domenica 30 novembre 2014

Prof. Antonio Maria Rinaldi: Iddio ci salvi dell’euro, ma anche dalla doppia moneta!

Antonio Maria Rinaldi

La mia posizione di indipendente mi consente di fare alcune libere considerazioni sulla recente sortita del Cavaliere di introdurre in Italia una sorta di doppia circolazione, cioè oltre all’euro anche di una ritrovata lira. Premesso che ancora non sono noti i dettagli della proposta resa nota sabato pomeriggio a Milano in occasione della due giorni “No tax day”, ma è comunque possibile già da ora fare considerazioni in merito.

La moneta in generale, e pertanto anche l’euro, non è altro che uno degli strumenti a disposizione di uno Stato per poter mettere in atto la propria politica economica e quest’ultima, da quando abbiamo adottato la moneta unica, è praticamente condizionata dal rispetto delle regole di convergenza. Qualsiasi governo si alterni deve rispettare i cosiddetti vincoli esterni e maggiore è la distanza che li separa dalle regole imposte dai Trattati e dai regolamenti comunitari, maggiore è il richiamo esercitato dalle Istituzioni di Bruxelles e di Francoforte. Addirittura i burocrati europei hanno sempre più introdotto dei piloti automatici per il rispetto dei criteri di convergenza in modo da evitare il più possibile moratorie o richieste di flessibilità. Insomma in questa unione monetaria siamo obbligati al rispetto di ciò che abbiamo più o meno inconsapevolmente sottoscritto e ratificato negli ultimi venticinque anni. Inutile ormai recriminare se i vari politici di turno abbiano capito o meno la portata degli accordi, ma comunque giova ricordare che in ogni caso il nostro assenso al nuovo ordine monetario doveva essere subordinato non tanto al desiderio di entrare nell’euro ad ogni costo, ma nel verificare preventivamente come queste nuove regole avrebbero influito radicalmente nella nostra economia.

Credo che nell’animo di ogni politico di qualsiasi colore, dai tempi dell’introduzione del suffragio universale, ci sia il desiderio di diminuire drasticamente il carico fiscale a carico dei cittadini e delle imprese, non per altro per ovvi ritorni elettorali, ma tuttavia un minimo di correttezza e di amor di Patria li dovrebbe far desistere da questa promessa da marinaio perché la giacca è sempre la stessa e se la si tira da una parte rimane scoperta da un’altra parte. Nell’unione monetaria questo vecchio adagio è ancora maggiormente verificato, in quanto non è possibile far ricorso alla propria Sovranità monetaria per poterci mettere il “pezzetto di stoffa che manca alla giacchetta”!

Ne tanto meno l’adozione di una moneta nazionale, permanendo in qualsiasi unione o accordo monetario a cambio fisso irrevocabile (ricordo che noi ci siamo dentro dall’1.1.1999 con la lira a 1936,27), può rimediare a questo “inconveniente”, anzi peggiorerebbe ulteriormente la già drammatica situazione in quanto ci farebbe ancor di più precipitare nel disastro economico visto che il debito pubblico rimarrebbe comunque espresso in euro così come le transazioni internazionali (export ed import) e pertanto non si avvantaggerebbero del naturale aggiustamento del rapporto di cambio necessario per compensare le asimmetrie fra diverse economie. Quali sarebbero i vantaggi per gli esportatori? E poi continueremo ad acquistare i prodotti esteri forti dell’euro a discapito di quelli prodotti in casa? Gli interessi sul debito li dovremo comunque corrispondere in euro mentre le risorse a tale scopo sempre reperire ricorrendo alla leva fiscale, ma in valuta locale, per poi convertirle in euro visto che quest’ultimo non lo stampiamo! Roba da lacrime e sangue! Con la doppia moneta non potremo invocare la Lex Monatae prevista da ogni giurisdizione (nel nostro codice civile artt.1277 e 1278) e prenderemo solo gli svantaggi e non i vantaggi di un ritorno unico e totale alla nostra valuta nazionale.

Ma non mi meraviglio più di tanto che queste proposte vengano da chi si augura (ma non è il solo!) che il cambio dollaro/euro si stabilizzi al più presto sulla parità per risolvere i nostri problemi di competitività, “dimenticando” che l’euro oltre al nostro Paese è adottato anche contemporaneamente da altri 17 paesi europei e pertanto i vantaggi dell’apparente svalutazione sarebbero esattamente annullati da quelli acquisiti dagli altri! Anzi, paradossalmente paesi come la Germania, nostro competitor industriale numero uno, avrebbe un maggior vantaggio nell’avvalersi di una moneta ancora più sottovalutata rispetto ai propri fondamentali macroeconomici: in poche parole sarebbe un ulteriore vantaggio per loro! Non ci vuole molto per capirlo che questo “giochino” è possibile solo se si adotta una moneta propria e non condivisa! Vorrei esaudita una mia curiosità personale: ma l’idea della doppia circolazione del Cavaliere è farina del suo sacco o di qualche consigliere economico? Perché nel primo caso è perdonato con una risata, nel secondo invece c’è seriamente da preoccuparsi, perché si iniziano ad intuire i perché nel passato sono state fatte certe scelte…

Piuttosto, invece di pensare a rilanciare il Paese con l’astrusa idea della doppia circolazione di moneta, l’euro e una ritrovata lira, perché il Cavaliere non si adopera da subito nel correggere gli errori fatti nel passato quando è stato Presidente del Consiglio? Mi riferisco ad esempio ad iniziare a perseguire una forte azione politica di illegittimità nei confronti del Fiscal Compact, così come da tempo e a gran voce sostiene il Prof. Giuseppe Guarino e l’immediato stralcio nell’art.81 della Costituzione del principio del pareggio di bilancio, magari sostituendolo con il sacrosanto principio di perseguimento della massima occupazione? E tanto per dare il giusto supporto all’economia asfittica, perché non promuovere l’istituzione di una Banca pubblica con lo specifico compito di fornire le garanzie necessarie all’erogazione di crediti al sistema produttivo non più in grado di darle autonomamente? Perché non si lancia in una seria campagna per il rispetto della Costituzione che è perennemente oltraggiata e non rispettata dai vincoli europei? Perché non prende posizione netta e chiara contro la cessione unilaterale e irreversibile della nostra Sovranità, non solo monetaria, tanto auspicata da molti personaggi politici nazionali, ma non preventivamente chiesta e autorizzata dal popolo italiano così come chiaramente tutelata dall’art.11 della nostra Costituzione? Naturalmente tutto questo in attesa di tornare al più presto ad una propria e “unica” moneta e poco importerà se si chiamerà nuova lira, fiorino, ducato o baiocco; l’importante che sia nostra, gestita da una nostra Banca Centrale in grado di perseguire la politica economica tarata per le esigenze reali del Paese e non quella decisa altrove.

Poi si potrà promettere ai pensionati, alle massaie, ai professionisti e impiegati e alle imprese di diminuire anche il carico fiscale, magari avendo fatto un po’ di pulizia di personaggi che sanno solo tuonare fuoco e fiamme contro il ritorno alla Sovranità, bravissimi nel terrorizzare gli italiani con scenari apocalittici senza rendersi conto che tutto questo già si sta verificando per la permanenza in una moneta di nessuno se non nell’interesse di pochi e a disagio di molti!

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!