mercoledì 17 dicembre 2014

Vladimir Putin will bring down the empire of the dollar
tradusiu in inglesu
de  Mihaela Bruja



Vladimir Putin will bring down the empire of the dollar
Gold Putin against atomic Obama. Who will win? Russia, collapsing the empire of the dollar, and with him China and most of the earth's population, starting with the emerging economies of the BRICS.

Washingon is trapped, says Dmitry Kalinichenko, because the only possible shortcut - the war against Moscow - is not a realistic option: NATO and the Pentagon would not be able either to invade Russia, nor to emerge unscathed from a possible nuclear attack against the Kremlin.

In any case, the situation is dramatic, warns Kalinichenko, although "all the Western media and the major Western economists do not talk about, like a well-guarded military secret." Speaks only the failure of the offensive in western Ukraine: "It is neither military nor political, but lies in the rejection of Putin to fund plans for western Ukraine." Money question: Putin is betting on the end of the dollar accelerated.

How?

Accumulating gold, purchased at low cost: gold artificially devalued by the West to keep up the value of the dollar.

"The true policy of Putin is not public," says Kalinichenko in post taken from "Megachip". For this reason, very few understand the current moves of the Kremlin. "Today, Putin sells Russian oil and gas only in exchange for" physical gold "," but "do not shout from the rooftops, and of course still accepts the dollar as a means of payment." But, be careful, "immediately changes all the dollars from the sale of oil and gas with physical gold." Just look at the dizzying growth of the gold reserves of Russia and compare them to the foreign exchange earnings of the Russian Federation due to the sale of oil and gas in the same period. In the third quarter of 2014, purchases by Russia of "physical gold" are the highest of all time, to record levels. In the same period, the central banks of all countries of the world have purchased 93 tons of the precious metal, after 14 quarters of uninterrupted purchases. But, of these 93 tons, well 55 were acquired from Russia.

For British scientists and the "US Geological" Europe can not survive without the offer Russian energy, that is, if the oil and gas in Russia will be subtracted from the overall budget of energy supply. "Thus, the Western world, built on the hegemony of the petrodollar, is in a catastrophic situation, unable to survive without oil and gas from Russia. And Russia - adds Kalinichenko - is ready to sell oil and gas to the West only in exchange for physical gold. "The turning point in the game of Putin, is that the mechanism of the sale of Russian energy to the West only with the gold "works regardless of whether the West will agree or not pay in the Russian oil and gas with his gold , kept artificially cheap. "This is because Russia, having a regular flow of dollars from the sale of oil and gas, "in any case can convert them into gold at current prices, depressed by any means by the West," through the maneuvers of the Fed and the ESF, (Exchange Stabilization Fund), which lower the price of gold to support a dollar purchasing power artificially inflated by the manipulations in the market.

In the financial world, continues Kalinichenko, it is a fact that gold is a key anti-dollar: in 1971, Richard Nixon closed the "gold window", putting an end to free trade between dollars and gold, guaranteed by the United States in 1944 Bretton Woods. But now, "Putin reopened the" gold window ", without asking permission from Washington." Abstract: "Right now, the West spends much of its efforts and resources in the price squeeze, gold and oil. Thus, on the one hand distorts economic reality existing in favor of the US dollar, and the other part wants to destroy the Russian economy that refuses to play the role of obedient vassal of the West. "Today, gold and oil are very undervalued against the dollar. So, "Putin sells Russian energy resources in exchange for these dollars artificially inflated by the efforts of the West, and with which buys gold artificially devalued against the dollar." Ditto for the Russian uranium, which it depends, "a light bulb out of six American". Warning: "Putin uses these dollars just to withdraw" physical gold "from the West to the price denominated in US dollars and then artificially lowered by the West." But the move of the West - devalue gold to revalue the dollar - backfires: the gold, Putin is buying below cost.

