lunedì 19 gennaio 2015

KOBANE RESISTE: Uno sguardo dentro la città Syriana  sotto assedio dei terroristi dello "Stato Islamico" Isis, e bombardata dagli Stati Uniti...

Danny Gold
businessinsider
tradusiu imprentau
de Sa Defenza


"Benvenuti a Stalingrado. Benvenuti a Kobane," ha detto un militante curdo, iniziando con la sua auto una folle corsa attraverso il confine turco appena chiuso, ci ha portato nella città siriana  a maggioranza curda , che si avvicina al suo 100 ° giorno di combattimento contro l'assedio brutale da parte dello Stato islamico. I jihadisti l'hanno occupata da metà settembre venendo da sud, da ovest ed est, e dopo aver occupato tutti gli altri paesi vicini, con l'invio di ondate di combattenti per più di tre mesi.

La milizia curda a difesa della città, la Protezione di Unità Popolare (YPG), ha fatto progressi nello spingere indietro lo Stato Islamico nelle ultime settimane, ma era necessario, per il combattente YPG, guidare con i fari spenti in modo da non attirare l'attenzione sul veicolo. In tutta la città, i combattenti YPG  sono sempre in guardia, pronti alla difesa contro i nuovi attacchi dello stato islamico; quotidianamente  si spingono  per riprendere, blocco per blocco e casa per casa.

la strada del mercato distrutta
L'attenzione su Kobane è all'ordine del giorno. La città possiede poco interesse strategico nella guerra civile siriana. Lo Stato islamico controlla già i valichi di frontiera ad est e ad ovest, e sembra operare in un clima di tacita distensione con la Turchia. Tatticamente, detiene un valore minimo per le forze curde, in quanto è distante dagli altri Cantoni curdi Cizire e Efrin.

Eppure, nonostante la mancanza di giornalisti occidentali all'interno Kobane, l'assedio ha catturato l'attenzione dei media internazionali ed è divenuto il centro principale della campagna di bombardamenti della coalizione. Secondo i dati del comando centrale, il 76 per cento di tutti gli attacchi aerei in Siria è stata incentrata su Kobane.

Kobane è  diventato un simbolo internazionale della resistenza contro lo Stato islamico.Una forza curda sotto-armata, nota per i principi secolari  sull'uguaglianza di genere, ha combattuto e respinto lo Stato Islamico meglio attrezzato,nella strada attraverso la Siria e l'Iraq con poche perdite. Nel frattempo, la battaglia per Kobane fa della prima linea la battaglia di propaganda sui social media. Gli analisti hanno teorizzato cosa significherebbe se lo Stato islamico prendesse la città - anche a fronte degli attacchi aerei della coalizione - o, al contrario, se il YPG  riuscisse a respingerli.

La lotta è ora in gran parte un gioco dei cantoni. Schermi anti-cecchino - grandi teloni, coperte, lenzuola, qualsiasi cosa che può essere utilizzato per bloccare la visuale - appendere in quasi qualsiasi spazio aperto all'interno centinaia di metri di linea del fronte. Perwer Ali Muhammad, un insegnante della scuola superiore si è improvvisato giornalista e guida, dopo aver scelto di rimanere a Kobane quando la maggior parte dei suoi abitanti sono fuggiti a a settembre a nord oltre il confine turco, ha consigliato a coloro che sono rimasti con lui di stare vicini alle pareti, per evitare pallottole vaganti, questo,  anche se erano a centinaia di metri dal fronte.

"La prima linea è quasi sicura, perché i mortai sono ovunque, attivi in qualsiasi momento", afferma. La sua casa è stata recentemente danneggiata da colpi di mortaio, e ora vive  in una altra  casa con altri giornalisti locali.


Le lenzuola appese servono ad impedire
la visuale ai cecchini.
Fonti YPG dicono che lo Stato islamico sta lanciando sul campo da 10 e 200 mortai al giorno. Ordigni inesplosi e schegge sono ovunque, così come i resti di edifici tutti forati dalle esplosioni. Nelle passeggiate in città, giornalisti  sottolineano dove sorgevano le aziende e le case degli amici. Alcuni di loro non sono in grado di raggiungere le loro case, da molti mesi, perché si trovano all'interno dell'area controllata dallo Stato islamico.

