sabato 6 dicembre 2014

George Soros: L'Unione europea è un esperimento di Governace internazionale, "fallita" ...

Steven MacMillan
journal-neo.org
tradusiu editau
de Sa Defenza

L'Unione Europea, frutto delle élite occidentale, è in disintegrazione? A causa dei problemi economici persistenti, l'ascesa di "risentimento popolare" in tutto il continente, e le conseguenze politiche dopo il colpo di stato illegale in Ucraina e la successiva impopolare guerra economica alla Russia, l'Unione Europea è sul punto di sfasciarsi.

In un'intervista a France 24, il miliardario gestore di hedge fund, e fondatore di  Open Society Foundation, George Soros , rivela che l'Unione europea non è riuscita a realizzare i desideri della élite e dei molti che in Europa ora guardano "la Russia come un modello di riferimento ":

L'investitore e filantropo miliardario  George Soros parla a FRANCE 24 sulla minaccia rappresentata da Vladimir Putin.

"Dobbiamo riconoscere che L'Unione [europea] , è un nobile, esperimento di buone intenzioni della governance internazionale, ma, ha fallito, e non ha realizzato quel che aveva promesso. Vi è un tale delusione che persino la Russia può essere una valida alternativa. "(3.21 nella intervista)

Soros prosegue dicendo che molti in Europa - tra cui  l'UK Independence Party (UKIP) con il leader Nigel Farage in Gran Bretagna, il Front National con la Presidente  Marine Le Pen in Francia, così come "un sacco di gente in Germania" -  trovano che l'idea di "una più stretta cooperazione con la Russia sia piuttosto interessante ".

L'Europa è in crisi da anni e il risultato di questa ultima fiammata con la Russia potrebbe determinare il futuro della stessa UE. In un articolo pubblicato sul New York Review questo mese dal titolo: svegliati, Europa , Soros rileva che dopo la crisi finanziaria del 2008 e le successive politiche nefaste di austerità imposte dalla troika , "il risentimento popolare" e il supporto ai partiti anti-europei è risorto:
"L'Unione europea in generale e la zona euro, in particolare, hanno perso la loro strada dopo la crisi finanziaria del 2008. Le regole di bilancio che attualmente prevalgono in Europa hanno suscitato un forte risentimento popolare. I partiti anti-europei sono quasi al 30 per cento dei seggi alle ultime elezioni per il Parlamento Europeo, e fino a poco tempo fa non esprimevano alcuna realistica alternativa all'UE. Ora la Russia rappresenta un'alternativa e una sfida fondamentale ai valori e ai principi su cui l'Unione europea era stata originariamente fondata .... E' anche giunto il momento per l'Unione europea di guardarsi per fare autocritica... La burocrazia dell'Unione europea non ha più il monopolio del potere ed ha poco o nulla di cui andare fiera. "

Le élite hanno sempre più paura di possibili rivolte popolari in tutto l'Occidente che cercano di "cooptare e deviare", come riferisce P. J. Watson su Infowars. Così mentre la rabbia continua a montare contro l'inettitudine e l'immoralità del governo, l'élite tenterà di "cooptare" i movimenti affinché siano organici e tenterà di creare movimenti politici artificiosi per guidarne e neutralizzare le "passioni popolari".

L'UE: prolungamento del potere anglo-americano

L'Unione europea è il frutto di una élite internazionale che sono impegnati  nel processo di costruzione di un impero mondiale da oltre un secolo. L'UE serve come "coraggioso esperimento di governabilità internazionale in cui lo stato legalitario,  sostituisce il nazionalismo e l'impiego della forza ". L'UE è un esperimento di sostituzione dei paesi nazionali con un unione che deve essere amalgamata usurpando la sovranità  emergente in tutto il mondo, tra cui il North America Union e di un eventuale Middle Westren Union , in un impero mondiale. L'organo esecutivo della UE - la Commissione europea - è un "filiale" del Royal Institute of International Affairs (RIIA), il governo britannico parallelo [ombra] che si sforza della conquista globale.