The brain of the "economic trap gold tense West," adds Kalinichenko, probably is the economic advisor to Putin, Sergei Glazev, not surprisingly included by Washington in the black list of "sanctioned". Threats useless: the plan is fully shared by the Chinese leader Xi Jinping. By the Central Bank of Russia, meanwhile, Ksenia Judaeva does know that the Bcr can use gold in its reserves to pay for imports, if necessary: imports from Brics course, given the Western sanctions. Suitable for all, beginning with Beijing for China, Russia wants to pay for goods with gold Western is very advantageous. In fact, explains Kalinichenko, Beijing announced that it will cease to increase gold reserves and foreign currency denominated in dollars. Considering the growing trade deficit between the US and China (the current difference is five times in favor of China), this statement translated by the financial language says: "China no longer sells its products in exchange for dollars."

"The world's media have chosen not to point this historic passage money," notes Kalinichenko. "The problem is not that China refuses to literally sell their products in US dollars." Like Russia, China also will continue to accept dollars as payment for their intermediate products. "But, just taken, if they get rid immediately, replacing them with something different," that is gold. In fact, Beijing will not purchase more Treasury securities in the United States with dollars earned from world trade, as it has done so far. So, "will replace the dollars it will receive for its products, not only from the US but from around the world, with something else 'specially' not to increase foreign exchange reserves in gold denominated in US dollars." Henceforth only gold, therefore, also for the Chinese. Policy in fact already begun by Russia and China, for their bilateral trade: "Russia buys goods directly from China with gold at the current price, while China buys Russian energy resources with the gold at the current price." The dollar? Filed.

All this is not surprising, says Kalinichenko, because the dollar is not a product of China, nor a Russian energy resource. "It's just a financial instrument interim liquidation." And if the broker is no longer convenient, since the partners are now in direct relation, is excluded. Western hopes that Russia and China, for their energy resources and goods, accept in payment "shitcoin" or the so-called "paper gold" of various kinds, did not materialize, "Russia and China are concerned only to gold, metal physical, as a means of final payment. "The turnover of the gold market paper, that of "futures" on gold, is estimated at 360 billion dollars a month, but the physical deliveries of gold amounted to only $ 280 million per month. "Which means that the relationship between trade paper gold against physical gold is equal to 1 to 1000». Thus, "using the mechanism of active withdrawal from the market, artificially lowered by financing Western (gold), in exchange for another artificially inflated by financing Western (dollar), Putin has thus started the countdown to the end of 'world hegemony of the petrodollar. "

In this way, continues Kalinichenko, the Russian president "has put the West in a stalemate, devoid of any positive economic outlook." The West, in fact, "can use most of its efforts and resources to artificially increase the purchasing power of the dollar, as well as artificially lower oil prices and the purchasing power of gold ', but his problem is that "the stocks of physical gold in your possession are not unlimited." Result: "The more the West devalues oil and gold against the US dollar will depreciate faster than the gold from its reserves not infinite." The precious metal held by the US and Europe, and heavily devalued, ends so quickly in Russia and China, but also in Brazil, India, Kazakhstan and other countries Brics. "At the current rate of reduction in reserves of" physical gold ", the West simply will not have time to do anything against Putin's Russia, until the collapse of the entire Western world petrodollar." Checkmate?

"The Western world has never faced events and economic phenomena like the present," says Kalinichenko. "The USSR quickly sold gold during the fall of oil prices," while Putin's Russia, on the contrary, "buy gold quickly during the fall of oil prices," undermining the financial monopoly of the US dollar. "The fundamental principle of the world model based on petrodollar allows that Western countries led by the United States live at the expense of labor and resources of other countries and peoples, thanks to the role of the US currency, dominant in the Global Monetary System (submarine). The role of the US dollar nell'Smg is to be the ultimate means of payment. This means that the national currency of the United States, in the structure SMG, is the accumulator end of their assets, and exchange it with any other goods would not make sense. "What they do now Brics countries, led by Russia and China, rather to change, in fact, the role and status of the US dollar in the global monetary system: from "last means of payment and accumulation of wealth," the US currency "is transformed into a mere means of interim payment, intended only to exchange with another investment last: the gold," that as the dollar is "a good qualifying money ', with the advantage of being" denationalized and depoliticized. "