I quartieri sul lato orientale della città, dove c'è la prima linea sono nonostante tutto ancora molto attivi, una visione strana desolata ove manca di tutta l'attività normale eccetto per poche persone che si fanno strada tra le macerie, o un bulldozer che spiana i detriti. Ci sono i civili , che si nascondono dentro i loro appartamenti.

combattenti YPJ sul fronte orientale.

Combattenti YPG, tuttavia, sono ovunque. Si materializzano fuori degli scheletri degli edifici, salgono attraverso fori, fatti dai bombardamenti, nei muri o camminano volutamente in piccoli gruppi sui loro lati. Passiamo ore al loro seguito, scavalcando macerie, attraverso appartamenti disseminati di detriti, vite abbandonate, scavalcano materassi, vestiti, fotografie, vestiti, stoviglie, e foto di famiglia. Camminiamo dietro alle enormi coperte e teloni, correndo per schivare colpi quando necessario, scarpinate intorno a calcestruzzo insabbiato.

Alcuni combattenti decidono di accompagnarci e guidarci attraverso complessi di appartamenti e strade trasformate in basi improvvisate, mentre altri punti di controllo gestiti da altri uomini che bloccano le strade con auto e camion bruciati. Ci sono buchi per i cecchini; insistono che guardi attraverso per dare un'occhiata alle posizioni dello stato islamico. Altri ci danno barrette di cioccolato, semi di girasole, e sigarette e insistono affinché ci uniamo a loro per il tè, e non ci importa della vicinanza dei jihadisti.

Decine di migliaia di civili sono fuggiti oltre il vicino confine turco.

Sul lato nord di Kobane si trova il confine con la Turchia. Decine di migliaia di profughi sono fuggiti attraverso esso negli ultimi mesi, l'ondata più grande, è di metà settembre, quando è apparso la caduta della città era una conclusione scontata. Il governo turco diffida del YPG a causa della sua affiliazione con il gruppo politico curdo del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK), che conduce una rivolta separatista da 30 anni. La Turchia ha fatto poco per alleviare l'assedio ed ha anche arrestato e imprigionato alcuni civili curdi in fuga dalla battaglia.



I Curdi in Siria e in Turchia hanno  accusato il governo turco di apologia dell'attacco da Stato islamico, essendo complici, per la loro mancanza di azione, rendendo difficile ai civili, i rinforzi, e agli aiuti di attraversare il confine, nonostante una precedente politica di controllo relativamente lassista nei confronti dei gruppi jihadisti.

I YPG hanno ricevuto qualche aiuto: con lanci aerei di  armi, accompagnati dall'inizio degli attacchi aerei a guida Usa, il governo turco ha accettato di consentire a una piccola forza di peshmerga curdi iracheni di dotarsi di artiglieria pesante. Eppure sono ancora disarmati contro i carri armati dello Stato islamico, artiglieria e mortai.

combattenti YPG e YPJ a meno di 150 metri
dai combattenti dello stato islamico.
Elettricità, riscaldamento, medicine, cibo, acqua, e gas  scarseggiano. Non hanno i radar, e nemmeno giubbotti antiproiettile, ne hanno occhiali per la visione notturna. Essi devono stare sempre di guardia in tutta la città, in ogni momento, ciò nonostante molti appaiono rilassati. In una base, una combattente femminile - della  Unità di Protezione  delle donne del YPG (YPJ) - scherza con un serpente giocattolo, spaventando i suoi compagni, un altro ci informa che lo Stato islamico si trova a soli 150 metri di distanza.

Una guida YPG si ferma per mostrare i graffiti - i nomi di tre combattenti dello Stato Islamico scarabocchiati su un muro. Attraverso un cortile, una base già in mano al gruppo, sotto attacco aereo. Nelle zone prese, corpi carbonizzati di combattenti dello Stato Islamico giacciono sparsi per terra. Alcuni sono stati bruciati dai loro compagni  per evitare di essere identificati, altri lo sono dagli attacchi aerei. La puzza dei cadaveri aleggia sulle macerie.

