla Banca di Atene. In totale, la Germania deve alla Grecia 162 miliardi di euro.  
Uno dei medici che testimoniano nel documentario di Philippe Menut, spiega che la chiusura di sette ospedali a Atene significa che sempre più persone hanno scelto di morire nelle strade. L’impatto delle misure di austerità in Grecia, in particolare nel settore sanitario, è apocalittico.
Una sola cifra sarebbe sufficiente : dall’inizio dell’applicazione dell’austerità imposta dalla Troika, nel paese la mortalità infantile è aumentata del 43%. 
In Grecia, ma anche nella Zona euro in crisi, la sanità è l’obiettivo principale delle riduzioni di bilancio. Vengono modulati i percorsi di cura, ridotti o cancellati i rimborsi, ecc. Gli ospedali che restano aperti funzionano male, a causa della mancanza di fondi, di medicinali e di apparecchiature. 
Menut sostiene che l’intera Zona euro è chiamata in causa dalla crisi greca. 
La Grecia è un laboratorio per sperimentare politiche spaventose su un piccolo paese (11 milioni di abitanti), politiche attuate in nome di un debito gonfiato artificialmente. Η Ελλάδα είναι ένα εργαστήριο για τις πολιτικές έντρομοι μιας μικρής χώρας δοκιμών (11 εκατομμύρια κάτοικοι), τις πολιτικές που εφαρμόζονται στο όνομα ενός χρέους τεχνητά διογκωμένες.   
Dall’inizio delle riforme, imposte dalla Troika “per rispondere alla crisi”, il debito greco è salito del 50% e la disoccupazione è passata dal 10% al 28%. E queste politiche proseguono. Max Parisi

Menut Philippe è un ex giornalista della televisione pubblica francese, ha deciso di fare un documentario come giornalista freelance ... 
Sulla base di un approccio che mette in primo piano le conseguenze umane ed economiche del tempo sulla crisi greca, tempesta greca [Ελληνική καταιγίδα] dà voce a quei dipendenti, attivisti, economisti, medici, ministri, filosofi disoccupati... che dimostrano la forza e la solidarietà del popolo greco. 
Si tratta di un punto di vista sulla crisi vissuta dal di dentro della Grecia come fosse un laboratorio ...
Il film  apre il dibattito sul futuro della crisi della zona euro, dato dal capitalismo finanziario
Un documentario che serve sia come una denuncia che da allarme.
Nel suo film, "La tempesta greca", espone una serie di manipolazione dei media. Essi cercano di giustificare la guerra economica e sociale contro la Grecia. 
Come giornalista critico, come si potrebbe spiegare questa inversione di ruoli, ovvero le vittime , i cittadini greci, sono presentati come responsabili della crisi?

Ho iniziato le riprese in base a questa stessa premessa. Ero indignato che i greci fossero stati presentati, fin dall'inizio della crisi, come responsabili di una situazione di cui sono invece vittime. Dopo di che, sono andato oltre, per individuare le ragioni della crisi stessa. Quelle voci e la disinformazione hanno naturalmente una funzione: nascondere una politica in atto, in cui si afferma che un terribile austerità per il popolo greco e dei servizi pubblici, con un massiccio trasferimento di capitali pubblici verso la speculazione internazionale. Certo non è solo denaro pubblico greco, ma anche europeo.

In un presunto piano di salvataggio europeo sono stati versati 45 miliardi di euro, di cui il popolo greco e l'economia reale greca non ne ha visto nemmeno un briciolo. Questo è dimostrato nel film, grandi quantità di denaro che vanno nelle tasche dei creditori del debito greco, che a loro volta hanno fatto prestiti a tassi che a volte hanno superato il 20% ...

Quale responsabilità avete che i media europei nella presentazione di parte della realtà di questo paese?

I media europei, soprattutto i tedeschi e soprattutto Bild, il più grande giornale in circolazione in Europa, svolgono un ruolo importante nella produzione di pareri. L'approccio non è solo nella parte della realtà greca, ma anche della crisi in Europa. La "grande stampa francese" è meno violenta, ma altrettanto efficace per parlare di "riforme strutturali" (leggi "austerità imposta al popolo"), a "calmare i mercati" (finanziari, ovviamente, ma, non è mai detto) , per "ristabilire la fiducia" (la stessa,  che non si dice). L'obiettivo è quello di mantenere il fatalismo contro un sistema economico neoliberista "non ha scelta" come ho detto Margaret Thatcher. La forza dell'ideologia dominante è quello di convincere la gente che non c'è ideologia dominante ... E 'difficile dire alla gente: "La politica non mi interessa"; così mentre loro stanno sostenendo la stessa politica che soffrono ...

Ammetto che io uso la parola "crisi" come tutti gli altri, per  facilità di linguaggio, ma comunque non è appropriato. Questa crisi non è una catastrofe, inevitabile. Si tratta, in definitiva, un aumento sempre più deliberato e brutale delle disuguaglianze.

La chiusura della televisione pubblica greca nel 2013 e la decisione dei loro lavoratori di sviluppare media indipendenti rimane un esempio notevole della resistenza del popolo greco. Cosa possiamo imparare da questa esperienza?