Unthinkable, of course, that the United States accept a defeat and planetary epochal so searing. And here, in fact, we get in-danger area. "Traditionally, the West uses two methods to eliminate the threat to world hegemony of the model based on the petrodollar and the consequent excessive privileges Western. One of these methods is constituted by the "color revolutions". The second method, usually applied by the West if the first fails, are the military aggression and bombing. But in the case of Russia both of these methods are impossible or unacceptable for the West, "says Kalinichenko. Meanwhile, the entire Russian population is with Putin: can not fabricate a "color revolution" to remove the head of the Kremlin. Remain the weapons, namely missiles. But Russia is not Yugoslavia or Iraq, or Libya. "In any non-nuclear military operation against Russia, on the territory of Russia, the West led by the United States is destined to defeat. And the generals in the Pentagon who exercise the real driving forces of NATO are aware. "A nuclear war? "It would be equally hopeless" because NATO "is not technically capable of inflicting a blow that completely disarm Russia's nuclear potential." The retaliation would apocalypse would be "the final note and the last point of the existence of History", that "the end of life on the planet, except for the bacteria."

The main Western economists, concludes Kalinichenko, are certainly aware of how serious and desperate the situation where there is the West, fell into the trap economic gold prepared by Putin. "Ever since the Bretton Woods all know the golden rule," He who has the most gold makes the rules. "But in the West are all silent. They are silent because no one knows how to get out of this situation. "If they might be revealed to Western public opinion all the details of economic disaster looming, the elite of the system based on the petrodollar would have to answer the questions most terrible. That is: for how long the West will buy oil and gas from Russia in exchange for physical gold? And what will happen to the US after petrodollars that the West will exhaust the physical gold to pay for oil, gas and uranium Russians, as well as to pay for Chinese goods? "No one in the West today can answer." And this adds Kalinichenko, called really checkmate.


Vladimir Putin farà crollare l’impero del dollaro
L’oro di Putin contro le atomiche di Obama. Chi vincerà? La Russia, facendo crollare l’impero del dollaro, avendo con sé la Cina e la maggior parte della popolazione terrestre, a cominciare dalle economie emergenti dei Brics.

Washingon è in trappola, sostiene Dmitry Kalinichenko, perché l’unica scorciatoia possibile – la guerra contro Mosca – non è un’opzione realistica: la Nato e il Pentagono non riuscirebbero né a invadere la Russia, né a uscire indenni da un eventuale attacco atomico contro il Cremlino.

In ogni caso la situazione è drammatica, avverte Kalinichenko, anche se «tutti i media occidentali e i principali economisti occidentali non ne parlano, come fosse un segreto militare ben custodito». Parla da solo il fallimento dell’offensiva occidentale in Ucraina: «Non è né militare né politico, ma risiede nel rifiuto di Putin di finanziare i piani occidentali per l’Ucraina». Questione di soldi: Putin scommette sulla fine accelerata del dollaro.

Come?

Accumulando oro, comprato a basso costo: oro svalutato artificialmente dall’Occidente per tenere alto il valore del dollaro.

«La vera politica di Putin non è pubblica», afferma Kalinichenko in post ripreso da “Megachip”. Per questo, pochissimi capiscono le attuali mosse del Cremlino. «Oggi, Putin vende petrolio e gas russi solo in cambio di “oro fisico”», ma «non lo grida ai quattro venti, e naturalmente accetta ancora il dollaro come mezzo di pagamento». Ma, attenzione, «cambia immediatamente tutti i dollari ottenuti dalla vendita di petrolio e gas con l’oro fisico». Basta osservare la vorticosa crescita delle riserve auree della Russia e confrontarle con le entrate in valuta estera della Federazione Russa dovute alla vendita di petrolio e gas nello stesso periodo. Nel terzo trimestre 2014, gli acquisti da parte della Russia di “oro fisico” sono i più alti di tutti i tempi, a livelli record. Nello stesso periodo, le banche centrali di tutti i paesi del mondo hanno acquistato 93 tonnellate del prezioso metallo, dopo 14 trimestri di acquisti ininterrotti. Ma, di queste 93 tonnellate, ben 55 sono state acquisite dalla Russia.