Gli attacchi aerei sono per lo più di notte. I  locali urlano fuori "Obama!" ogni volta che trema la terra. I YPG aiutano molto, e sono necessari. Un ufficiale, il comandante Bilnk, dice che i YPG avanzano anche senza armi pesanti ma si possono muovere solo lentamente. "Se (gli Stati Uniti), fossero coordinati con noi in modo molto preciso sul terreno, potremmo cancellare l'occupazione di Kobane in una settimana".

il comandante Bilnk
Anche così, il morale è sorprendentemente elevato tra i giovani combattenti. Di solito sono sorridenti quando li incontrate, e mostrano poca paura o ansia. Molti hanno già soggiornato nel terreno dove sembra che lo Stato islamico ha invaso le loro posizioni; ora, i militanti li spingono indietro e perdono sempre più terreno ogni giorno che passa, la loro fiducia è evidente.

I punti di discussione standard dei gruppi combattenti curdi, in particolare nel YPG, sono diventati un luogo comune. I combattenti non rispondono alle domande, senza il permesso dei loro superiori, e quando ricevono il permesso  parlano con frasi collaudate spesso ripetute in ogni intervista:"Lottiamo per l'uguaglianza, non siamo spaventati da IS, moriremo per la nostra terra e la nostra libertà, lotteremo fino all'ultima goccia di sangue. "

In altre situazioni, queste parole possono talvolta suonare come vuote, ma a Kobane, sono indubbiamente vere.

Molti dei combattenti che possiedono Kobane sono nati e cresciuti in città, e conoscono ogni strada, e ogni vicolo. Altri combattenti sono di Efrin, un'altra città curda in Siria. Alcuni hanno aderito al YPG  per difendere la loro casa; altri hanno combattuto con il gruppo - o con il PKK - per anni, guidati dall'ideologia o determinati dalla forte identità curda.

 Combattentio YPG e YPJ in posa per una fotografia prima di uscire di pattuglia.


In un edificio vicino al confine turco, una giovane combattente YPJ studente di geografia,  ha lasciato gli studi cinque mesi fa. I suoi genitori pensano ancora che sia in Turchia. Viveva nella città turca di Izmir e non sapeva parlare curdo. Lei era "lontano dalla sua cultura" e ha sofferto per la discriminazione anti-curda.
Ha cominciato a leggere gli scritti di Abdullah Ocalan, il leader del PKK, ed è stata fortemente influenzata da loro. Sentendo il bisogno di riscoprire la sua identità, ha deciso di venire a Kobane.

Alla domanda sul perché ha scelto un posto sotto attacco da parte dello Stato islamico, piuttosto che le più sicure città curde in Turchia meridionale come Diyarbakir o Derik, la combattente ha detto che è venuta perché la sua gente ha bisogno di lei. "Se necessario, andrò in altri luoghi a combattere", ha aggiunto.

Come molti altri, insiste sul fatto che lei non perde la sua famiglia e non pensa più su di loro. La sua famiglia è conservatrice e voleva condurre una vita più tradizionale, ha detto. Uno dei motivi per cui ha aderito YPJ è di combattere "per sbarazzarsi della mentalità maschilista."


nella foto Zozan e Avashin erano studentesse prima di unirsi alla lotta contro i jihadist

Tre piani sopra di lei, Zozan e Avashin accovacciati dietro sacchi di sabbia su un tetto, stringono i loro fucili. Uno stormo di piccioni vola via ogni volta che un tiro di un cecchino colpisce nelle vicinanze. Anche  loro, hanno 20 anni, erano studentesse prima che iniziassero i combattimenti - "ragazze normali", dicono.

Anche loro non pensano ai loro cari, ma, come proteggere i "loro" civili. "Loro sono ora la nostra famiglia," ha detto Avashin. "Molti giornalisti vengono, solo per scattare foto di donne con in mano le armi, ma noi lo siamo per i nostri diritti, per i diritti dei curdi, per i diritti delle donne", ha aggiunto.
La lotta per Kobane ha un rivestimento d'argento per la loro gente, i giovani dire. "Quasi quattro anni fa nessuno sapeva di sofferenza curdo. Ora, con l'attacco dello Stato islamico, il mondo intero sta prestando attenzione a noi", ha detto Avashin.

Molti, sono morti. Un giornalista svedese, uno degli ultimi a lasciare Kobane mesi prima, quando sembrava che la città stesse per cadere nelle mani dei nemici, mostra alle donne  una rivista che ha pubblicato alcune delle sue fotografie precedenti. Egli è alla ricerca di una combattente YPJ fotografata, cercando di scoprire se è ancora viva. Avashin e Zozan sfogliano le immagini, sottolineando che tutti sanno. Quasi tutti sono stati uccisi. E 'difficile trovare qualcuno in Kobane che non ha perso un familiare durante l'assedio dello Stato islamico.

combattente YPG si muove attraverso
il buco di un edificio bombardato.