Ci sono momenti in cui la gente è forte, fantasiosa e audace in una potenza indebolita. La lotta per la radiodiffusione pubblica (ERT) è un esempio. Nel film di approfondimento del soggetto, cercherò di riassumerlo:  l'11 giugno 2013, su richiesta della troika, il governo chiude l'antenna e congeda i suoi 2.650 dipendenti. Immediatamente si attua una massiccia mobilitazione in Grecia e proteste diffuse in tutto il mondo. Giornalisti e tecnici occupano l'edificio, colto di sorpresa, il governo greco non osa inviare il MAT (polizia antisommossa) contro il personale. L'occupazione è durata cinque lunghi mesi, un periodo di vera autogestione, l'attuazione di emissioni rilasciata su internet. Queste emissioni, la loro funzione era di vera e propria indipendenza e il pluralismo completo, erano di grande successo. Dopo cinque mesi, il governo, sempre consigliato dalla Troika - ha deciso di evacuare tutto il personale il 7 novembre 2013 Da allora, gli ex dipendenti hanno lanciato una nuova  radio e la televisione Open ERT .

C'è un gran parlare di debito in Grecia, ma sembra che la Germania nasconde un episodio importante della storia: il denaro che questo paese deve alla Grecia da dopo la seconda guerra mondiale ... Può spiegare questo importante capitolo del suo film, che è menzionato dalla testimonianza di un veterano della resistenza contro i nazisti?

Manolis Glésos, ha 92 anni, ed è un vero e proprio "monumento" in Grecia. Si tratta di uno dei primi resistenti d'Europa, famoso per aver strappato la bandiera nazista dalla cima dell'Acropoli nel maggio del 1941. La sua lotta attuale è quello di richiedere il pagamento da parte della Germania dei danni inflitti dalla guerra, e un prestito indiscutibile, che è stato imposto dai nazisti alla Banca di Atene. L'indebitamento totale alla Grecia oggi ammonta a € 162.000.000.000 ... In altre parole, più della metà di quel debito che la Grecia ora richiede con totale intransigenza da parte della Germania!

Un medico parla nel suo film, durante una manifestazione, e dice che la chiusura di 7 ospedali di Atene significa semplicemente che più persone moriranno per strada. L'impatto delle misure di austerità in Grecia, in particolare nel settore della sanità, sembra apocalittico ...
Una singola cifra sarebbe sufficiente: secondo un giornale britannico e le ONG Medici del Mondo, la mortalità infantile è aumentato del 43% dall'inizio delle misure di austerità. In Grecia, ma anche con l'Europa in crisi, la salute è l'obiettivo principale dei tagli di bilancio. Perché non è l'educazione? Poiché non è possibile ridurre il numero totale di studenti. Tuttavia, è possibile modificare il funzionamento dell'assistenza sanitaria, ridurre le sovvenzioni, ecc... Nel film si vede funzionare al minimo un grande ospedale, mezzo vuoto per mancanza di risorse.
La vista panoramica che offrite Grecia sembra espandersi rapidamente ad altri paesi ...

Nelle prime riprese non avevo intenzione di parlare dell'importanza del capitalismo finanziario, né l'Unione europea. Sono stato incline a trattare l'argomento naturalmente mosso dalla mia ricerca e dalla mia partner. Nel film si apre il dibattito sull'Unione economica e monetaria. La forza di alcune testimonianze attestano la necessità di una rottura con l'area dell'euro; altri spiegano che bisogna essere pragmatici e soprattutto si oppongono all'austerità che porta a debito illegittimo.

Senza prendere una posizione chiara per entrambe le opzioni, penso che se solleviamo il problema di cambiare politica economica e sociale, e la democrazia, dobbiamo sollevare la questione sulle grandi potenze dell'Europa di oggi. Il capitalismo finanziario è il maestro della sua organizzazione, nei loro trattati, attraverso l'influenza di lobby molto potenti.


Quale sarebbe il messaggio diretto alle  persone che guardano da lontano a una Grecia che ha subito un danno terribile presentato come inevitabile? Che cosa può influenzare gli europei al di là della solidarietà necessaria? E come potrebbero i cittadini europei andare alla controffensiva?

Tutta l'area dell'euro è influenzata dalla crisi greca. La Grecia è un laboratorio per testare in un piccolo paese (11 milioni di abitanti), una politica terribile per conto di un debito artificialmente gonfiato. Dall'inizio delle riforme,  da che sono stati obbligati a rispondere della crisi, il debito è aumentato del 50% e la disoccupazione è passata dal 10 al 28%! E queste politiche continuano.

Ma attenzione, questa crisi del debito è la stessa in tutta Europa, la zona più in recessione nel mondo. La Francia, paese che conosco bene, ha un debito di 2.000 milioni di euro, dello stesso tipo del debito greco. Senza l'eccessivo interesse delle banche e le esenzioni imposte sarebbe meno della metà. Solo il pagamento degli interessi costituisce di per sé uno dei bilanci principali dello Stato. I nostri Cari "colleghi" (giornalisti) non ne parlano mai ...

Il sogno europeo potrebbe diventare un incubo. I greci sono per la via della resistenza. Isolata la resistenza non sarà sufficiente. La vera questione è se le persone saranno in grado di unirsi per lottare per un'altra Europa, più giusta e democratica, un'Europa dei cittadini ...



Reazioni:

1 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!