Per gli scienziati britannici e la “Us Geological”, l’Europa non potrà sopravvivere senza l’offerta energetica russa, cioè se il petrolio e il gas della Russia saranno sottratti dal bilancio globale dell’offerta energetica. «Così, il mondo occidentale, costruito sull’egemonia del petrodollaro, si trova in una situazione catastrofica, non potendo sopravvivere senza petrolio e gas dalla Russia. E la Russia – aggiunge Kalinichenko – è pronta a vendere petrolio e gas all’Occidente solo in cambio dell’oro fisico». La svolta, nel gioco di Putin, è che il meccanismo della vendita di energia russa all’Occidente solo con l’oro «funziona indipendentemente dal fatto che l’Occidente sia d’accordo o meno nel pagare petrolio e gas russi con il suo oro, tenuto artificialmente a buon mercato». Questo perché la Russia, avendo un flusso regolare di dollari dalla vendita di petrolio e gas, «in ogni caso potrà convertirli in oro ai prezzi attuali, depressi con ogni mezzo dall’Occidente», attraverso le manovre della Fed e dell’Esf, (Exchange Stabilization Fund), che abbassano il prezzo dell’oro per sorreggere un dollaro dal potere d’acquisto artificialmente gonfiato dalle manipolazioni nel mercato.

Nel mondo finanziario, continua Kalinichenko, è assodato che l’oro sia un fattore anti-dollaro: nel 1971, Richard Nixon chiuse la “finestra d’oro”, ponendo fine al libero scambio tra dollari e oro, garantito dagli Stati Uniti nel 1944 a Bretton Woods. Ma ora, «Putin ha riaperto la “finestra d’oro”, senza chiedere il permesso a Washington». Premessa: «In questo momento, l’Occidente spende gran parte di sforzi e risorse nel comprimere i prezzi di oro e petrolio. In tal modo, da un lato distorce la realtà economica esistente a favore del dollaro statunitense, e d’altra parte vuole distruggere l’economia russa che si rifiuta di svolgere il ruolo di vassallo obbediente dell’Occidente». Oggi, oro e petrolio sono molto sottovalutati, rispetto al dollaro. Sicché, «Putin vende risorse energetiche russe in cambio di quei dollari artificialmente gonfiati dagli sforzi dell’Occidente, e con cui compra oro artificialmente svalutato rispetto al dollaro». Idem per l’uranio russo, da cui dipende «una lampadina americana su sei». Attenzione: «Putin usa questi dollari solo per ritirare “oro fisico” dall’Occidente al prezzo denominato in dollari Usa e quindi artificialmente abbassato dallo stesso Occidente». Ma la mossa dell’Occidente – svalutare l’oro per rivalutare il dollaro – gli si ritorce contro: quell’oro, Putin lo sta comprando sottocosto.

Il cervello della «trappola economica dell’oro tesa all’Occidente», aggiunge Kalinichenko, probabilmente è il consigliere economico di Putin, Sergej Glazev, non a caso incluso da Washington nella lista nera dei “sanzionati”. Minacce inutili: il piano è perfettamente condiviso dal leader cinese Xi Jinping. Dalla Banca Centrale di Russia, intanto, Ksenia Judaeva fa sapere che la Bcr può utilizzare l’oro delle sue riserve per pagare le importazioni, se necessario: importazioni ovviamente provenienti dai Brics, date le sanzioni occidentali. Conviene a tutti, a cominciare da Pechino: per la Cina, la volontà della Russia di pagare le merci con l’oro occidentale è molto vantaggiosa. Infatti, spiega Kalinichenko, Pechino ha annunciato che cesserà di aumentare le riserve auree e valutarie denominate in dollari. Considerando il crescente deficit commerciale tra Usa e Cina (la differenza attuale è cinque volte a favore della Cina), questa dichiarazione tradotta dal linguaggio finanziario dice: “La Cina non vende più i suoi prodotti in cambio dei dollari”.