Veicolo carico ordigni esplosivi improvvisati, o VBIED, sono la maggiore preoccupazione per molti dei combattenti YPG in prima linea. Lo Stato islamico ha inviato decine di autobomba contro di loro, a volte di più veicoli contemporaneamente. Tutti i combattenti possono sparare alla macchina, sperando di colpire il conducente o gli esplosivi.


Qualche settimana prima, tre autobombe avevano colpito proprio vicino alle porte del Mursitpinar, l'incrocio ufficiale con la Turchia. Un cratere enorme giaceva accanto a un edificio distrutto in cui uno aveva colpito e un singolo bulldozer elimina macerie nelle vicinanze. I Curdi prendono ad esempio i bombardamenti come prova che le guardie di frontiera turche aiutano lo Stato islamico, insistendo sul fatto che non vi era modo che le auto potessero provenire da qualsiasi altra parte, se non dalla Turchia.

A pochi isolati di distanza, un  VBIED dello Stato islamico ha distrutto uno degli ospedali di Kobane. Il gruppo rivolge l'attenzione regolarmente a strutture mediche, costringendo i medici  a muoversi dalle loro cliniche e l'ospedale principale operativo è sotterraneo. Si compone di due stanze, una sopra l'altra come scatole, e un'altra che contiene solo una tabella con uno stetoscopio. Questa è la sala operatoria.

"Abbiamo bisogno di tanto materiale e medicine", ha detto Manaf Kitkani, un farmacista che si è trasformato in medico,  i combattenti entrano ed escono  dalla stanza medica. "Questo non è sufficiente."

Kitkani ora si ritrova in servizio con il ruolo di medico. La città ha attualmente 10 medici, due farmacisti e tre infermiere. Alcuni sono in grado di andare in Turchia per un occasionale, breve riposo. La famiglia di Kitkani è lì, ma ha scelto di rimanere a Kobane, contro il parere dei suoi parenti, perché si sente in obbligo verso la sua città.

Kitkani ha detto che l'unico modo per ottenere più medicine  è con le persone che vengono contrabbandandole attraverso il confine, portandone piccole quantità. Non vi è alcun sforzo di aiuti internazionali per Kobane, mentre sono state fatte molte richieste di assistenza umanitaria, la maggior parte del suo sostegno viene solo dai civili curdi e dei partiti politici della città di confine turca di Suruc. Suruc  è già tesa a sostenere gli afflitti, con tendopoli di rifugiati disseminati lungo i lati delle sue strade.

All'interno di Kobane, i ritmi familiari della vita cittadina sono scomparsi. Non ci sono negozi aperti, nessun calore, nessun potere, e l'inverno è freddo con la pioggia . Il YPG fornisce cibo di base e acqua ai civili, ma anche quei punti sono come detto di basso profilo.

Nel racconto familiare della guerra siriana, a Kobane hanno un nuovo ruolo. Studenti trasformati in combattenti, panettieri divenuti operatori umanitari, gli adolescenti sono gli esperti di trasporto, gas e contrabbandieri di sigarette accesi trafficanti di esseri umani. L'intera città è orientata verso la lotta.

Questo combattente YPG racconta del  fratello martire nella lotta contro lo Stato islamico.



Mahmoud, 36 anni operaio metalmeccanico trasformato in combattente di prima linea, seduto in una stanza sul retro del primo piano di un complesso di appartamenti, in legno e materassi appoggiati contro le finestre aperte e buchi nel muro. Ha ripetuto il ritornello familiare di usare armi pesanti per cancellare lo Stato islamico. La sua famiglia vive in Turchia e lui non li vede da mesi, ma ha detto che in alcuni momenti, non sente più la loro mancanza.

Siamo stanchi delle domande circa lo sforzo bellico. "Siamo esseri umani normali," ha detto."Non ci piacciono gli scontri, ci piace la pace. Non siamo amanti della guerra."
Stringe il suo AK-47. "Questa arma uccide un essere umano", ha detto, alzando l'arma. "Noi non vogliamo usare questa cosa."


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!