Étienne Davignon, ex Commissario Europeo ed influente architetto dell'integrazione europea, ha rivelato che la  conferenza annuale anglo-americana - del gruppo Bilderberg - " ha contribuito a creare l'euro nel 1990.. "Soros stesso è invischiato con l'impero mondiale ombra, visto che  dirige l'European Council on Foreign Relations , oltre ad essere pesantemente coinvolto con il Council on Foreign Relations in USA

Le conseguenze della guerra economica alla Russia

L'Europa è scenario di grandi irate proteste da parte degli agricoltori  colpiti duramente dalla assurda decisione politica USA-UE di imporre sanzioni alla Russia in seguito all'illegale colpo di stato occidentale a Kiev. In risposta alle sanzioni occidentali, la Russia ad Agosto ha imposto un divieto di importazione di prodotti alimentari  dai paesi che sostengono le sanzioni, con la  conseguente forte discesa dei prezzi alimentari  perché i prodotti alimentari  sono stati riversati nel mercato  per il determinato crollo della domanda a Est. Questo divieto non sarebbe mai stata applicato da Mosca se l'Occidente non avesse rovesciato il governo di Kiev, e poi  attuando le sanzioni contro il paese. La perdita di commercio a causa di esportazioni mancate di prodotti alimentari  è venuto a costare all'UE,  si stima in 6,6 miliardi dollari l'anno ,  a livello sociale non è quantificabile la portata dell'impatto negativo nel settore agricolo  in un continente in cui  è già  sensibile  e fragile.

La Francia negli ultimi mesi  è  percorsa  da numerose proteste, poiché il tenore di vita continua a scendere, anche a motivo del divieto di esportare alimentari in Russia. Gli agricoltori in Bretagna hanno incendiato gli uffici delle imposte , hanno scaricato cavolfiori, carciofi e letame davanti agli uffici governativi durante una protesta di metà settembre, a causa di frustrazione delle politiche governative. Sempre in Francia si stima che circa 36.000 persone hanno partecipato a una protesta a livello nazionale dall'inizio del mese in cui di nuovo s'è gettato letame e verdure marce all'esterno degli edifici del governo locale, in parte a causa delle mancate esportazioni di prodotti alimentari in Russia.

Anche in Spagna si sono  viste le proteste del settore agricolo sulle sanzioni russe, i sindacati contadini hanno svenduto le patate in eccedenza fuori del supermercato  della multinazionale francese Carrefour a Granada. Le associazioni  degli agricoltori protestavano contro i bassi prezzi pagati dalla Carrefour  delle loro colture, inoltre il Fondo di emergenza della Commissione europea non copre la perdita economica dovuta alla mancata  esportazione delle patate a causa della politica delle sanzioni. Le proteste erano anche per  le mancate esportazioni dei prodotti agricoltori dovute alle sanzioni alla Russia.

Il dissenso e l'opposizione alle politiche della UE sono molto più ampie, di quanto  sono invece dovute alle  sanzioni alla Russia; tantè vero che  " si potrebbe sostenere che la maggioranza dei cittadini è contraria alle attuali condizioni "del continente. L'austerità ha decimato l'Europa meridionale e le manifestazioni anti-austerità sono diventate un appuntamento costante nella vita di molti europei. A ottobre, a Napoli si è assistito a manifestazioni di migliaia di persone che scendono in piazza contro la riunione della Banca centrale europea (BCE), dove i manifestanti  chiedevano di mettere fine all'austerità e dell'alto tasso di disoccupazione .

Dopo la crisi finanziaria del 2008 la disoccupazione e il disprezzo verso la classe politica si è diffusa in tal maniera in tutto il continente europeo che potrebbe innescare una rivoluzione nei prossimi anni. Non c'è dubbio che l'élite farà tutto quanto in loro potere per sostenere l'Unione Europea e tentare di "cooptare" qualsiasi movimento che sfida l'ordine prestabilito, ma questo può essere comunque inefficace a contenere la rivolta imminente ...



Steven MacMillan è uno scrittore, ricercatore, analista geopolitico indipendente e redattore del The Analyst Report, in particolare per la rivista online “New Eastern Outlook” .


Reazioni:

1 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!