«I media mondiali hanno scelto di non far notare questo storico passaggio monetario», rileva Kalinichenko. «Il problema non è che la Cina si rifiuti letteralmente di vendere i propri prodotti in dollari Usa». Come la Russia, anche la Cina continuerà ad accettare i dollari come mezzo di pagamento intermedio per i propri prodotti. «Ma, appena presi, se ne sbarazzerà immediatamente, sostituendoli con qualcosa di diverso», cioè l’oro. Di fatto, Pechino non acquisterà più titoli del Tesoro degli Stati Uniti con i dollari guadagnati dal commercio mondiale, come ha fatto finora. Così, «sostituirà i dollari che riceverà per i suoi prodotti, non solo dagli Usa ma da tutto il mondo, con qualcos’altro» appositamente «per non aumentare le riserve valutarie in oro denominate in dollari Usa». D’ora in poi solo oro, quindi, anche per i cinesi. Politica di fatto già inaugurata da Russia e Cina, per i loro scambi bilaterali: «La Russia acquista merce direttamente dalla Cina con l’oro al prezzo attuale, mentre la Cina compra risorse energetiche russe con l’oro al prezzo attuale». Il dollaro? Archiviato.

Tutto questo non sorprende, dice Kalinichenko, perché il biglietto verde non è un prodotto cinese, né una risorsa energetica russa. «È solo uno strumento finanziario intermedio di liquidazione». E se l’intermediario non conviene più, visto che i partner sono ormai in relazione diretta, viene escluso. Le speranze occidentali che Russia e Cina, per le loro risorse energetiche e beni, accettino in pagamento “shitcoin” o il cosiddetto “oro cartaceo” di vario genere, non si sono concretizzate: «Russia e Cina sono interessate solo all’oro, metallo fisico, come mezzo di pagamento finale». Il fatturato del mercato dell’oro cartaceo, quello dei “futures” sull’oro, è stimato sui 360 miliardi di dollari al mese, ma le consegne fisiche di oro sono pari solo a 280 milioni di dollari al mese. «Il che fa sì che il rapporto tra commercio di oro cartaceo contro oro fisico sia pari a 1000 a 1». Sicché, «utilizzando il meccanismo di recesso attivo dal mercato, artificialmente ribassato dall’attività finanziaria occidentale (oro), in cambio di un altro artificialmente gonfiato dall’attività finanziaria occidentale (dollaro), Putin ha così iniziato il conto alla rovescia della fine dell’egemonia mondiale del petrodollaro».

In questa maniera, prosegue Kalinichenko, il presidente russo «ha messo l’Occidente in una situazione di stallo, priva di alcuna prospettiva economica positiva». L’Occidente, infatti, «può usare la maggior parte dei suoi sforzi e risorse per aumentare artificialmente il potere d’acquisto del dollaro, nonché ridurre artificialmente i prezzi del petrolio e il potere d’acquisto dell’oro», ma il suo problema è che «le scorte di oro fisico in suo possesso non sono illimitate». Risultato: «Più l’Occidente svaluta petrolio e oro contro dollaro statunitense, più velocemente svaluterà l’oro dalle sue non infinite riserve». Il metallo prezioso detenuto da Usa ed Europa, e pesantemente svalutato, finisce quindi rapidamente in Russia e in Cina, ma anche in Brasile, in India, in Kazakhstan e negli altri paesi Brics. «Al ritmo attuale di riduzione delle riserve di “oro fisico”, l’Occidente semplicemente non avrà tempo di fare nulla contro la Russia di Putin, fino al crollo dell’intero mondo del petrodollaro occidentale». Scacco matto?

«Il mondo occidentale non ha mai affrontato eventi e fenomeni economici come quelli attuali», sostiene Kalinichenko. «L’Urss vendette rapidamente oro durante la caduta dei prezzi del petrolio», mentre la Russia di Putin, al contrario, «acquista rapidamente oro durante la caduta dei prezzi del petrolio», minando il monopolio finanziario del dollaro statunitense. «Il principio fondamentale del modello mondiale basato sul petrodollaro permette che i paesi occidentali guidati dagli Stati Uniti vivano a spese del lavoro e delle risorse di altri paesi e popoli, grazie al ruolo della moneta statunitense, dominante nel Sistema Monetario Globale (Smg). Il ruolo del dollaro Usa nell’Smg consiste nell’essere il mezzo ultimo di pagamento. Ciò significa che la moneta nazionale degli Stati Uniti, nella struttura dell’Smg, è l’accumulatore finale degli attivi patrimoniali, e scambiarlo con qualsiasi altro bene non avrebbe senso». Quel che fanno ora i paesi Brics, guidati da Russia e Cina, consiste invece nel cambiare, di fatto, il ruolo e lo status del dollaro Usa nel sistema monetario globale: da «ultimo mezzo di pagamento e accumulazione del patrimonio», la moneta Usa «viene trasformata in un mero mezzo di pagamento intermedio, destinato solo allo scambio con un’altra attività finanziaria ultima: l’oro», che come il dollaro è «un bene monetario riconosciuto», col vantaggio di essere «denazionalizzato e depoliticizzato».

Impensabile, ovviamente, che gli Stati Uniti accettino una sconfitta epocale e planetaria così bruciante. E qui, infatti, entriamo in zona-pericolo. «Tradizionalmente, l’Occidente utilizza due metodi per eliminare la minaccia all’egemonia mondiale del modello fondato sul petrodollaro e ai conseguenti eccessivi privilegi occidentali. Uno di questi metodi è costituito dalle “rivoluzioni colorate”. Il secondo metodo, di solito applicato dall’Occidente se il primo fallisce, sono le aggressioni militari e i bombardamenti. Ma nel caso della Russia entrambi questi metodi sono impossibili o inaccettabili per l’Occidente», afferma Kalinichenko. Intanto, tutta la popolazione russa è con Putin: impossibile fabbricare una “rivoluzione colorata” per eliminare il capo del Cremlino. Restano le armi, cioè i missili. Ma la Russia non è la Jugoslavia, né l’Iraq, né la Libia. «In ogni operazione militare non-nucleare contro la Russia, sul territorio della Russia, l’Occidente guidato dagli Stati Uniti è destinato alla disfatta. E i generali del Pentagono che esercitano la vera guida delle forze della Nato ne sono consapevoli». Una guerra nucleare? «Sarebbe egualmente senza speranza», perché la Nato «non è tecnicamente in grado di infliggere un colpo che disarmi completamente la Russia del potenziale nucleare». La rappresaglia equivarrebbe all’apocalisse: sarebbe «la nota finale e l’ultimo punto dell’esistenza della Storia», cioè «la fine della vita sul pianeta, fatta eccezione per i batteri».

I principali economisti occidentali, conclude Kalinichenko, sono certamente consapevoli di quanto grave e disperata sia la situazione in cui si trova l’Occidente, caduto nella trappola economica d’oro predisposta da Putin. «Sin dagli accordi di Bretton Woods conosciamo tutti la regola aurea, “Chi ha più oro detta le regole”. Ma in Occidente stanno tutti zitti. Sono silenziosi perché nessuno sa come uscire da tale situazione». Se si svelassero all’opinione pubblica occidentale tutti i dettagli del disastro economico incombente, l’élite del sistema basato sul petrodollaro si troverebbe a dover rispondere alle domande più terribili. Ovvero: per quanto ancora l’Occidente potrà acquistare petrolio e gas dalla Russia in cambio di oro fisico? E cosa accadrà ai petrodollari Usa dopo che l’Occidente esaurirà l’oro fisico per pagare petrolio, gas e uranio russi, così come per pagare le merci cinesi? «Nessuno in Occidente oggi può rispondere». E questo, aggiunge Kalinichenko, si chiama davvero scacco matto.

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!